`Uno studio finanziato da Dalmia scopre che gli indiani potrebbero trarre vantaggio dall'uso di olio di sansa di oliva - Olive Oil Times

Lo studio finanziato dalla Dalmia trova che gli indiani potrebbero trarre beneficio dall'uso dell'olio di sansa di oliva

Gennaio 20, 2012
Elena Paravantes

Notizie recenti

Uno studio clinico condotto dalla Diabetes Foundation (India) (DFI) e dalla National Diabetes, Obesity & Cholesterol Foundation (N ‑ DOC) ha dimostrato che il semplice cambiamento nella dieta del passaggio dell'olio da cucina all'olio di sansa di oliva o di canola può portare a molteplici benefici alla salute.

Lo studio ha confrontato 3 gruppi di partecipanti con anomalie metaboliche con l'uso di 3 diversi oli. Il primo gruppo utilizzava olio di sansa di oliva, il secondo gruppo olio di canola e il terzo era il gruppo di controllo che utilizzava altri oli che non avevano un alto contenuto di grassi monoinsaturi.

I risultati dello studio hanno mostrato che i partecipanti sia del gruppo olio di sansa di oliva che del gruppo canola avevano una diminuzione del peso corporeo, della circonferenza della vita, dei lipidi nel sangue e del grasso del fegato rispetto al gruppo dell'olio non monoinsaturo che non aveva cambiamenti .

Inoltre, c'è stato un significativo miglioramento dell'azione dell'insulina sulla glicemia. I ricercatori hanno notato che questi benefici per la salute potrebbero diminuire l'incidenza e la prevalenza della sindrome metabolica, del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari negli indiani asiatici che sono marcatamente inclini a sviluppare questi problemi.

Lo studio è stato finanziato da Dalmia Continental Pvt. Ltd., i cui oli di sansa di oliva e di colza sono stati utilizzati esclusivamente a scopo di test.

pubblicità



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti