Oleocanthal, un polifenolo in olio di oliva, influisce positivamente sulle cellule di melanoma umano

Secondo una nuova ricerca, l'oleocantale può essere un potente agente antitumorale per i tumori aggressivi della pelle del melanoma.

Settembre 12, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Una delle forme più aggressive e chemoresistenti di cancro è il melanoma cutaneo maligno. Ci sono alcune opzioni di trattamento disponibili tra cui l'iniezione di molecole infiammatorie, insieme ad agenti orali e topici, che è dove polifenoli di olio extra vergine di oliva può svolgere un ruolo chiave.

L'oleocanthal, uno dei composti polifenolici più conosciuti nell'olio extra vergine di oliva, era scoperto da Gary Beauchamp durante un esperimento per migliorare il gusto dell'ibuprofene.
Vedi anche: Trattamento e prevenzione dell'olio d'oliva e del cancro
Durante la ricerca sulla gastronomia molecolare con un team di scienziati, specialisti alimentari e chef, Beauchamp stava conducendo una degustazione di olio d'oliva quando ha notato alcune somiglianze tra il gusto di un particolare olio d'oliva e l'ibuprofene.

I ricercatori hanno dimostrato la sua capacità di fornire potenti proprietà antinfiammatorie, che inibiscono gli enzimi cicloossigenasi allo stesso modo dell'ibuprofene FANS. Altri studi hanno dimostrato che l'olio extra vergine di oliva è utile nella chemioprevenzione del cancro al cervello, nella riduzione del carcinoma mammario invasivo, nella riduzione della ricaduta del carcinoma mammario e nel ruolo da svolgere nel trattamento del carcinoma della vescica.

Un nuovo studio, pubblicato in Nutrizione e cancro, mirava a indagare se l'oleocanthal potesse fornire attività antiproliferativa contro le cellule di melanoma.

Per lo studio è stata ottenuta un'estrazione pura e diretta e purificazione dell'oleocantale. Le cellule di melanoma umano con elevata attività tumorigenica e metastatica sono state confrontate con fibroblasti dermici (normali cellule della pelle umana), ciascuna sottoposta a esposizione all'oleocantale e testata per l'attività cellulare.

Per la prima volta, lo studio ha rivelato che oleocanthal inibisce la crescita cellulare nelle cellule di melanoma in modo dipendente dalla concentrazione, il che significa che più le cellule sono esposte all'oleocantale, meno proliferano e diventano cancerogene. Lo stesso risultato non si è verificato con i fibroblasti dermici, suggerendo che l'attività selettiva si verifica solo nelle cellule cancerose.

Sono stati studiati i meccanismi per gli effetti oleocantali sull'apoptosi (morte cellulare) e i risultati hanno mostrato che il polifenolo riduce in modo specifico l'espressione genica di "proteine ​​Bcl ‑ 2 antiapoptotiche. "Questo di per sé può fornire un significato clinico, poiché la capacità di sottoregolare questi geni può "sensibilizzare le cellule a terapie convenzionali e mirate. "

Per quanto riguarda i meccanismi oleocantali sullo sviluppo del tumore, i ricercatori hanno scoperto che gli spettacoli oleocantali "una notevole riduzione della fosforilazione di ERK e tale effetto è stato accompagnato dall'inibizione della fosforilazione di AKT. " Queste proteine ​​forniscono percorsi di segnalazione che formano una catena di comunicazione diretta che può agire come un interruttore on / off, che in questo caso sembra aiutare a spegnere i segnali del cancro.

Saranno necessarie ulteriori ricerche per supportare i risultati, ma gli autori suggeriscono che dati i percorsi a valle, "è concepibile che l'inibizione dei percorsi ERK e AKT possa portare alla soppressione della crescita cellulare. "

Gli autori hanno anche suggerito che l'attività dell'oleocantale in questo caso è indipendente dalla sua attività contro gli enzimi cicloossigenasi. Ulteriori studi dovrebbero ora essere condotti per confermare se i polifenoli dell'olio extravergine di oliva potrebbero, in effetti, essere un agente farmacologico che potrebbe essere utilizzato per il trattamento del melanoma.



Related News

Feedback / suggerimenti