Il polifenolo nell'olio di oliva può aiutare a combattere le allergie

Uso già approvato per il suo effetto preventivo sull'ossidazione delle LDL, la possibilità di utilizzare l'idrossitirosolo come sostanza nutritiva per la prevenzione delle allergie amplifica le opportunità per le applicazioni terapeutiche dell'olio d'oliva ad un orizzonte completamente nuovo.

Agosto 8, 2016
Di Negar Jamshidi

Notizie recenti

Negli ultimi due decenni l'evidenza empirica emergente si è fortemente associata Dieta mediterranea (MD) per ridurre l'incidenza di specificamente malattia cardiovascolare così come altre malattie infiammatorie comuni. La fonte primaria di grasso MD è l'olio di oliva che è abbondante in polifenoli come idrossitirosolo (HT) e tirosolo che rappresentano circa il 30 percento del contenuto totale di fenolo dell'olio di oliva vergine. Da notare, l'idrossitirosolo è anche uno dei principali composti nei rifiuti del frantoio e nell'estratto di foglie di olivo.
Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
L'idrossitirosolo nell'olio di oliva è stato identificato come il più potente antiossidante in natura tra tutti polifenoli in vitro. In particolare, l'HT è stato trovato essere il componente anti-infiammatorio chiave dell'estratto di olio d'oliva e in precedenza ha dimostrato di inibire l'espressione di mediatori proinfiammatori, citochine e chemochine.

Mentre è stato dimostrato che gli estratti di oliva agiscono come antistaminici bloccando i recettori dell'istamina e quindi ipotizzato che svolgano un ruolo nell'allergia dovuta a proprietà anti-infiammatorietuttavia, il componente dell'estratto di oliva e il meccanismo sottostante non sono mai stati studiati fino ad ora.

Un nuovo studio pubblicato in immunobiologia ha dimostrato che l'idrossitirosolo nell'estratto di olio d'oliva può svolgere un ruolo centrale nella lotta alle reazioni allergiche. I ricercatori hanno studiato il potenziale dell'HT puro per suscitare una risposta immunitaria verso uno dei principali allergeni del polline di Parietaria Par j 1 in volontari sani.

Nella regione mediterranea, una delle molecole allergeniche più comuni è il polline di Parietaria Judaica con Par j 1 e Par j2 come suoi principali componenti allergenici che recentemente hanno dimostrato di attivare la cascata immunitaria a livello molecolare.

In uno studio precedente, i risultati di questo gruppo hanno rivelato che l'allergene Par j 1 ha attivato la risposta immunitaria umana con conseguente secrezione di citochine IFN-y e IL-10 in volontari sani.

Nel loro studio più recente, i ricercatori italiani hanno prima determinato il profilo di tossicità dell'HT puro in vitro simulando livelli normali di olio d'oliva ricco di fenolo presente nel plasma umano in seguito al suo consumo e ha scoperto che il polifenolo HT puro non ha avuto effetti tossici sulle linee cellulari umane. Successivamente, hanno dimostrato che l'incubazione di cellule mononucleate di sangue periferico umano con HT puro ha stimolato una forte risposta dalla citochina IL-10 durante una risposta immunitaria naturale all'allergene Par j1.

Secondo i ricercatori, questi risultati rappresentavano i primi risultati in assoluto sulla modulazione HT di "una risposta immunitaria specifica per allergeni potenzialmente in grado di rafforzare un fenotipo antinfiammatorio ... attraverso un aumento della secrezione di IL-10 ".

Il messaggio da portare a casa dei ricercatori era quindi "ulteriori studi per elaborare i meccanismi farmacologici alla base della possibilità di utilizzare l'HT come nutriente per la prevenzione delle allergie oltre al suo uso già approvato per il suo effetto preventivo sull'ossidazione delle LDL ”amplia le opportunità per le applicazioni terapeutiche dell'olio di oliva a un orizzonte completamente nuovo.

Con le continue scoperte dei suoi molteplici benefici per la salute, il polifenolo HT dell'olio d'oliva, nonostante sia una piccola molecola, si sta rivelando uno dei fitochimici più potenti e ricchi di nutrienti presenti in natura.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti