Kırkpınar, che significa "sorgenti 40" in turco, è stato il luogo del torneo annuale di wrestling sin da 1346.

L'annuale festival Kirkpinar Oil Wrestling aprirà il 20 di luglio ad Edirne, in Turchia, e proseguirà fino al round finale di luglio 26.

Questa competizione di lotta contro l'olio è una tradizione che risale agli anni 650 e si dice che sia la più antica manifestazione sportiva annuale del mondo. È iscritta nel Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO, dove viene descritta come "fortemente radicata nella comunità di professionisti come simbolo di identità e continuità che mette in risalto le virtù di generosità e onestà e rafforza i legami dei membri con la tradizione e l'usanza, contribuendo così alla coesione sociale e all'armonia ".

Questa competizione annuale ha oltre i lottatori 1,000 in competizione per la "cintura d'oro di Kirkpinar" e il titolo "Baspehlivan" (capo lottatore). I wrestler sono uomini robusti e ben costruiti di tutte le età, culture e origini che si allenano professionalmente per competere nell'evento.

I pehlivan indossano lunghi pantaloncini fatti di pelle di bufalo chiamati kispet e coprirsi in abbondanti quantità di olio d'oliva prima che la battaglia inizi su un campo erboso. Durante il torneo vengono utilizzati oltre 500 litri di olio d'oliva. La pelle oliata della concorrenza è scivolosa e scivolosa, rendendo difficile avere una buona presa sull'avversario. Quindi la sfida di questo sport unico.

L'anno scorso, Fatih Atlı, del distretto Ladik di Samsun, defeated defending champion Ismail Balaban portare a casa l'ambita cintura d'oro e il titolo di Başpehlivan.

Il festival è lanciato con molto clamore, con bande di batteristi 40 che suonano un tamburo chiamato un davul accompagnato da musicisti che suonano uno strumento a fiato chiamato zurna, in quanto il Kirkpinar Aga (lo sponsor o il patron del festival) annuncia l'inizio del procedimento. Il maestro di cerimonie introduce i pehlivans al pubblico in un verso cantilenante, recitando il nome, il titolo e le abilità di ciascun lottatore, prima che una persona designata versi l'olio d'oliva su ciascuno dei concorrenti.

Prima che i lottatori si battano, toccano la terra usando un gesto ritualizzato che simboleggia la loro origine dalla terra mentre allo stesso tempo riceve la sua energia. Poi si riconoscono e si salutano e iniziano i loro esercizi di riscaldamento.

Diversi lottatori abbinati competono simultaneamente con i giudici per assicurarsi che le regole siano rispettate. Hanno 40 minuti per battere il loro avversario, con ulteriori sette minuti di straordinario, se necessario. Il vincitore rivendica la vittoria se può mettere le spalle dell'avversario a terra, portarlo sopra le sue spalle, o se il suo kisbet viene strappato nel processo.


Altri articoli su: , ,