` Leandro Ravetti sugli standard australiani proposti per l'olio d'oliva - Olive Oil Times

Leandro Ravetti sugli standard proposti per l'olio d'oliva dell'Australia

Gennaio 18, 2011
Sarah Schwager

Notizie recenti

Di Sarah Schwager
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Buenos Aires

All'inizio di questo mese, dettagli di una bozza è stato rilasciato il primo standard per trattare l'olio d'oliva e l'olio di sansa di oliva in Australia e Nuova Zelanda. Lo ha detto il responsabile della redazione Leandro Ravetti Olive Oil Times ciò che pensa tutto significhi per i produttori, gli importatori e i consumatori di olio d'oliva.

Gli standard proposti per l'Australia e la Nuova Zelanda avrebbero dovuto scuotere l'industria mondiale dell'olio d'oliva, essendo i primi ad affrontare adeguatamente i problemi di etichettatura e la qualità dell'olio extra vergine di oliva.

I consumatori sono attualmente indotti in errore da pratiche di etichettatura false e confuse.- Leandro Ravetti

"Gli operatori senza scrupoli che attualmente stanno approfittando della significativa differenza di prezzo disponibile rivendendo ingannevolmente oli di semi e / o olio di oliva di qualità inferiore come olio extra vergine di oliva di alto valore saranno seriamente interessati da questo nuovo regolamento ", ha dichiarato Leandro Ravetti. "Nel frattempo, operatori autentici e onesti provenienti da Australia, Nuova Zelanda e oltreoceano riceveranno il vantaggio di condizioni di parità in cui i loro prodotti di qualità superiore sono protetti e riconosciuti ".

Mentre recentemente in Australia c'è stato molto scandalo sulla qualità degli oli di oliva locali rispetto a quelli importati venduti nei supermercati, Ravetti ha affermato di preferire parlare di produttori onesti e di alta qualità o di operatori senza scrupoli, indipendentemente da dove si trovino. "Ci sono prove australiane e d'oltremare significative che indicano che grandi percentuali di oli di oliva in tutto il mondo sono etichettati erroneamente, adulterati con altri oli di semi o sono stati imbottigliati con olio inferiore ", ha detto.

"Allo stesso tempo, i consumatori vengono indotti a credere di acquistare un prodotto sano (EVOO) naturale, fresco e non raffinato. Questo spesso non è il caso o vengono ingannati, pagando quello che credono essere un particolare grado di olio d'oliva che in molti casi è un grado inferiore o in alcuni casi non olio d'oliva ".

Nato e cresciuto in Argentina, è considerato uno dei suoi migliori ricercatori olivicoli, l'ingegnere agricolo che si è trasferito in Australia a 2001 per unirsi Curva limite poiché il suo direttore tecnico è ora considerato tra i consulenti più qualificati ed esperti dell'Australia.

Un membro del Standard Australia Technical Committee FT-034 Olio d'oliva Rappresentando gli olivicoltori australiani, Ravetti era incaricato di scrivere lo standard, seguendo le indicazioni ricevute da un comitato tecnico di vari rappresentanti in tutto il settore e raccogliendo e risolvendo i loro commenti e osservazioni.

Ravetti ha affermato che il progetto di standard australiano e neozelandese e internazionale (come lo standard del Codex per gli oli di oliva e di sansa di oliva, lo standard commerciale del Consiglio oleicolo internazionale sugli oli di oliva e di sansa di oliva, il regolamento della Commissione europea su le caratteristiche dell'olio di oliva e dell'olio di residuo di oliva e Norme statunitensi per i gradi di olio di oliva e olio di sansa di oliva) hanno una serie di aree in comune, in particolare per quanto riguarda le metodologie analitiche riconosciute a livello mondiale e i limiti critici, il nuovo standard proposto differisce in modo significativo in una serie di aspetti.

Questi includono una denominazione commerciale più semplice e chiara delle diverse categorie di oli di oliva e oli di sansa di oliva "al fine di evitare gli attuali termini fuorvianti e confusi ”; una revisione dei limiti dell'intervallo per una serie di parametri chimici al fine di evitare che l'olio d'oliva genuino (in particolare l'olio d'oliva australiano e neozelandese) venga escluso per la sua naturale variazione nella composizione; l'introduzione di metodi analitici di recente sviluppo in grado di rilevare moderne tecniche di raffinazione attualmente non rilevabili dalle vecchie metodologie incluse negli standard esistenti; e l'introduzione di una politica di data di scadenza che è attualmente "manca in tutti gli altri standard ”.

Ravetti ha affermato che nessuno degli standard internazionali soddisfa la naturale variazione degli oli prodotti in Australia e Nuova Zelanda.

"L'Australia, attraverso il Dipartimento dell'Agricoltura, della Pesca e della Silvicoltura e con la rappresentanza dell'industria olivicola australiana, ha fatto diversi tentativi per introdurre alcune delle modifiche proposte agli standard dell'olio d'oliva nel Comitato per i grassi e gli oli della Commissione del Codex Alimentarius ", ha affermato. "In ogni fase c'è stata un'opposizione da parte di altri paesi, in particolare l'Unione europea, ma a mio avviso senza solide basi scientifiche o tecniche per tale opposizione ".

Ravetti ha affermato che i motivi principali per cui l'Australia e la Nuova Zelanda stanno perseguendo un "serie di norme tecnicamente solide e orientate al consumatore "per l'olio d'oliva è di affrontare il fatto che i consumatori sono attualmente indotti in errore da pratiche di etichettatura false e / o confuse, che possono comportare l'acquisto inconsapevole di prodotti di qualità inferiore e / o attributi di salute inferiori .

"Molti oli australiani e neozelandesi di alta qualità non sono riconosciuti a livello internazionale, con standard arbitrari utilizzati come barriere commerciali contro le variazioni naturali dei componenti minori che non hanno alcuna rilevanza per la qualità effettiva degli oli ", ha affermato.

Ravetti ritiene che le caratteristiche principali del progetto di standard siano la sua forte attenzione alla protezione dei consumatori e la sua enfasi su EVOO come il più alto grado di qualità. Lo standard propone nuove denominazioni di grado che ha affermato che sono più facili da capire.

"Ad esempio, il nuovo documento propone di chiamare una miscela di olio d'oliva raffinato e altri oli d'oliva 'Miscela raffinata di olio d'oliva "anziché termini confusi attualmente usati come 'Luce extra "o 'Olio d'oliva puro'."

Incorpora anche nuove tecniche analitiche e una politica di data di scadenza mirata a proteggere e incoraggiare la freschezza di EVOO, nonché a rilevare pratiche fraudolente.

Per quanto riguarda la decisione di impostare il livello di acidità libera in EVOO a 0.8 in linea con gli standard internazionali, il signor Ravetti ha affermato di non essere in grado di discutere pubblicamente gli aspetti che sono stati discussi all'interno del Comitato tecnico, personalmente è a favore dell'idea di livelli di acidità libera più bassi per EVOO.

"Ma dobbiamo ricordare che il documento proposto è il risultato del consenso raggiunto tra un gran numero di parti interessate ", ha affermato. "Sembra chiaro in tutto il nuovo documento che tutte le modifiche rispetto alle normative internazionali sono state introdotte solo quando assolutamente necessarie e supportate molto bene da prove tecniche ".

Ha detto che è importante sottolineare che alcune delle nuove sostanze chimiche, come l'analisi dei diacilgliceroli (DAG), limiterebbero la presenza di oli con elevate acidità libere che potrebbero non superare questo test durante la shelf life del prodotto.

Il signor Ravetti ha detto che è anche importante notare che lo standard sarà un documento volontario e avrà valore legale solo se richiamato dalle autorità di regolamentazione o nei contratti.

* Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni personali di Ravetti e non rappresentano necessariamente le opinioni degli Standard Australia o del Comitato Tecnico sui progetti di standard.

Related News

Feedback / suggerimenti