classi

Olio di sansa d'oliva: non è quello che potresti pensare

Sei stato sedotto da un bel pacchetto, prezzo basso e affermazioni come "Premium Flavour" o "Made in Italy" prima di imparare che non hai comprato olio d'oliva. Non sei solo.
Settembre 9, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Potenziali pericoli dell'olio di sansa: meno costoso non è sempre meglio

Durante la ricerca più recente di mia madre per l'olio d'oliva in un negozio di alimentari locale, ha selezionato un'opzione più economica che non aveva mai acquistato prima. Questo olio era accantonato con dozzine di altri noti e rispettabili oli d'oliva, confezionati in un'attraente bottiglia di vetro, ornati da un abbondante ulivo e ondeggianti bandiere italiane, e sotto tutto, la misteriosa etichetta "olio di sansa di oliva. "

Incerta su cosa significasse esattamente, ma soddisfatta del prezzo e delle promesse di varie parole pubblicitarie e gergo pubblicitario, mia madre ha fatto l'acquisto. Successivamente si rese conto di aver acquistato un olio di oliva di qualità inferiore che mancava del sapore atteso del suo solito EVOO.

L'odore, il gusto e la consistenza dell'impostore non assomigliavano affatto all'extra vergine e, dopo un'ulteriore ispezione e una rapida consultazione di una serie di fonti, abbiamo scoperto che mia madre e un gran numero di altri consumatori si lamentavano con veemenza su Internet , aveva involontariamente acquistato un prodotto bastardizzato che non era nemmeno olio d'oliva, ma qualcosa chiamato "olio di sansa di oliva. "

Ulteriori ricerche hanno rivelato che il governo spagnolo, noto per la sua rigida regolamentazione dei prodotti a base di olio d'oliva, lo aveva temporaneamente vietata la vendita di questo tipo di olio d'oliva a luglio, 2001.

Non avevo mai sentito parlare dell'olio di sansa e dopo un breve sondaggio di amici e parenti, ho scoperto che non ero solo. Sono rimasto sbalordito dalla mia ignoranza di questo prodotto e di quella del grande pubblico, soprattutto considerando i potenziali pericoli del consumo di olio di sansa da produttori non regolamentati. Quindi, cos'è esattamente l'olio di sansa, esattamente?

Mentre olio extravergine d'oliva è spesso indicato come essere "prima spremitura a freddo ", ciò che viene definito "olio di sansa "non può nemmeno qualificarsi come tale "seconda pressa. ”Una volta completata la tipica estrazione meccanizzata dell'olio d'oliva dalla frutta dell'olivo, tra il 5 e l'8% circa dell'olio rimane ancora nella polpa di olive rimanente o "sansa. ”Sebbene l'olio di sansa che viene estratto sia ancora tecnicamente olio che proviene da olive, questo viene fatto mediante l'uso di solventi chimici e quindi non dovrebbe mai essere definito, direttamente o indirettamente, come "olio d'oliva."

Il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), l'organizzazione intergovernativa responsabile della definizione degli standard di qualità e del monitoraggio dell'autenticità dell'olio d'oliva, definisce chiaramente l'olio d'oliva come, "olio ottenuto esclusivamente dal frutto dell'olivo, ad esclusione degli oli ottenuti mediante solventi o processi di riesterificazione. "La quantità di olio contenuta nella vinaccia rimanente, che consiste in resti solidi dell'oliva, tra cui bucce, polpa, i semi e gli steli sono così minimi che non possono essere estratti premendo, ma solo attraverso l'uso combinato di solventi chimici (come esano) e calore estremamente elevato.
Guarda anche: Standard internazionale per l'olio d'oliva (IOC)
Questo stesso processo, la stessa tecnica ad alto calore utilizzata nella produzione di colza, girasole e altri oli vegetali, è il motivo per cui l'olio di sansa di oliva non regolato a volte contiene componenti dannosi noti come idrocarburi policiclici aromatici (IPA) come benzopirene, che la ricerca ha dimostrato di essere altamente cancerogeno e mutageno. I benzopireni derivano dalla combustione incompleta dei grassi presenti nelle olive. Quando i grassi sono esposti a livelli di calore elevato, come nei processi di estrazione dell'olio di sansa in cui non vi è combustione completa e non viene prodotto fumo, è probabile che vengano prodotti benzopireni.

Il processo per estrarre l'olio di sansa di oliva è il seguente: un solvente chimico viene prima somministrato alla sansa di oliva che ha la capacità di dissolvere i grassi ma non il resto della sansa solida. Questa applicazione estrae l'olio e successivamente, in un processo di raffinazione, il prodotto viene riscaldato in modo che il solvente evapori completamente e in modo pulito senza lasciare alcun tipo di residuo dannoso - così a lungo che questo metodo di riscaldamento non supera i gradi 90 Celsius (gradi 194 Farenheit) . Utilizzando questo sistema, è improbabile che il prodotto finale contenga idrocarburi policiclici aromatici (IPA) come il benzopirene.

Il rischio di contaminazione da benzopirene si verifica quando il metodo di riscaldamento utilizzato per evaporare il solvente supera i gradi 300 Celsius (gradi 572 Farenheit). In questi casi, il grasso viene liquefatto in fluido e poi gocciola fuori dalla sansa di oliva, ma il problema è che il calore follemente alto provoca la parziale combustione dell'olio con il resto della sansa fisica. Ciò può causare il rapido accumulo di benzopireni nel prodotto finale.

In caso di applicazioni di calore superiori a 300 gradi Celsius, l'olio risultante comporta un rischio per la salute definito per i consumatori, che dipende interamente dall'aggressività del trattamento termico, nonché dalla quantità e dalla frequenza dell'olio di sansa consumato. Poiché il grado di contaminazione dipende dal tipo di trattamento utilizzato, è necessario che le autorità sanitarie chiariscano quale tipo di trattamento è stato applicato per produrre oli di sansa particolari e stabilire un limite consentito della quantità di benzopireni presenti.

Dopo aver spremuto l'olio d'oliva, la polpa e le fosse rimaste vengono essiccate e conservate all'esterno di un frantoio in grandi fosse aperte, dove verranno raccolte per essere raffinate in olio di sansa di oliva.

I benzopireni, essendo essi stessi grassi altamente reattivi, possono dissolversi facilmente nelle membrane cellulari e quindi entrare nell'interno di una cellula. Questa azione risultante ha dimostrato di causare l'ossidazione intracellulare - l'invecchiamento e la morte delle cellule - o un'intossicazione che provoca la mutagenesi del materiale genetico nel nucleo della cellula. In alcuni casi, questo naturalmente si diffonde come una moltiplicazione incontrollata di cellule danneggiate che può provocare un tumore canceroso.

Preoccupato per i livelli di IPA come il benzoyprene nell'olio di sansa, il governo spagnolo ha introdotto un divieto temporaneo di olio di sansa a luglio, 2001 e ha bloccato tutte le esportazioni di olio di sansa fino a quando non sono stati condotti test e sono stati fissati i limiti delle quantità ammissibili di PAH presenti nell'olio reso concreto.

Altri paesi hanno seguito l'esempio: l'autorità neozelandese per la salute e la sicurezza alimentare ha ricordato l'olio di sansa di oliva di diversi produttori e il ministero tedesco ha agito in modo simile emettendo questo avviso: "Come misura preventiva di protezione della salute, il ministero degli affari dei consumatori, della nutrizione e dell'agricoltura ha fatto appello agli stati e all'industria tedeschi per rivedere i resti delle 170 tonnellate di olio di sansa di oliva spagnolo e prodotti che contengono questo olio. "

In seguito divenne chiaro che altri lotti interessati venivano prodotti in Grecia (olio di sansa di oliva Bevelini) e altri dall'Italia (Dentamano Olio di Sansa de Oliva). Nel prodotto Bevelini, ad esempio, è stato riferito che un lotto contiene 100 parti per miliardo di benzopirene - oltre 50 volte il limite consigliato dal Consiglio oleicolo internazionale. E sebbene l'esposizione umana agli IPA sia qualcosa di quotidiano - poiché sono anche creati con la combustione di combustibili fossili, la combustione di rifiuti, incendi agricoli, processi industriali, fumo di tabacco e emissioni di gas di scarico dei veicoli - la nostra esposizione agli IPA dovrebbe essere tanto limitata il più possibile, soprattutto quando si ingerisce cibo.

Di conseguenza, sono state stabilite norme specifiche in varie regioni del mondo che limitano la quantità consentita di benzopireni nell'olio di sansa. Come accennato in precedenza, all'interno dell'Unione europea e negli Stati membri del COI, il limite è di 2 parti per miliardo o 2 microgrammi per chilogrammo, come deciso nella risoluzione RES ‑ 1/93-IV / 05 di Madrid nel novembre 2005.

Detto questo, tuttavia, in altri paesi produttori di olio d'oliva che sono membri non IOC (India, produttori emergenti del Medio Oriente, diversi stati dell'America Latina e persino gli Stati Uniti in cui i tipi di vendita al dettaglio non hanno alcun significato legale) tali rigorosi standard non vengono applicati e quindi l'acquisto di prodotti a base di olio di sansa da queste regioni non è consigliabile.

Anche con la regolamentazione della quantità di IPA nell'olio di sansa, gli appassionati di cucina e gli intenditori di olio d'oliva in tutto il mondo sono ancora molto resistenti all'idea di utilizzare l'olio di sansa di oliva come degno agente di cottura. Da un punto di vista sensoriale, manca il sapore, la delicatezza e le abbondanti proprietà salutari dell'olio extra vergine di oliva. Se utilizzato in cucina, l'olio di sansa viene utilizzato principalmente in ambienti industriali o nei ristoranti come agente di frittura a causa del suo alto punto di fumo (240 gradi Celsius).

Sfortunatamente, a volte acquistiamo olio di sansa di oliva involontariamente, grazie a produttori non etici noti per aver commesso una frode etichettando lattine o bottiglie di olio di sansa di oliva.
Guarda anche: Il gruppo commerciale fa causa al produttore di olio d'oliva per l'etichettatura ingannevole
Ma è anche importante notare che il processo con cui viene estratto l'olio di sansa non è diverso dal processo utilizzato per estrarre altri oli da cucina convenzionali come mais, soia, girasole, cartamo, colza o semi di cotone e rispetto a questi oli, la sansa L'olio mantiene ancora il profilo lipidico di base dell'olio d'oliva e quindi vanta alti livelli di acido oleanolico che ha dimostrato di alleviare gli stati di ipertensione e ipertensione.

Se ti capita di comprare una bottiglia di olio di sansa per sbaglio e sei ancora resistente all'idea di usarla come agente di cottura, non è necessario buttarla via in quanto vi sono numerosi usi. Infatti, poiché è un grasso monoinsaturo, è una scelta migliore per la cottura rispetto ad altri oli di semi come colza, girasole o arachidi. L'olio di sansa indesiderato può anche essere usato per creare sapone o per lubrificare griglie o teglie. Ma con tutti gli oli d'oliva disponibili oggi sul mercato, è nel tuo interesse sia dal punto di vista della salute che da quello culinario attenersi all'extra vergine. Credimi, le tue papille gustative ti ringrazieranno.


Related News