Aspartame Guilty (Again), This Time for Weight Gain

Un nuovo studio del Massachusetts General Hospital dice che l'aspartame può ritardare la perdita di peso perché blocca la funzione di un enzima vitale per la prevenzione dell'obesità, il tipo di diabete 2 e le malattie cardiovascolari.

Dicembre 29, 2016
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

L'aspartilfenilalanina metilestere, o aspartame, è il sottoprodotto di una sperimentazione di farmaci per l'ulcera nel 1965, quando un chimico dell'azienda scoprì che una sostanza chimica intermedia aveva un sapore particolarmente dolce. Circa un decennio dopo, l'aspartame è stato approvato dalla FDA per l'uso limitato negli alimenti secchi. Poi è arrivato su un ottovolante sperimentale di divieti e riapprovazioni.

Oggi l'aspartame è un alimento dietetico "patata bollente. ”Ancora ampiamente utilizzato dai consumatori attenti al peso, l'aspartame ha fervidi fan ma non è sfuggito alle pesanti critiche dei circoli scientifici, che lo associano a mal di testa, perdita di memoria, convulsioni, perdita della vista, diabete, Alzheimer, affaticamento cronico e depressione, persino cancro.

Abbiamo studiato l'impatto dell'aspartame su IAP e abbiamo scoperto che può davvero predisporre all'obesità e al diabete.- Konstantinos Economopoulos, ricercatore

Un nuovo studio del Massachusetts General Hospital (MGH) arriva ad angosciare ulteriormente il gruppo di persone attente al peso che usano l'aspartame come sostituto dello zucchero: l'aspartame potrebbe effettivamente vietare perdita di peso.

Il rapporto, "L'inibizione dell'enzima intestinale fosfatasi alcalina intestinale può spiegare come l'aspartame promuove l'intolleranza al glucosio e l'obesità nei topi ”, è stato pubblicato su Applied Physiology, Nutrition and Metabolism. Ha scoperto che l'aspartame potrebbe non favorire la perdita di peso perché blocca la funzione di un enzima vitale per la prevenzione della sindrome metabolica (un gruppo di sintomi associati al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiovascolari).

"In effetti, il nostro studio conferma l'osservazione fatta dagli scienziati alla fine degli anni '1960, che la fenilalanina (PHE) - un prodotto di degradazione dell'aspartame - inibisce specificamente l'azione della fosfatasi alcalina intestinale (IAP) ", ha detto Konstantinos Economopoulos, Senior Research Scientist presso l'organo Laboratorio di ingegneria e rigenerazione del Massachusetts General Hospital e ricercatore dello stesso studio.

"IAP è un enzima e quando una molecola di substrato interagisce con il sito attivo di IAP, si forma un complesso enzima-substrato e l'enzima viene attivato. Pertanto, si dice che l'enzima e il substrato si incastrino e funzionino come una serratura e una chiave. Quando la fenilalanina interagisce con il complesso IAP-substrato, lo inattiva producendo un complesso IAP-PHE-substrato più termodinamicamente stabile. Il modo in cui puoi immaginarlo è come la serratura, la IAP, dopo l'aggiunta di fenilalanina non può più essere aperta con lo stesso substrato chiave, perché c'è un'altra chiave dietro la porta, la fenilalanina. "

In precedenza, il team aveva scoperto che l'alimentazione di IAP ai topi mantenuti con una dieta ricca di grassi previene lo sviluppo della sindrome metabolica e riduce i sintomi negli animali già affetti da questa condizione. La conoscenza che la fenilalanina impedisce l'azione della IAP e il fatto che la prima sia prodotta dalla digestione dell'aspartame ha spinto i ricercatori a indagare se l'aspartame potrebbe effettivamente ritardare la perdita di peso.

Il team ha seguito quattro gruppi di topi per 18 settimane. Due gruppi sono stati tenuti a dieta normale, uno in acqua con aspartame e l'altro in acqua naturale. Gli altri due gruppi sono stati alimentati con una dieta ricca di grassi, così come con acqua infusa con aspartame o acqua naturale.

Lo studio ha rilevato che i topi con dieta ricca di grassi che hanno ricevuto aspartame hanno guadagnato più peso rispetto a quelli della stessa dieta che hanno ricevuto acqua normale, mentre la differenza tra i pesi dei due gruppi alimentati con una dieta normale era trascurabile. Inoltre, è stato osservato che i topi che ricevono aspartame in entrambi i gruppi dietetici hanno livelli di zucchero nel sangue più elevati rispetto a quelli nutriti con le stesse diete senza aspartame, un fatto che potrebbe indicare un'intolleranza al glucosio. Infine, entrambi i gruppi che hanno ricevuto l'aspartame avevano livelli più elevati della proteina infiammatoria TNF-alfa nel sangue, che rivela una sorta di infiammazione sistemica tipica della sindrome metabolica.

Cosa suggeriscono questi risultati per uno dei dolcificanti artificiali più commerciali (almeno fino alla stevia) e controversi? Possiamo insinuare che la polemica anti-aspartame in corso lo renderà un dolcificante del passato?

"Non abbiamo idea di come vietare sostanze come l'aspartame ”, ha risposto Economopoulos. "Sono ampiamente utilizzati e generalmente considerati sicuri per il consumo umano. Abbiamo studiato l'impatto dell'aspartame su IAP e abbiamo scoperto che può davvero predisporre all'obesità e al diabete ".



pubblicità

Related News