`Comprensione dei nuovi standard per l'olio d'oliva USDA - Olive Oil Times

Comprensione dei nuovi standard per l'olio d'oliva USDA

Settembre 14, 2010
AK Devarenne e P. Vossen

Notizie recenti

A partire dal 24 ottobre 2010, gli Stati Uniti hanno nuovi standard per i gradi di olio di oliva e olio di sansa di oliva. Questa è una revisione degli standard che sono in vigore dal 1948. C'è molta incertezza su cosa significheranno questi standard per l'olio d'oliva negli Stati Uniti. Alcune delle implicazioni dei nuovi standard non sono del tutto chiare, ma qui proveremo a rispondere alle domande più comuni su cosa è e cosa non è coperto da questi standard.

Cosa copre i nuovi standard del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA)?

Gli standard USDA definiscono i diversi gradi di olio di oliva e olio di sansa di oliva
utilizzando parametri chimici e sensoriali simili a quelli del
Consiglio oleicolo internazionale (CIO). Questi standard sono per:

  • Olio extra vergine di oliva americano
  • Olio vergine d'oliva americano
  • Olio di oliva vergine degli Stati Uniti non adatto al consumo umano senza ulteriori trattamenti
    (a volte designato come US Lampante Olio vergine d'oliva)
  • Olio d'oliva americano
  • Olio d'oliva raffinato degli Stati Uniti
  • Olio di oliva di oliva americano
  • Raffinato olio di oliva e sansa di oliva
  • Olio di sansa di oliva greggio americano

Puoi scaricare il nuovo standard USDA nella sua interezza qui: Standard per i gradi di olio d'oliva e olio di sansa di oliva

Gli standard USDA sono volontari e coprono i termini "US Extra Virgin ”, ecc. Ciò significa che i produttori possono scegliere di richiedere la certificazione dall'USDA come "US Extra Virgin Olive Oil ”se lo desiderano, ma non è obbligatorio.

Questo significa che non ci sarà alcun impatto sugli oli di oliva che non scelgono di usare il "Denominazioni di grado americano?

Questo resta da vedere. L'USDA non è un'agenzia di contrasto; definisce gli standard e funge da agenzia di ispezione. È la Food and Drug Administration (FDA) che fa effettivamente il regolamento. Il registro federale lo mette così:

"La revisione [delle norme sull'olio d'oliva] faciliterà la commercializzazione dell'olio d'oliva e dell'olio di sansa di oliva, utilizzerà termini coerenti con il mercato, fornirà definizioni per l'olio d'oliva e l'olio di sansa di oliva, promuoverà la verità nell'etichettatura e fornirà una base per l'applicazione da parte di Agenzie statali e federali se questi prodotti sono etichettati in modo errato. "
(Registro federale / Vol. 75, No. 81 / Weds. Aprile 28, 2010 / Avvisi)

La frase chiave qui è "verità nell'etichettatura. " La verità nelle questioni relative all'etichettatura ricade sotto la competenza della FDA. Le accuse di verità nell'etichettare le violazioni sono un probabile punto di partenza per il prossimo capitolo. Ora che abbiamo uno standard statunitense per "olio extravergine di oliva ", c'è una buona ragione per affermare che chiunque si faccia chiamare "olio extra vergine di oliva "dovrebbe soddisfare tale standard o utilizzano un linguaggio delle etichette fuorviante. Il prossimo anno sarà interessante visto che l'impatto del nuovo standard viene testato sul mercato e, possibilmente, in tribunale.

Se non sono obbligatori, che senso ha avere gli standard USDA?

L'esistenza degli standard USDA è un primo passo fondamentale per applicare alcuni standard di qualità significativi in ​​questo paese. Esiste anche la possibilità che enti privati, come catene di supermercati ed enti pubblici, come i programmi di mensa scolastica, richiedano la certificazione USDA per tutto l'olio d'oliva che acquistano. Ciò avrebbe un impatto enorme. C'è anche un possibile vantaggio di mercato nell'avere lo scudo di grado USDA sul tuo prodotto. Se i consumatori imparano a cercare quella certificazione come garanzia di qualità nell'olio d'oliva, allora potrebbe conferire un vantaggio sul mercato, come negli anni passati, quando lo scudo di qualità USDA era qualcosa che le persone cercavano su prodotti in scatola o carne, ad esempio, o il modo in cui serve oggi lo scudo biologico USDA.

Come funziona il processo di certificazione USDA?

Per essere certificato come olio extra vergine di oliva statunitense, il prodotto deve essere ispezionato dall'USDA. Ciò significa che un ispettore USDA estrarrà i campioni secondo un protocollo statisticamente progettato e li invierà per l'analisi. Lo standard richiede che il prodotto che viene campionato e certificato sia in modo verificabile lo stesso prodotto venduto come tale. Ciò significa che un campione non può essere testato e il grado determinato considerato coprirà l'intera produzione dell'anno. Se un serbatoio di petrolio viene ispezionato e classificato, è solo quel serbatoio di petrolio che può sopportare il grado USDA. A causa della natura deperibile dell'olio d'oliva, è probabile che esista anche un protocollo che prevede l'aggiornamento di un'ispezione. I dettagli di come funzionerebbe devono essere determinati. L'ispettore invierà i campioni a un laboratorio selezionato, ma simultaneamente i campioni verranno inviati al laboratorio USDA a Blakely, in Georgia. I requisiti chimici e le spiegazioni dei diversi test si trovano nell'appendice Standard per i gradi di olio d'oliva e olio di sansa di oliva. Lo standard richiede la valutazione sensoriale e l'analisi chimica.

Chi farà l'analisi sensoriale?

Il laboratorio USDA a Blakely, in Georgia, sta istituendo un panel di assaggi di olio d'oliva utilizzando i protocolli IOC. I protocolli IOC e il processo di riconoscimento sono descritti qui: Metodologia di valutazione sensoriale dell'olio d'oliva (IOC) International Council (PDF). L'USDA ha personale con esperienza nell'analisi sensoriale di vari prodotti. Secondo l'USDA, il pannello sensoriale di Blakely sarà addestrato e in grado di analizzare i campioni quando lo standard entrerà in vigore su 25, 2010 di ottobre.

In che modo altri paesi gestiscono l'applicazione delle norme sull'olio d'oliva?

Il CIO definisce lo standard ma non fa alcuna applicazione. In effetti, il CIO non può richiedere a una nazione membro di applicare lo standard; l'onere dell'applicazione è interamente a carico del governo della nazione membro o della sua autorità regionale designata. Il CIO può stipulare accordi con gruppi e nazioni; ad esempio il CIO ha un accordo con la North American Olive Oil Association (NAOOA) per analizzare gli oli in laboratori riconosciuti dal CIO (non fanno analisi sensoriali per il NAOOA).

Il caso dell'applicazione in Spagna (sede del CIO) è abbastanza tipico: gli ispettori di un'autorità regionale acquistano campioni casuali di olio d'oliva dagli scaffali dei supermercati. Questi campioni vengono inviati a un laboratorio alimentare ufficiale appartenente a tale autorità regionale. La valutazione sensoriale non viene effettuata da tutte le regioni, ma c'è un arbitro finale sotto forma di un pannello di degustazione del laboratorio alimentare del governo spagnolo a Madrid. Un produttore può richiedere un'analisi triplicata in caso di controversia.

In Spagna e altrove, in particolare Germania e Australia, alcune catene di supermercati stanno testando la conformità degli standard agli oli di oliva. Questo "l'approccio "gatekeeper" toglie la responsabilità ai regolatori governativi e lo mette al produttore: per vendere a quella catena di mercato, devi dimostrare che il tuo petrolio soddisfa gli standard applicabili. Se non desideri farlo, va bene, ma non sarai in grado di vendere il tuo petrolio a quella catena di supermercati.

Sono un produttore californiano di olio extravergine di oliva; Cosa devo fare?

Se desideri ricevere la certificazione dell'olio extravergine di oliva degli Stati Uniti, contatta il dipartimento dei prodotti processati USDA al numero (202) 720-5021. Il costo per la certificazione è stimato a circa $ 2000 per lotto. Gli stati della California, dell'Oregon e del Connecticut dispongono già di standard legali per la definizione "extra vergine." Non esiste un meccanismo formale per l'applicazione dello standard della California, ma per conformarsi a quello standard della California, dovresti essere sicuro che il tuo olio d'oliva sia davvero extravergine se lo chiamerai così. Ci sono un certo numero di laboratori negli Stati Uniti che testano l'olio d'oliva a pagamento. Questi includono il laboratorio USDA a Blakely, in Georgia, così come laboratori privati. Un elenco di laboratori è disponibile qui: Laboratori di certificazione dell'olio extravergine di oliva degli Stati Uniti (PDF).

Esiste un panel di esperti riconosciuto dal CIO che valuterà il mio olio?

Attualmente, non ci sono panel di degustazione di olio d'oliva riconosciuti dal CIO negli Stati Uniti. Il riconoscimento del CIO viene concesso solo a panel di degustazione imparziali sponsorizzati dal governo che rispettano i regolamenti del comitato di degustazione del CIO e superano una serie di esami chiamati "ring test ”che misurano l'acutezza e la consistenza di un pannello. La giuria dell'USDA potrà beneficiare del riconoscimento del CIO se supererà i ring test e altri requisiti. Un certo numero di panel di degustazione di olio d'oliva riconosciuti dal CIO eseguiranno test a pagamento. Un elenco di quei pannelli con le note dei prezzi che applicano può essere scaricato qui: Il Consiglio oleicolo internazionale ha riconosciuto i pannelli del gusto dell'olio di oliva (PDF). Il pannello sensoriale UC Davis per l'olio d'oliva prevede di ottenere il riconoscimento dal CIO e fornirà analisi sensoriali a pagamento e informazioni sulla conformità dell'olio agli standard extra vergini. Il sito web di Olive Center avrà informazioni aggiornate sullo stato di avanzamento del panel.

Come funzionano le altre certificazioni?

Esistono numerosi sistemi di certificazione diversi per l'olio d'oliva. La maggior parte di questi programmi sono volontari e non forniscono una certificazione legale del grado di mercato dell'olio, ma piuttosto una valutazione promozionale dell'olio per il loro mercato di riferimento. Quello che segue è un esempio dei programmi:

In Europa e in altri paesi membri del CIO, è in vigore lo standard IOC per l'olio d'oliva. Non c'è "requisito di certificazione ”di per sé; il produttore può o meno far testare il proprio olio prima di immetterlo sul mercato. Lo standard IOC è applicato da ogni paese o regione, di solito mediante controllo a campione, quindi le parole "extravergine ”su una bottiglia deve essere vero. Esiste anche un sistema di certificazione per specifiche denominazioni geografiche di origine che garantiscono che un olio provenga da una particolare regione, tipica di quella regione, e soddisfi i loro specifici standard di qualità. Questi sono indicati come DOP, DO, DOC, GDO, ecc., A seconda del paese e della denominazione, ma utilizzano tutti lo stesso sigillo blu e giallo. Ciò significa che l'olio è ottenuto da una o più varietà particolari, coltivate in una regione designata, e che viene raccolto e macinato secondo uno stile specifico tipico di quella regione. L'Unione Europea ha un sigillo che appare sulle etichette dei prodotti a denominazione protetta.

gradi-produzione-comprensione-the-new-usda-olive-oil-standards-olive-oil-times-california-olive-oil-associationIn California, il California Olive Oil Council (COOC) ha un programma di tenuta che garantisce ai membri a "Il sigillo "COOC Certified Extra Virgin" per l'olio d'oliva prodotto in California che soddisfa lo standard COOC per l'analisi chimica e risulta privo di difetti dal pannello di assaggio COOC. Il loro standard dello 0.5% per gli acidi grassi liberi è più rigoroso dello standard dello 0.8% del CIO. I dettagli del loro programma di certificazione sono disponibili qui: California Olive Oil Council certificazione di olio d'oliva

gradi-produzione-comprensione-i-nuovi-standard-olio-d'oliva-usda-olio-d'oliva-associazione-nord-americanaLa North American Olive Oil Association (NAOOA) ha un programma di sigilli di qualità per i suoi membri. Il marchio di qualità certificato NAOOA viene assegnato ai prodotti importati che soddisfano gli standard IOC come determinato da un laboratorio accreditato IOC. Il sigillo può essere utilizzato sugli oli di oliva vergini e raffinati, ma non sull'olio di sansa di oliva. Nel caso degli oli extravergini, il sigillo NAOOA richiede un'analisi sensoriale da parte di un panel riconosciuto dal CIO. Informazioni dettagliate sul programma di sigilli NAOOA sono disponibili sul sito web NAOOA: North American Olive Oil Association programma di sigilli di qualità dell'olio d'oliva

gradi-produzione-comprensione-il-nuovo-usda-olive-oil-standard-olive-oil-times-australia-olive-associationL'Australian Olive Association, Ltd (AOA) ha un "Sigillo “Australian Certified Extra Virgin”. Questo sigillo si trova solo sugli oli d'oliva membri dell'AOA prodotti in Australia. Per ricevere il sigillo, un produttore deve firmare un codice di condotta che affronta la qualità dell'olio d'oliva, la sicurezza alimentare, il marketing etico, gli standard ambientali e altre questioni. L'olio deve soddisfare la maggior parte degli stessi standard chimici del CIO ed essere certificato privo di difetti sensoriali e in possesso di un po 'di fruttato d'oliva da tre degustatori accreditati AOA. Il programma AOA include linee guida per l'etichettatura e parametri per l'uso del test rancimat e "utilizzare entro "date. L'intero codice di pratiche è disponibile sul sito AOA: Australian Olive Association Code of Practices

gradi-produzione-comprensione-the-new-usda-olive-oil-standard-olive-oil-times-olives-new-zealandIl programma di certificazione Olives New Zealand (ONZ) è aperto sia ai non membri che ai membri. Comprende standard di imbottigliamento ed etichettatura, nonché criteri chimici e sensoriali. La certificazione ONZ richiede che l'olio sia imbottigliato in vetro scuro, o se in vetro trasparente che sia in una scatola o altra confezione esclusa la luce. Richiedono anche una data urgente. I requisiti sensoriali sono gli stessi del CIO: nessun difetto e un po 'di fruttato di oliva. Il programma ONZ è descritto qui: Programma di certificazione Olives New Zealand (ONZ)

gradi-produzione-comprensione-i-nuovi-standard-olio-d'oliva-usda-olive-oil-times-association-3eIl gruppo internazionale, Associazione 3E, certifica oli in Italia, Spagna, Grecia e California come "super-premium ", uno standard più elevato rispetto a "extra vergine." Oltre all'assenza di difetti sensoriali, l'olio deve essere valutato per attributi positivi da un pannello designato. Il produttore deve firmare un codice di condotta che richiede la tracciabilità e la trasparenza del volume dell'olio certificato e venduto in base a tale certificazione, nonché la qualità del prodotto.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti