`Riscoprire le origini dell'olio d'oliva in Turchia - Olive Oil Times

Riscoprire le origini dell'olio d'oliva in Turchia

Giu. 12, 2010
Umut Egitimci

Notizie recenti

La produzione di olio d'oliva risale alla preistoria in Turchia. Nei tempi moderni, tuttavia, il consumo di olio d'oliva in Turchia è stato inferiore rispetto ad altri paesi del Mediterraneo. E ora è tempo che la storia si ripeta, perché l'olio d'oliva si sta riscoprendo in Anatolia.

Sarebbe un vero peccato non menzionare l'Anatolia, se parliamo della storia dell'olio d'oliva. In effetti, l'Anatolia è sempre esistita come parte della cultura dell'olio d'oliva, ma la parte greca della costa dell'Egeo è stata in prima linea. Eppure, le recenti ricerche potrebbero cambiare la fortuna di questa terra su questo tema.

Gli scavi archeologici a Urla (un distretto della provincia di Izmir, sulla costa turca del Mar Egeo) hanno rivelato i 2500 anni di storia che appartengono alla città arcaica di Klazomenia. Fondata dagli Ioni nel 10th secolo a.C., Klazomenia ospitò la produzione di olio d'oliva intorno al 6th secolo aC In quel caso, i Klazomeniani potrebbero essere i primi a utilizzare la tecnologia di un sistema di produzione continuo con cilindri di pietra che girano attorno a un fuso per schiacciare le olive. Klazomenia era sicuramente il paradiso dell'olio d'oliva per quel tempo per la produzione e il commercio di olio d'oliva. Situato a 38 km a ovest di Izmir, Klazomenia e il laboratorio di olio d'oliva restaurato possono essere visitati a Urla.

Allora perché, nei tempi moderni, il consumo di olio d'oliva della Turchia è stato inferiore a quello di altri paesi del Mediterraneo? Ci sono diverse ragioni alla base di questo problema, come i prezzi elevati, ma la mancanza di produzione interna non è certamente una causa. Oggi in Turchia c'è la coltivazione dell'olivo nel 45% del paese che comprende circa 36 città e il 71% di esso avviene sulla costa del Mar Egeo. Di questo totale, il 70.6 percento viene utilizzato per l'olio d'oliva. In tutto il paese, ci sono circa 850 fabbriche di olio d'oliva che producono oltre 270,000 tonnellate di olio d'oliva. Tutto ciò pone la Turchia come il quinto più grande produttore di olio d'oliva al mondo, appena dietro la Tunisia, e al limite della Siria.

La Turchia produce il 5% dell'olio d'oliva mondiale mentre consuma solo il 2%. Fortunatamente, il National Olive and Olive Oil Council (UZZK) ha recentemente annunciato che il consumo di olio d'oliva è aumentato del 40 percento per raggiungere 1.4 kg a persona negli ultimi cinque anni. Rispetto agli anni passati in cui il consumo era di 1.0 kg / persona tra il 1980 e il 1989, la situazione può essere considerata promettente. Ma ovviamente non è ancora abbastanza quando il consumo medio dell'Unione Europea è di 4.5 kg a persona.

Anche se le statistiche possono dire la verità, la cultura dell'olio d'oliva in Turchia ha storie più profonde dei numeri. Prima di tutto, la Turchia è l'unico paese che ha una categoria speciale nella sua cucina "piatti a base di olio d'oliva. " Essendo una delle cucine più ricche e antiche del mondo, la cucina turca è il cuore e l'anima della cucina del Mediterraneo orientale. Il cibo cotto nell'olio d'oliva è una parte indispensabile di questa cucina e alcuni di questi deliziosi piatti lo sono Zeytinyağlı Yeşil Fasulye (fagiolini in olio d'oliva), Imam Bayıldı (la melanzana viene tagliata e farcita con cipolla, pepe verde / servito freddo), Zeytinyağlı Kuru Fasulye (fagioli in olio d'oliva), Zeytinyağlı Enginar (carciofo cotto con pezzi di patate, carote e piselli).

Ebbene in Turchia, l'olio d'oliva non viene utilizzato solo in cucina. Ci sono sicuramente così tanti benefici salutari dell'olio d'oliva come essere un prodotto di bellezza, ma saresti sorpreso di apprenderne gli altri usi. Hai mai sentito parlare della lotta petrolifera turca? È uno degli sport tradizionali più popolari in Turchia, dove i lottatori si coprono di olio d'oliva prima del wrestling. Indossano pantaloni di pelle corti stretti chiamati "Kispet ”realizzato in pelle di bufalo d'acqua del peso di circa 13 chilogrammi mentre lottano con i loro corpi oliati. È comune in tutto il paese, ma il torneo più famoso è chiamato "Kirkpinar ”si svolge a Edirne. È come una grande fiera con musica e feste che continua fino al mattino. La storia dei tornei di wrestling petrolifero risale all'era persiana intorno al 1065 a.C. eppure gli uomini continuano ancora a trovare il perfetto 'equilibrio 'per vincere in questo sport molto duro e interessante. Il 649th l'edizione delle storiche lotte petrolifere di Kirkpinar si è svolta alla fine di giugno 2010. È andata avanti per una settimana e, solo il primo giorno, sono stati utilizzati circa 500 kg di olio d'oliva per coprire i corpi dei lottatori.

Oggi, tutte le società di produzione di olio d'oliva e diverse associazioni del paese stanno cercando di alzare il livello sia del consumo che della produzione. Il Consiglio nazionale per le olive e l'olio d'oliva è una delle principali organizzazioni in Turchia che aiutano a sviluppare l'industria e la cultura dell'olio d'oliva. Dopo che la Turchia ha lasciato l'International Olive Oil Council nel 1998, il National Olive and Olive Oil Council (UZZK) è stato organizzato nel 2002 e ufficialmente istituito nel 2007. Anche il governo turco sostiene il settore e si spera che la consapevolezza continuerà a svilupparsi. Per farla breve, sembra che il miracoloso olio d'oliva venga riscoperto nella sua patria, l'Anatolia.

Related News

Feedback / suggerimenti