`Kersten Wetenkamp, ​​intenditore di olio d'oliva di Der Feinschmecker - Olive Oil Times

Kersten Wetenkamp, ​​l'esperto di olio d'oliva di Der Feinschmecker

Febbraio 8, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Di Julie Butler
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

Febbraio 4th era la data di chiusura del 2011 per l'ingresso di una delle guide di olio d'oliva più influenti al mondo, pubblicata ogni anno dalla migliore rivista gastronomica tedesca, Der Feinschmecker (letteralmente "Il Gourmet ”). Quest'anno, 800 oli sono stati inseriti per l'inclusione nella guida Olio Awards, che uscirà a giugno. Kersten Wetenkamp è l'editore enogastronomico della rivista da dieci anni e dal 2003 supervisiona la guida. Dalla sua nativa Amburgo, ci racconta l'arduo processo di selezione e le tendenze che vede nel settore dell'olio d'oliva.

Come hai iniziato a scrivere gourmet?
Ho sempre desiderato scrivere di cultura (letteratura, cinema) ma il buon cibo e il vino sono sempre stati importanti nella mia famiglia. Mia madre dava lezioni di cucina in una scuola, quindi a casa c'era un buon livello di cucina. Durante i miei studi di giornalismo ad Amburgo, ho colto l'occasione per fare un'esperienza lavorativa di due mesi al Der Feinschmecker e questo si è rivelato molto piacevole e divertente (abbiamo fatto degustazioni di vino ogni giorno!). Ho iniziato il mio lavoro di editore nel 2000 dopo quattro anni di redazione di una rivista di economia e informatica.

Cosa ha ispirato la guida dell'olio d'oliva?
L'abbiamo iniziato nel 2003 perché non c'era niente di simile sul mercato. È stato un lavoro pionieristico. Chi conosceva l'olio d'oliva a quel tempo? C'erano pochissimi esperti in Germania, quindi li abbiamo invitati dall'Italia, dalla Grecia e dalla Spagna a venire ad Amburgo e assaggiare gli oli d'oliva. Avevamo un database con diverse centinaia di rivenditori alimentari e abbiamo chiesto a tutti di inviarci olio d'oliva. Alla fine, siamo rimasti sbalorditi nel vedere migliaia di bottiglie di olio d'oliva nel nostro ufficio!

Parlaci del processo di selezione e del ruolo svolto dalla guida.
il processo è molto semplice. Chi vuole può entrare ma deve pagare 29 euro a olio, visto il costo elevato della degustazione. Trattiamo circa 900 oli d'oliva da quasi tutti i paesi produttori. Non sono ammessi oli aromatizzati alle erbe e fin dall'inizio il nome del produttore deve comparire sulla bottiglia o non accetteremo l'olio. Fanno eccezione a questa regola gli oli di oliva biologici e DOP. Credo che la nostra analisi sensoriale sia una delle più rigorose al mondo. Alla fine, solo 200-250 arriveranno alla pubblicazione. La nostra guida è importante soprattutto per il mercato tedesco, dove gioca un ruolo chiave per i produttori che dipendono più o meno dai rivenditori tedeschi. Anche molti produttori greci e italiani prestano grande attenzione alla nostra guida.

Quali tendenze hai notato?
Il cambiamento più grande che ho visto è con l'immagine degli oli spagnoli. Quando abbiamo iniziato, c'era un vero pregiudizio sugli oli d'oliva spagnoli: erano per quantità ma non per qualità. In effetti, intorno al 2003, gli oli spagnoli sono stati visti raramente nei supermercati tedeschi, ad eccezione di "prodotti industriali anonimi etichettati "Made in Spain ”che probabilmente erano un mix di oli greci, spagnoli e africani.

Ho scritto un articolo in WirtschaftsWoche, una rivista economica tedesca, sulla mancanza di consapevolezza della qualità in Spagna, rispetto alla qualità costantemente elevata degli oli del Nuovo Mondo provenienti da paesi come l'Australia e gli Stati Uniti. Ciò ha fatto arrabbiare molto la Camera di Commercio spagnola. Ma da allora, le cose sono cambiate radicalmente e i produttori di olio d'oliva spagnoli sono ora tra i migliori nella nostra concorrenza. Sembra che i produttori vedano la loro nicchia, il loro angolo di mercato in Germania. In quella che è una vera rivoluzione, ora mettono il nome del produttore sull'etichetta.

In secondo luogo, c'è una tendenza alla tracciabilità, come abbiamo visto a Creta, dove i produttori danno una certa trasparenza al loro prodotto, per consentire ai clienti di risalire alla fonte delle olive fino alla data di imbottigliamento. Lentamente, questo verrà stampato su sempre più etichette grazie alla richiesta da parte dei media e dei clienti.

In terzo luogo, la produzione ecologica è ancora richiesta in Germania e ci saranno sempre più oli con il marchio di qualità ecologica. ha senso? Non ne sono sicuro, ma questo è il mercato. Infine, in Italia stiamo vedendo sempre più produttori che rimuovono i noccioli prima di spremere le olive. Questi nuovi oli speciali, denocciolato or snocciolato, a volte sono buoni (ben bilanciati) ea volte non (sbilanciati). Di conseguenza, questi oli tendono ad avere un gusto più amaro, più forte e un livello più elevato di polifenoli. In Germania, il consumo di olio d'oliva sta crescendo rapidamente e la tendenza è verso un crescente interesse per la qualità.

Stai modificando un libro che uscirà nel 2011, di cosa si tratta?
È un manoscritto di Toledo Carlos Falco sulla sua esperienza con il frantoio più moderno del mondo, compresa la sua collaborazione con il toscano Marco Mugelli, uno dei maggiori esperti mondiali di olio d'oliva. L'olio risultante, Marques de Griñon, è uno dei migliori. Il libro è stato pubblicato dall'editore di Der Feinschmecker, Hoffmann e Campee sia in tedesco che in inglese. Si tratta della storia e dei benefici della produzione e del consumo di olio d'oliva. Ma ancora più interessante, includerà la visione personale di questo grande pioniere del vino e dell'olio d'oliva. È rivolto a un pubblico di lettori in Germania e in tutta Europa.

Come usi l'olio d'oliva?
Uso l'olio d'oliva tutti i giorni, soprattutto la sera con i piatti, sul pane, sulle bruschette, sulle insalate e sul pesce. Sono consapevole di provare a mangiare in modo sano e cerco di seguire una dieta cretese, con molti frutti di mare, frutta e verdura. Nei fine settimana uso sempre molto olio d'oliva per friggere.

Guida ai Der Feinschmecker Olio Awards

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti