Centinaia di alberi saranno rimossi a Malta per costruire nuove strade.

Malta è stata colpita da un'ondata di proteste mentre residenti, agricoltori e ambientalisti hanno unito le forze per esprimere la loro rabbia per lo sradicamento di centinaia di alberi per far posto a nuove strade.

Più di manifestanti 1,000 sono scesi nelle strade di Attard, una città nel centro di Malta, e decine di persone si sono legate agli alberi nel tentativo di salvare gli alberi destinati alla rimozione nell'ambito del controverso progetto Central Link.

Mentre questi ulivi hanno la possibilità di essere risparmiati dal momento che c'è un tentativo di trapiantarli, altri alberi nella zona che sono stati contrassegnati con una croce verde saranno presto tagliati.- Fonte anonima vicino a Infrastruttura Malta

Il progetto € 55 milioni ($ 61 milioni) è stato dato il via libera a luglio, anche se il cane da guardia ambientale del paese aveva espresso preoccupazione per lo sradicamento di alberi maturi 549 (i cui 272 erano protetti) più un ulteriore 250 destinato al trapianto.

Mentre una valutazione di impatto ambientale (VIA) ha avvertito che i metri quadrati 48,466 (12 acri) di terreni agricoli di buona qualità andrebbero persi; Infrastructure Malta, il nuovo ente responsabile della costruzione di strade, ha affermato che il progetto di allentamento del traffico avrebbe prodotto aria più pulita, tempi di percorrenza più brevi e portando 285 alberi in più nell'area.

Guarda anche: Olive Oil World

Almeno gli agricoltori di 47 temevano di perdere i loro mezzi di sussistenza insieme alla loro terra e hanno dichiarato di sentirsi delusi dalla mancanza di consultazione. Hanno chiesto alle autorità di trovare una soluzione alternativa.

Gli oppositori del progetto non sono stati placati dalle rassicurazioni sul fatto che gli alberi 549 sarebbero stati ripiantati e ha sottolineato che i pini di Aleppo erano un simbolo del patrimonio nazionale di Malta, nonché il scarso tasso di successo del reimpianto delle specie

Più di 760 nuovi alberi, incluso 84 olive trees e i pini 130 Aleppo compenseranno quelli persi. Questa cifra soddisfa il minimo indispensabile richiesto dalla VIA ed è circa il 50 percento inferiore rispetto agli alberi 1,649 raccomandati dalle normative dell'autorità ambientale e delle risorse (ERA).

Trecento alberi a Santa Luċija, 10 chilometri (6.2 miglia) a sud-est di Attard, sono stati anche destinati alla rimozione per far posto a un sottopasso di € 20 milioni ($ 22.2 milioni) volto a facilitare la congestione del traffico intorno alla rotatoria di Santa Luċija e ridurre i viaggi tempo del 30 percento.

Per far posto al tunnel che è stato dato il via libera lo scorso settembre, gli alberi maturi di 547, inclusi i cipressi mediterranei 210, dovrebbero essere sradicati di cui 262 verrebbe trapiantato. Alcuni degli alberi condannati si trovano in un'area protetta dagli alberi e si perderanno anche i metri quadrati 7,000 (1.7 acri) di terreno agricolo.

All'inizio di questo mese si è tenuta una veglia di speranza sulla pista da jogging di Santa Luċija a seguito di una precedente protesta durante la quale gli attivisti hanno messo manifesti con croci nere sugli alberi condannati.

Un lotto di alberi destinato alla rimozione è stato identificato dalle croci verdi spruzzate sui loro tronchi mentre altri alberi 250 nelle vicinanze venivano già sradicati per trapiantare altrove. Infrastruttura Malta si era impegnata a trasferire gli alberi nella stessa zona, ove possibile.

Un'ispezione in loco effettuata dal Times di Malta alla fine di luglio ha confermato che diversi alberi maturi, tra cui il cipresso, portavano questo segno e che i lavori per iniziare a trapiantare gli ulivi vicini erano in una fase avanzata.

Agli abitanti è stato chiesto di raccontare il destino di diversi ulivi che erano già stati sradicati dall'Infrastruttura Malta e ripiantati in un campo di proprietà privata a 15 chilometri (miglia 9.3) a Dingli. Intorno a 20 altri alberi erano stati trasferiti all'estremità della pista da jogging, secondo un rapporto di Malta Independent.

Il cane da guardia ambientale di Malta ha difeso il progetto sulla base del fatto che i piani per il trapianto e la crescita di nuovi alberi compenserebbero gli alberi 293 che dovrebbero essere abbattuti.

Times of Malta ha riferito di aver ricevuto dozzine di lamentele riguardo alla potatura aggressiva degli ulivi con una motosega lungo la pista da jogging di Santa Luċija, alimentando le paure che stavano affrontando.

Secondo il Times of Malta, una fonte anonima vicino all'infrastruttura Malta ha affermato che la potatura degli ulivi a Santa Luċija era solo l'inizio.

"Mentre questi ulivi hanno una possibilità di essere risparmiati dal momento che c'è un tentativo di trapiantarli, altri alberi nella zona che sono stati contrassegnati con una croce verde saranno presto tagliati", secondo quanto riferito dalla fonte al Times di Malta.

Sebbene l'infrastruttura Malta si sia impegnata a trapiantare alberi 262, i locali scettici hanno sottolineato che questo tipo di operazione ha richiesto una pianificazione meticolosa e raramente ha avuto successo per i cipressi.

Ha detto Anna Fava, co-fondatrice del gruppo d'azione per il clima Extinction Rebellion Malta (XR Malta) Olive Oil Times che il gruppo era contrario al progetto Central Link e aveva partecipato alla veglia sugli alberi a Santa Luċija,

Fava ha affermato che mentre questi due progetti di infrastrutture stradali e i loro sradicamenti di alberi associati avevano fatto notizia, altri scavi più sottili si stavano verificando in diverse aree con la gente che pubblicava foto sui social media.




Altri articoli su: , ,