`SEVITEL: Presentazione dell'olio d'oliva greco all'estero - Olive Oil Times

SEVITEL: Svelando l'olio d'oliva greco all'estero

Giu. 5, 2010
Marissa Tejada

Notizie recenti

In piedi dietro l'esportazione agricola numero uno del loro paese, i membri dell'Associazione greca delle industrie e dei trasformatori di olio d'oliva, nota come SEVITEL, sanno di rappresentare uno degli interessi commerciali più importanti in Grecia. Una parte fondamentale della cultura greca, l'olio d'oliva è radicato nella storia dell'antica Grecia e oggi è usato nella cucina moderna di tutti i giorni. La sfida principale dei membri di SEVITEL è lavorare insieme per comunicare all'estero che gli oli d'oliva greci hanno qualità e vantaggi speciali come nessun altro. È una visione chiave per l'organizzazione no-profit, poiché l'85% dell'olio confezionato venduto nel mercato greco e internazionale, proviene proprio dai 53 membri di Sevitel.

"Una volta che sei coinvolto con l'olio d'oliva, penso che inizi a circolare nelle tue vene ".

Gregory Antoniadis, presidente di SEVITEL negli ultimi sette anni, afferma che il suo primo lavoro nell'industria alimentare greca è iniziato come acquirente di olio d'oliva per Unilever più di 25 anni fa. Da allora ha scalato i ranghi, attualmente ricoprendo il ruolo di Direttore delle comunicazioni e dei media di quella società.

"Per noi greci, l'olio d'oliva è una parte importante della nostra cultura, della nostra storia, della religione, ovunque. Abbiamo anche il più alto consumo pro capite sulla terra con 14 chili pro capite, neonati compresi ”, dice con un sorriso.

Anche con una ricca storia che circonda l'uso dell'olio d'oliva, la Grecia rimane il terzo produttore di dimensioni dietro l'Italia e la Spagna, che è attualmente il principale esportatore mondiale di olio extravergine di oliva.  "Potremmo essere terzi, ma produciamo olio extra vergine di oliva di qualità proporzionalmente superiore prodotto al 75 percento mentre l'Italia e la Spagna hanno percentuali molto inferiori. Il nostro svantaggio è che abbiamo costi più elevati, ma è perché investiamo in qualità. In SEVITEL, miriamo a comunicare questa speciale qualità al mondo ".

Antoniadis afferma che gli sforzi di SEVITEL sono impegnativi, dato l'avvio più lento della Grecia nella produzione e commercializzazione di olio d'oliva rispetto alle altre principali nazioni produttrici di olio d'oliva.

Dice che l'Italia, che è il secondo più grande produttore di olio d'oliva, ha avuto il suo primo prodotto di marca nel 1860 quando gli immigrati italiani aprivano la spesa e vendevano le loro prime bottiglie. Tuttavia, i primi marchi nazionali della Grecia apparvero un secolo dopo, negli anni '1960 e '1970.

La Spagna, con la sua vasta coltivazione e meccanizzazione, le ha permesso di diventare il più grande produttore ed esportatore mondiale di olio d'oliva. Tuttavia, la coltivazione intensiva è preferita in Grecia e secondo Antoniadis, un agricoltore greco potrebbe aver bisogno di più tempo per produrre il proprio olio, ma alla fine produce oli d'oliva di migliore qualità.

Gregory Antoniadis

Come risultato del modo in cui l'olio d'oliva viene tipicamente prodotto e commercializzato, la presenza dell'olio d'oliva di marca greca sul mercato internazionale era stata minima per molti anni. Per il consumatore medio, l'olio d'oliva greco di marca non era così semplice da trovare come gli oli d'oliva italiani e spagnoli.

"Siamo sempre stati i sostenitori della crescita del mercato. La principale sfida per la Grecia è quella di espandere i mercati esternamente e internamente ", spiega Antoniadis. "Quello che stiamo attraversando è un corso accelerato di comprensione delle cose in modo brusco, soprattutto in questa crisi. Abbiamo analizzato il passato e sappiamo cosa è necessario fare per il futuro. Non c'è spazio per ulteriori dibattiti ".

Di conseguenza, Antoniadis afferma che un risultato importante per SEVITEL è stata la crescita delle esportazioni di olio d'oliva greco dal 40 al 45 percento negli ultimi quattro anni.

"Sapendo che siamo partiti da una base bassa, siamo realistici sulle nostre aspettative ma la crescita è importante e siamo sulla strada giusta. Dobbiamo ancora intensificare il nostro marketing poiché pochi prodotti sono là fuori come l'olio d'oliva, che ha un grande potenziale per una rapida crescita ".

Dice che un fattore di tale crescita è la crescente popolarità dei benefici per la salute associati alla dieta mediterranea, di cui l'olio d'oliva è un ingrediente chiave. Dice che una volta che il pubblico sarà più consapevole della natura speciale e della varietà dell'olio d'oliva greco, più consumatori in cerca di valore faranno la scelta verso i marchi greci.

Antoniadis afferma che anche il futuro dell'olio d'oliva greco è nel gusto. "Non si tratta solo di convincere le persone che è salutare, ma anche che è gustoso. "

"Dobbiamo sfruttare la qualità dell'olio d'oliva greco. Ovviamente stiamo esportando la metà della nostra produzione all'estero in gran parte, non con marchio, ed è stata utilizzata da altri, il che è comprensibile poiché è così che funziona la globalizzazione internazionale. "

Il 80% dell'olio d'oliva greco viene esportato nell'Unione Europea, l'10% sfuso più il -% come olio d'oliva di marca greca. Le esportazioni stanno aumentando anche in altri paesi, come Canada, Australia, Giappone, Cina, India e Stati Uniti.  "Siamo di gran lunga piccoli esportatori, ma abbiamo l'opportunità di crescere ", afferma Antoniadis. "Ora, è questione di sfruttare questa opportunità. "

.

Foto: Marissa Tejada Benekos

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti