Salute

I ricercatori scoprono l'effetto neuroprotettivo degli oli di oliva picholine

Acidi idrossicarbonamici, abbondanti in Picholine extra virgin oli di oliva, mostrano effetti neuroprotettivi contro i depositi di placca del peptide B-amiloide dell'Alzheimer nel cervello.

Settembre 9, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

La dieta mediterranea è ben nota per la sua varietà di benefici per la salute positivi, molti di quei benefici attribuiti all'ampio consumo di olio extra vergine di oliva (EVOO).

Numerosi studi hanno riconosciuto il ruolo di EVOO nella riduzione lo stress ossidativo, che è un fattore chiave nella patogenesi dell'Alzheimer e di altre condizioni neurodegenerative.
Guarda anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
Lo stress ossidativo può causare cambiamenti nel DNA, nei lipidi e nelle proteine ​​cellulari, e i neuroni sono particolarmente vulnerabili agli attacchi dei radicali liberi che risultano come conseguenza dello stress ossidativo.

Sebbene i paesi occidentali abbiano un'alta aspettativa di vita, le condizioni neurologiche come l'Alzheimer sono in aumento, il che riduce notevolmente la qualità della vita e comporta un onere sostanziale per i servizi sanitari pubblici.

L'Alzheimer è caratterizzato da depositi di placca peptidica B-amiloide (AB) nel cervello, che è sia iniziata che guidato dallo stress ossidativo.

La nutrizione svolge un ruolo importante nel ridurre lo stress ossidativo e lo sviluppo di condizioni come i nutrienti chiave forniscono antiossidanti biodisponibili e potenti composti che possono mitigare gli effetti dei radicali liberi.

pubblicità

L'olio extra vergine di oliva è un agente nutrizionale che è stato notato per combattere una varietà di condizioni che sono amplificate dallo stress ossidativo, tra cui aterosclerosi, malattia cardiovascolaree tumori. In particolare, questi effetti sono dovuti biologicamente attivi composti fenolici presenti in EVOO, tra cui tirosolo, idrossitirosolo, oleocantale, oleuropeina, acido oleico per citarne alcuni.

Altri composti fenolici, acidi idrossicinnamici come l'acido p-cumarico, ferulico, caffeico e vanillico, sono stati studiati in più di 97 studi e hanno anche dimostrato di essere assorbiti in modo efficiente.

Rispetto ad altre varietà di olio, gli acidi idrossicinnamici sono particolarmente ricchi di oli extra vergine di oliva a base di Varietà di olive Picholine. Pertanto, un recente studio pubblicato in Cytotechnology ha cercato di determinare l'effetto neuroprotettivo di EVOO, con un particolare interesse nel determinare se i benefici potessero essere attribuiti agli acidi idrossicinnamici.

I ricercatori hanno utilizzato una varietà commerciale di Picholine EVOO dalla Francia meridionale per determinare le concentrazioni di acido idrossicinnamico, eseguendo i test su cellule neurotropiche umane incubate per un totale di 90 ore secondo le procedure di misurazione standard per testare l'effetto neuroprotettivo di tali agenti. Le cellule sono state trattate con varie diluizioni di EVOO che vanno da basse concentrazioni di 1/10000 a concentrazioni più elevate di 1/100.

Come previsto, concentrazioni più elevate hanno mostrato maggiori benefici. Tuttavia, concentrazioni anche inferiori da 1/10000 a 1/1000 hanno mostrato che EVOO ha un effetto neuroprotettivo contro la tossicità AB in alcune cellule. E più di questo, i ricercatori hanno stabilito che parte di questo effetto è attribuito al contenuto di acido idrossicinnamico.

Suggeriscono che ulteriori ricerche di ricerca sugli alimenti contenenti acidi idrossicinnamici potrebbero essere una promettente strategia terapeutica per la riduzione dello stress ossidativo nei disturbi neurodegenerativi.



Articoli Correlati