Diete sane collegate a un minor rischio di perdita dell'udito

I ricercatori hanno scoperto che l'adesione a piani alimentari salutari, come la dieta mediterranea, ha portato a una minore probabilità di perdita dell'udito a media e alta frequenza.

Dicembre 20, 2019
Di Mary West

Notizie recenti

Le diete sane hanno benefici che vanno oltre il conferimento di un minor rischio di malattie croniche. Uno studio del Brigham and Women's Hospital ha scoperto che hanno contribuito a prevenire la perdita della sensibilità dell'udito.

La protezione offerta è stata significativa perché riguardava le frequenze uditive necessarie per comprendere il parlato.

Una dieta sana può aiutare a prevenire la perdita dell'udito attraverso una serie di meccanismi, che coinvolgono la protezione dai danni ossidativi, insieme al miglioramento dei lipidi ematici benefici e della funzione endoteliale.- Sharon Curhan, medico ed epidemiologo presso il Brigham and Women's Hospital

Nella ricerca, gli scienziati hanno utilizzato i dati raccolti nello studio sulla conservazione dell'udito II di Nurses 'Health Study per monitorare i cambiamenti nella sensibilità dell'udito nell'arco di tre anni.

Hanno osservato che le donne le cui diete assomigliavano di più al Dieta mediterranea (MedDiet), l'Alternate Healthy Index-2010 (AHEI-2010) e gli approcci dietetici per fermare l'ipertensione (DASH) hanno mostrato un calo notevolmente inferiore della sensibilità dell'udito.

Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva

Secondo l'autore principale Sharon Curhan, medico ed epidemiologo della divisione Channing of Network Medicine di Brigham, una perdita dell'udito dovuta all'invecchiamento non è inevitabile.

pubblicità

"Una percezione comune è che la perdita dell'udito è una parte inevitabile del processo di invecchiamento. Tuttavia, la nostra ricerca si concentra sull'identificazione di fattori di rischio potenzialmente modificabili, vale a dire cose che possiamo cambiare nella nostra dieta e stile di vita per prevenire la perdita dell'udito o ritardarne la progressione ”, ha affermato.

Ricerche precedenti indicano che una ridotta probabilità di declino dell'udito riferito da sé è legata al maggiore consumo di determinati alimenti. Questi includono pesce, verdure a foglia verde e fagioli, nonché carote, arance e altri frutti e verdure. Nel recente studio, gli scienziati hanno cercato di basarsi su questi risultati esaminando l'assunzione di cibo e valutando obiettivamente la sensibilità dell'udito.

Con questo intento, i ricercatori hanno utilizzato 20 anni di registrazioni di assunzione di cibo raccolte ogni quattro anni e hanno studiato il modo in cui i modelli alimentari assomigliavano alle tre diete sane comunemente raccomandate: MedDiet, AHEI-2010 e DASH. L'adesione a ciascuna di queste diete è stata legato all'invecchiamento in buona salute, insieme a un rischio ridotto di malattia cardiovascolare, diabete e altre malattie croniche.

I risultati hanno rivelato che le donne che seguivano più da vicino le diete sane avevano una probabilità inferiore del 30% di perdita dell'udito a media frequenza. Avevano anche un rischio inferiore del 25% di declino dell'udito ad alta frequenza.

"L'associazione tra dieta e declino della sensibilità dell'udito comprendeva frequenze fondamentali per la comprensione del parlato ", ha affermato Curhan. "Siamo rimasti sorpresi dal fatto che così tante donne abbiano dimostrato un declino dell'udito in un periodo di tempo relativamente breve. L'età media delle donne nel nostro studio era di 59 anni; la maggior parte dei nostri partecipanti aveva tra i 50 e i 60 anni. Questa è un'età più giovane rispetto a quando molte persone pensano di farsi controllare l'udito. "

"La perdita dell'udito acquisita può derivare dall'influenza cumulativa di molti fattori ", ha detto Curham Olive Oil Times. "Questi consistono nella riduzione del flusso sanguigno verso la coclea, l'organo principale dell'udito nell'orecchio interno; lesioni da basso ossigeno; danno ossidativo; infiammazione; e neurodegenerazione lungo percorsi uditivi. "

"Una dieta sana può aiutare a prevenire la perdita dell'udito attraverso una serie di meccanismi, che coinvolgono la protezione dai danni ossidativi, insieme al miglioramento dei lipidi ematici benefici e della funzione endoteliale ", ha aggiunto Curham. "Mangiare cibi nutrienti può anche abbassare la pressione sanguigna e l'infiammazione advantages— vantaggi che promuovono un migliore flusso sanguigno e riducono la neurodegenerazione. "

Sulla base dei risultati, gli autori hanno concluso che una dieta sana può ridurre il rischio di perdita dell'udito acquisita.

"Dato che la perdita dell'udito è così comune, un rischio inferiore del 30 percento è considerevole ", ha detto Curham.

Lo studio è stato pubblicato nel American Journal of Epidemiology.





Related News