Cibo e cucina

Sostanze nutritive dal cibo, non integratori, associate a un rischio di morte inferiore

I ricercatori hanno scoperto che gli effetti avversi sulla salute di una dieta povera non possono essere compensati con l'assunzione di integratori alimentari.

Aprile 22, 2019
Di Mary West

Notizie recenti

L'assunzione sufficiente di determinati nutrienti dal cibo è legata a un rischio inferiore di cancro e mortalità per qualsiasi causa, secondo un nuovo studio.

Al contrario, i nutrienti degli integratori non sono associati a un ridotto rischio di morte: in effetti, alcuni integratori possono effettivamente aumentare la probabilità di mortalità.

Poiché continuano a essere studiati i potenziali benefici e rischi dell'uso di integratori, alcuni studi hanno trovato associazioni tra l'assunzione eccessiva di nutrienti e gli esiti avversi, incluso un aumento del rischio di alcuni tumori.- Fang Fang Zhang, professore associato Tufts University

I supplementi problematici erano calcio e vitamina D. Le dosi di calcio che superavano i 1,000 milligrammi al giorno erano legate ad un alto rischio di morte per cancro. Gli integratori di vitamina D assunti da persone che non hanno carenza di vitamina D erano collegati a un'elevata probabilità di morte per tutte le cause, incluso il cancro.

"Mentre continuano a essere studiati i potenziali benefici e rischi dell'uso di integratori, alcuni studi hanno trovato associazioni tra l'assunzione eccessiva di nutrienti e gli esiti avversi, incluso un aumento del rischio di alcuni tumori ”, autore senior Fang Fang Zhang, professore associato presso la Friedman School of Nutrition Science e politica all'università di Tufts, ha detto. "È importante comprendere il ruolo che il nutriente e la sua fonte potrebbero svolgere nei risultati sulla salute, in particolare se l'effetto potrebbe non essere benefico. "

Guarda anche: Health News

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 27,000 adulti statunitensi di età pari o superiore a 20 per esplorare due relazioni. Uno riguardava l'effetto dell'assunzione di nutrienti sul rischio di morte e un altro riguardava la differenza tra il consumo di nutrienti dalla dieta e il consumo di nutrienti dagli integratori sul tasso di mortalità.

pubblicità

La fase di studio che ha esaminato l'impatto dei nutrienti sul rischio di morte ha rivelato tre associazioni:

  • L'assunzione sufficiente di magnesio e vitamina K era collegata a un minor rischio di morte.
  • L'assunzione sufficiente di vitamina K, vitamina A e zinco era legata a un livello inferiore malattia cardiovascolare rischio di morte.
  • L'eccesso di assunzione di calcio era collegato a una maggiore probabilità di morte per cancro.

Quando i nutrienti del cibo sono stati confrontati con i nutrienti degli integratori, i risultati hanno mostrato che le prime due associazioni erano dovute ai nutrienti del cibo piuttosto che a quelli degli integratori.

Sebbene non sia stato osservato alcun effetto avverso dell'assunzione di calcio dal cibo, l'assunzione eccessiva di calcio dagli integratori era collegata ad un aumentato rischio di morte per cancro. Inoltre, gli integratori non hanno avuto alcun effetto sul rischio di morte nelle persone con un basso apporto di nutrienti dal cibo.

"I nostri risultati supportano l'idea che, mentre l'uso di integratori contribuisce ad aumentare il livello di assunzione totale di nutrienti, ci sono associazioni benefiche con sostanze nutritive da alimenti che non si vedono con gli integratori ", ha detto Zhang. "Questo studio conferma anche l'importanza di identificare la fonte di nutrienti nella valutazione dei risultati di mortalità. "

Secondo gli autori, lo studio presentava alcune limitazioni, come la dipendenza dagli auto-rapporti, che sono soggetti a distorsioni del ricordo. I risultati sono stati pubblicati negli Annals of Internal Medicine.

Taylor Engelke, un dietista e nutrizionista registrato e proprietario di Nutrimental Healthcare ha detto Olive Oil Times sui fattori che possono spiegare il motivo per cui gli integratori non erano collegati a un tasso di mortalità più basso.

"Molte ricerche supportano il fenomeno noto come effetto sinergico degli alimenti ", ha affermato. "Implica l'idea che gli alimenti siano più della somma delle loro parti. Centinaia e migliaia di fitonutrienti lavorano insieme per la nostra salute generale. "

"Nessun nutriente è più benefico di un altro, così come nessun singolo organo nel corpo è più importante degli altri perché tutti lavorano in tandem per mantenere il corpo funzionante ", ha continuato. "Altri fattori che sono alla base del beneficio riguardano le fibre, nonché la maggiore biodisponibilità dei nutrienti negli alimenti rispetto ai nutrienti negli integratori. "

"Il calcio, ad esempio, è molto più facilmente assorbito e utilizzato per rafforzare le nostre ossa quando ingerito in un bicchiere di latte o in una tazza di spinaci piuttosto che assumere una compressa di carbonato di calcio ", ha aggiunto.





Related News