Dorothy Cann Hamilton ha parlato al Concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York ad aprile 2016.

Dorothy Cann Hamilton, il visionario fondatore del International Culinary Center e una figura imponente nel mondo culinario, morto in a car crash Venerdì mattina in Nuova Scozia, Canada. Lei era 67.

Stamattina le notizie tragiche vengono condivise in tutta la comunità culinaria di New York e ben oltre le e-mail e le telefonate punteggiate da lunghi periodi di silenzio confuso e espressioni di incredulità man mano che il peso della perdita si affievolisce.

Hamilton fondò il French Culinary Institute in 1984, la rinomata scuola in seguito ribattezzata International Culinary Center che ha lanciato le carriere di migliaia di professionisti e leader culinari. In 2015, è stata presidente del padiglione americano all'Expo 2015 di Milano, posizione che era orgogliosa di possedere e che ha raccolto ampi consensi della critica.

Il presidente della ICC Erik Murnighan ha condiviso le notizie con studenti e docenti in una e-mail di domenica: "Dorothy non è stata solo un pioniere nelle arti culinarie, era una figura ispiratrice per le donne, aspiranti chef e imprenditori. Era un modello, una visionaria e qualcuno che, con occhio attento, elevata cultura culinaria in America. La sua straordinaria passione e passione per il cibo fornirà un cambiamento eterno nel modo in cui i ristoratori hanno operato, cucinato gli chef e in che modo gli studenti sono stati mentori. "

I suoi amici e colleghi, di cui sono orgoglioso di essere, si incontrano oggi con un profondo senso di dolore che ti supera quando qualcuno così importante, eppure così piacevole, lascia il nostro mondo.

Ho incontrato Dorothy in 2012 attraverso un amico comune, Steven Jenkins, anche se conoscevo da tempo la sua venerabile scuola e la meritata reputazione di leader ispirato, e ho trovato il suo ovvio splendore intimidatorio all'inizio. Ma quasi immediatamente, quella sensazione fu sostituita da un profondo rispetto per una donna geniale che parlava da un infinito pozzo di saggezza.

L'idea che le ho proposto è stata quella di organizzare un concorso di olio d'oliva con la sua scuola come sede e ricordo di essere rimasto affascinato da quanto poco dovevo spiegare. La sua risposta breve fu: "Facciamolo". Per i prossimi tre anni si tenne il Concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York.

Dorothy avrebbe fatto apparizioni durante l'evento, con dignitari e giornalisti internazionali al seguito, ammirando i giudici mentre analizzavano i campioni dei paesi 26.

Lo scorso aprile, Dorothy e io ci siamo incontrati di nuovo per discutere lo sviluppo di un programma rivoluzionario per insegnare l'analisi sensoriale dell'olio d'oliva nel suo campus di New York.

Al press announcement Del programma, Dorothy ha detto: "Non sono un esperto, non sono un sommelier, ma posso mettere insieme le cose. La mia formula per il successo è trovare la persona migliore in quell'industria: trovare Jacques Pépin per l'Istituto culinario francese; trovare Cesare Casella per il programma italiano; trova José Andrés per il nostro programma spagnolo. Bene, quando si tratta di olio d'oliva, devo dire che Curtis ha il mio imperituro rispetto. Parlando con lui e poi parlando con altri esperti del settore, ho capito che questa è la persona che cambia questo settore. Siamo così orgogliosi di averti come partner, Curtis e congratulazioni. "

Mentre Dorothy lo diceva, ero di lato a coprirmi il viso tra le mani, facendo ridere il pubblico mentre nascondevo il mio arrossire. E mentre pensavo, per favore smetti di parlare di me, parli di te ... vogliono sentire parlare di te e delle tue incredibili realizzazioni.

Eppure quando ascolto il programma di podcast di Dorothy, Chef’s Storye guardo attraverso altri progetti lungo la sua illustre carriera, mi rendo conto che lo stesso modello attraversa tutto il suo lavoro. Lei è quella fuori campo, facendo brillare la luce su quelli che ha aiutato a spingere.

Ci sono pochi, se non nessuno, che hanno così trasformato il panorama culinario americano e incoraggiato così tanti come Dorothy Cann Hamilton.

Dorothy è stata programmata per affrontare gli studenti al primo corso di certificazione per sommelier di olio di oliva che si terrà presso il International Culinary Center tra qualche settimana, e ora devo decidere come riempire quello spazio. Ma c'è uno spazio vuoto molto più grande nei cuori di tutti coloro che conoscevano Dorothy e al culmine del mondo culinario che non sarà mai più occupato.



Ari Shapiro della NPR parla allo chef José Andrés di Dorothy Cann Hamilton:



Altri articoli su: