La Grecia continua a guidare il mondo nel consumo pro capite di olio d'oliva, con ogni persona che consuma quasi 18kg all'anno, secondo i dati della Commissione europea.

In una tabella del consumo di olio d'oliva pro capite nell'Unione europea per 2011 / 12, la Grecia è al top con 17.9kg, seguita dalla Spagna con 12.6kg, Italia 10.9kg, Cyprus 7.5kg e Portugal 7.4kg.

E poco più di mezzo milione di persone che vivono in Lussemburgo, una delle capitali finanziarie mondiali, ha accumulato una media di 2.7kg di olio d'oliva ciascuna, per infilarsi in avanti, davanti ai francesi e ai maltesi, che hanno una media di 1.7kg a persona.

Domanda bassa in Spagna

Nel frattempo, gli ultimi dati dell'Agenzia spagnola per l'olio d'oliva (AAO) mostrano che il consumo interno in Spagna continua a scivolare ed è in calo del 22 per i primi sette mesi di questa stagione (da ottobre 2012 ad aprile 2013) rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione e 18 percentuale rispetto alla media delle quattro stagioni precedenti. Le esportazioni sono anche percentuali 28 e percentuali 19 inferiori rispettivamente.

Secondo il rapporto di mercato dell'AAO, la Spagna aveva scorte di olio di oliva 757,000 alla fine di aprile, dopo aver prodotto tonnellate 612,900 questa stagione - in calo di 62 per 2011 / 12 - e importando tonnellate di 68,100.

Prezzi dei produttori in Spagna

Secondo l'osservatorio dei prezzi POOLred in Spagna, il prezzo medio franco stabilimento per l'olio d'oliva in Spagna nell'ultima settimana di maggio è di € 2.51 al chilo, in calo da € 2.69 nell'ultima settimana di aprile e € 2.83 nell'ultima settimana di marzo ma quasi centesimi di 85 rispetto a quelli della metà dell'anno scorso, quando i prezzi hanno iniziato a recuperare lì.

Il produttore spagnolo di olio d'oliva Rafael Muela ha detto Olive Oil Times si aspettava un piccolo movimento nel prezzo a pronti per l'olio d'oliva nei prossimi mesi, mentre la gente aspettava di vedere come sarebbe stato il prossimo raccolto.

"I fiori stanno crescendo molto velocemente e sulla base dell'aspetto di alcuni piccoli frutti sembra che il prossimo anno sarà molto buono", ha detto.

Secondo questa prospettiva, i prezzi scenderebbero probabilmente verso la fine dell'anno, ha affermato.

"Avevamo paura all'inizio dell'anno (quando i prezzi dei coltivatori erano di circa $ 3 / kg), perché pensavamo che anche il consumo internazionale sarebbe calato".

"Siamo a nostro agio al prezzo corrente a livello nazionale, perché a questo livello le aziende agricole sono redditizie", ha affermato.

"Vendiamo un po 'di più ad un prezzo inferiore ma dobbiamo prenderci cura dei nostri agricoltori. Non abbiamo bisogno di scendere ai prezzi dello scorso anno o di due anni fa o perderemo gli agricoltori ".

"Mantenendoli al livello ora creiamo per un settore più sano e non solo in Spagna, ma questi prezzi andranno bene anche per gli agricoltori in California e in altri luoghi".

Muela, comproprietario e vicepresidente marketing senior di Mueloliva, con sede a Cordova, ha detto che non pensava che le vendite sarebbero salite sul mercato nazionale se l'attuale livello dei prezzi fosse mantenuto, ma almeno sarebbero state mantenute o forse aumentate un po 'a livello internazionale.



Altri articoli su: