` Olio d'oliva trovato per aiutare a prevenire il cancro della pelle - Olive Oil Times

Olio d'oliva trovato per aiutare a prevenire il cancro della pelle

Dicembre 16, 2010
Christian Brazil Bautista

Notizie recenti

Uno studio condotto dalla dott.ssa Niva Shapira dell'Università di Tel Aviv in Israele e Bob Kuklinski della Rockstock University in Germania ha scoperto che l'olio d'oliva, insieme ad altri componenti di una dieta mediterranea, può contribuire alla prevenzione del melanoma maligno. Il melanoma maligno, che è il tipo più pericoloso di cancro della pelle, può essere rallentato dal consumo di olio d'oliva, che è ricco di antiossidanti.

La ricerca ha dimostrato che il corpo sviluppa una resistenza ai dannosi raggi solari dovuti ai carotenoidi. I carotenoidi sono i pigmenti colorati che si trovano nella frutta e nella verdura come angurie, pomodori, zucche e carote. È stato anche scoperto che l'olio d'oliva protegge la pelle dagli effetti dannosi dei raggi UV.

L'olio d'oliva, che è l'unico olio vegetale che può essere assunto tal quale, contiene alti livelli di antiossidanti e ha acidi grassi monoinsaturi. Gli studi hanno anche dimostrato che l'olio d'oliva previene le malattie cardiache. È stato scoperto che l'olio d'oliva controlla i livelli di colesterolo cattivo (LDL) mentre aumenta i livelli di colesterolo buono (HDL). Grazie al suo contenuto di vitamina E, l'olio d'oliva fornisce anche una protezione cellulare contro i radicali liberi. L'olio d'oliva aiuta a neutralizzare i radicali liberi, che porta a un minor rischio di cancro al colon. Il consumo regolare di olio d'oliva può anche ridurre il rischio di diabete.

Secondo il Dr. Shapira, l'uso della protezione solare rimane il modo migliore per prevenire scottature e proteggere la pelle dagli effetti dannosi dei raggi UVA e UVB del sole. Tuttavia, in un'intervista al Pakistan News Service, il Dr. Shapira aggiunge questo "Diventare greco ”, o consumare olio d'oliva e altri alimenti di base mediterranei, potrebbe aiutare a contrastare l'effetto ossidante del sole. La sua dichiarazione è rafforzata da statistiche che mostrano che solo tre su ogni 100,000 residenti nei paesi del Mediterraneo sviluppano qualsiasi forma di cancro della pelle. Il dato è basso, soprattutto se si considera il clima caldo nella regione. In Australia, la cifra è di 50 su ogni 100,000 residenti.

  • Università di Tel Aviv

Related News

Feedback / suggerimenti