La dieta mediterranea riduce il rischio di malattie cardiache nei vigili del fuoco statunitensi

I vigili del fuoco che hanno seguito una dieta modificata in stile mediterraneo avevano livelli di colesterolo associati a un minor rischio di malattie cardiache.
Marzo 24, 2014
Sukhsatej Batra

Notizie recenti

Seguire una dieta in stile mediterraneo aiuterebbe a ridurre il rischio di malattie cardiache e sindrome metabolica nei giovani professionisti americani?

Gli investigatori della Harvard School of Public Health e della Cambridge Health Alliance hanno deciso di rispondere a questa domanda. Secondo i ricercatori, questo è il primo studio che ha valutato l'effetto di un modello dietetico in stile mediterraneo modificato sul rischio di malattie cardiache nei giovani americani attivi. La maggior parte degli studi precedenti che hanno affrontato questo problema sono stati condotti nei paesi del Mediterraneo, tra le popolazioni più anziane o tra quelle con problemi di salute preesistenti.

Per questo studio, pubblicato sulla rivista "PLOS ONE ”il 4 febbraio 2014, i ricercatori hanno selezionato 780 vigili del fuoco americani da 11 dipartimenti antincendio nel Midwest.

I vigili del fuoco negli Stati Uniti sono ad alto rischio di malattie cardiovascolari, che causano fino al 45% delle morti tra i vigili del fuoco in servizio, ha riferito un articolo del 2011 sulla rivista "Cardiologia in revisione. ”La mancanza di idoneità fisica, l'obesità e l'elevata prevalenza di altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari sono citate come ragioni dell'alta incidenza.

Piuttosto che cambiare le abitudini alimentari dei loro soggetti, i ricercatori del recente studio hanno calcolato l'aderenza a un modello di dieta in stile mediterraneo modificato utilizzando un sistema di punteggio di aderenza basato sugli alimenti consumati dai vigili del fuoco. I soggetti hanno risposto a domande riguardanti le loro abitudini alimentari: scelta degli oli da cucina; consumo di alimenti a base di cereali integrali o raffinati; e la loro frequenza di consumo di cibi fritti, fast food, frutti di mare, frutta e verdura, dessert e bevande e vino o alcol.

Alcuni dei risultati non sono stati sorprendenti: i vigili del fuoco obesi consumavano spesso fast food, cibi da asporto e bevande zuccherate. Hanno anche ottenuto un punteggio inferiore sul sistema di valutazione della dieta in stile mediterraneo modificato rispetto ai normali vigili del fuoco.

I vigili del fuoco che hanno seguito la dieta modificata in stile mediterraneo erano meno inclini ad essere obesi, avevano una massa grassa inferiore, erano fisicamente in forma e non hanno segnalato alcun aumento di peso negli ultimi cinque anni. Avevano anche livelli più bassi di colesterolo LDL e livelli più alti di colesterolo HDL, suggerendo un minor rischio di malattie cardiache. Inoltre, i soggetti con i punteggi più alti nel questionario sulla dieta in stile mediterraneo modificato hanno ridotto il rischio di sindrome metabolica del 35% rispetto ai soggetti con i punteggi più bassi.

Questi sono risultati significativi perché la sindrome metabolica, determinata da un ampio girovita, glicemia elevata a digiuno, alti livelli di trigliceridi e bassi livelli di colesterolo HDL (o "buono "colesterolo), aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e diabete mellito di tipo 2, secondo la Dichiarazione scientifica congiunta sull'armonizzazione della sindrome metabolica nella rivista "Circolazione."

Gli autori suggeriscono che educare i giovani americani attivi sui benefici della dieta mediterranea e incoraggiare un cambiamento nelle abitudini alimentari potrebbe essere efficace nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e migliorare la salute generale di questo segmento vitale della nostra popolazione.


Related News

Feedback / suggerimenti