La dieta mediterranea può aiutare a prevenire l'ADHD

Ricercatori in Spagna hanno scoperto che MedDiet può offrire un effetto protettivo contro l'ADHD, un disturbo per il quale vengono spesso prescritti farmaci stimolanti.

Febbraio 14, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

I bambini in tutto il paese con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) sono comunemente prescritti farmaci che portano una serie di effetti collaterali. È possibile che seguire la dieta mediterranea (MedDiet) possa aiutare a prevenire la malattia?

Un nuovo studio presso l'Università di Barcellona in Spagna ha cercato la risposta alla domanda indagando sulle abitudini alimentari di 120 partecipanti di età compresa tra 6 e 16 anni, metà dei quali era stata diagnosticata di recente con ADHD. I giovani dovevano segnalare gli alimenti che componevano i loro pasti tipici. I dati ottenuti sono stati utilizzati per determinare la differenza nel grado di aderenza al MedDiet tra coloro con e senza il disturbo.

Molti dei farmaci tipici per l'ADHD potrebbero essere interpretati per avere un rapporto rischio / beneficio che causa una pausa.- Michael Wald, nutrizione integrata

Dei giovani con ADHD, il 30 per cento ha seguito bene il MedDiet; mentre dei giovani senza il disturbo, il 63 per cento lo ha seguito bene. In generale, quelli con ADHD mangiavano meno frutta, verdura e pesce grasso, oltre a più fast food e cibo spazzatura. Gli autori hanno concluso che i partecipanti con aderenza da bassa a media al MedDiet avevano un rischio da tre a sette volte maggiore di ADHD.

Sebbene i risultati non dimostrino che le cattive abitudini alimentari causino l'ADHD, dimostrano che potrebbero svolgere un ruolo importante. "I nostri dati supportano l'idea che non solo 'nutrienti specifici "ma anche i 'l'intera dieta "dovrebbe essere presa in considerazione nell'ADHD", hanno scritto gli autori. Lo studio è stato pubblicato in Pediatria.

Ampiamente lodato per i suoi ampi benefici, il MedDiet è composto da frutta, verdura, fagioli, noci, cereali integrali e olio d'oliva. Inoltre, il pesce è preferito rispetto al pollame e alla carne rossa, mentre le erbe e le spezie sono preferite rispetto al sale.

Per ottenere una prospettiva su questioni relative allo studio, Olive Oil Times ha intervistato Michael Wald, direttore dei servizi di longevità presso Integrated Nutrition a Mount Kisco, New York. Le sue intuizioni rivelano il valore di affrontare l'ADHD attraverso mezzi olistici che coinvolgono principalmente la dieta.

Olive Oil Times: Potresti speculare sul perché la dieta mediterranea sembra avere qualche effetto protettivo contro l'ADHD?

Wald: "È noto che l'ADHD coinvolge anomalie nella struttura della membrana cellulare dei neuroni cerebrali. Queste cellule sono parte composta da grassi insaturi che include acidi grassi omega 3, che forniscono 'neuroprotezione "e offrire al cervello e al sistema nervoso la capacità di auto-correggersi.

"Il MedDiet è particolarmente ricco di grassi sani, poiché include gli acidi grassi omega 3 del pesce, insieme agli acidi grassi monoinsaturi presenti negli avocado e nell'olio d'oliva. Questi grassi vengono incorporati nel cervello di chi soffre di ADHD, migliorando potenzialmente la memoria, l'attenzione, l'umore, il comportamento e persino l'apprendimento.

"Perché MedDiet ha livelli estremamente bassi di grassi saturi dalla carne, che 'indurisce il cervello e il sistema nervoso, è ulteriormente protettivo. Inoltre, è stato dimostrato che i grassi saturi riducono la circolazione e la consegna nutrizionale alle cellule, oltre a favorire l'infiammazione - problemi caratteristici di molti malati di ADHD.

"Il consumo di elevate quantità di frutta e verdura contenute in MedDiet fornisce decine di migliaia di fitonutrienti vegetali che sono potenti antiossidanti, stabilizzatori delle membrane cellulari, disintossicanti e immunomodulatori. In breve, sono assolutamente necessari per ottimizzare la salute e il benessere generale. "

Olive Oil Times: Cosa trovi più preoccupante della forte dipendenza dai farmaci per l'ADHD?

Wald: "Contrariamente alla credenza popolare, questi farmaci non sono stati ben studiati nei bambini. In realtà, per quanto ne sappia, non sono disponibili studi a lungo termine. Anche se lo fossero, il buon senso olistico ci dice che i bambini non hanno 'farmaco-carenze.'

Ciò significa che gli operatori sanitari dovrebbero prima guardare alla potenziale influenza di stress, dieta, aumento dei bisogni nutrizionali, genetica, infezioni nascoste, tossine, problemi di malassorbimento digestivo, condizioni infiammatorie e altri fattori / cause dell'ADHD. Molti di questi possono essere adeguatamente modificati con una revisione dell'assunzione di cibo e aggiustamenti ambientali. I farmaci comunemente hanno dei rischi e molti dei farmaci tipici per l'ADHD potrebbero essere interpretati in alcuni individui con ADHD per avere un rapporto rischio-beneficio che causa una pausa ".



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti