`Consiglio oleicolo internazionale che studia gli oli oltre i limiti del suo standard - Olive Oil Times

Consiglio oleicolo internazionale che studia gli oli oltre i limiti del suo standard

Ottobre 11, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

Nel 2008, il gruppo di chimici esperti del Consiglio oleicolo internazionale ha progettato uno studio per ottenere una migliore comprensione degli oli d'oliva che mostravano determinati parametri oltre i limiti consentiti negli standard commerciali del consiglio adottati cinque anni prima.

Membri e non membri del CIO, inclusi Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Cile e Argentina, sono stati ufficialmente invitati, tramite un 2009 Nota Verbale, per aiutare a identificare le caratteristiche uniche dei loro oli d'oliva regionali in uno sforzo comune per migliorare lo standard internazionale, proteggere l'autenticità dell'olio d'oliva e "prevenire potenziali frodi ", secondo il segretariato esecutivo del consiglio.

Il CIO ha affermato di aver fatto ripetutamente richieste di analisi dei campioni, anche se alcuni produttori del Nuovo Mondo erano impegnati a elaborare i propri standard per essere più in linea con le caratteristiche locali. Nel frattempo il CIO, che ha ammesso i suoi inviti all'azione, ha ceduto "vari gradi di successo ", prevede di presentare le conclusioni dello studio al Consiglio dei membri per l'approvazione a 100th sessione di novembre 2012.

I campioni che sono riusciti a raccogliere sono stati esaminati la scorsa settimana negli uffici del CIO in una riunione del gruppo di lavoro del consiglio sulla composizione dell'olio d'oliva - parte della riunione semestrale di chimici esperti che si riuniscono a Madrid per discutere di una serie di chimica e standard correlati attività commerciale.

In questa sessione il gruppo ha esaminato nuovi metodi di prova, discusso i risultati di studi recenti e proposto priorità per i lavori futuri.

È stato il loro primo incontro da quando l'Australia ha ufficialmente evitato gli standard internazionali sull'olio d'oliva adottando le proprie linee guida, creando un nuovo segmento di mercato per gli esportatori di olio d'oliva in tutto il mondo. Secondo un portavoce del CIO, i chimici si sono riuniti la scorsa settimana "concordato sull'importanza di allineare gli standard tra loro al fine di promuovere la qualità, incoraggiare il commercio internazionale e proteggere i consumatori ".

Sebbene siano stati invitati e abbiano partecipato a sessioni passate, rappresentanti provenienti da Australia, USDA, FDA, California Olive Oil Council e Università della California a Davis erano assenti dall'incontro di quest'anno.

Tra i partecipanti c'erano rappresentanti di Algeria, Argentina, Spagna, Francia, Grecia, Italia, Portogallo, Slovenia, Egitto, Iran, Israele, Giordania, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, nonché della American Oil Chemists 'Society, Codex Alimentarius, Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) e la Commissione europea.

Il gruppo ha proposto di presentare il metodo per la determinazione di steroli e dialcoli triterpenici per l'adozione definitiva del CIO il mese prossimo. Lo stesso metodo sarebbe adottato dall'ISO per gli oli d'oliva.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti