Gli amanti della pizza a Napoli hanno gustato la pizza gratuita servita dalle pizzerie giovedì per celebrare l'inclusione di Pizzaiuolo, la loro tradizionale tecnica di produzione di pizze sulla lista delle eredità immateriali delle Nazioni Unite, che garantisce lo status di patrimonio mondiale della pizza napoletana.

L'arte di Pizzaiuolo rappresenta l'identità delle persone, la nostra tradizione e il territorio.- Enzo Coccia

Due milioni di persone hanno firmato una petizione a sostegno della richiesta di pizzaiolo per essere riconosciuta. Sostenevano che la pratica di girare l'impasto prima che la pizza venisse cotta in un forno a legna a legna; insieme con le canzoni tradizionali, storie e gesti che collegano i pizzaioli e i commensali nei quartieri napoletani faceva parte di una tradizione culturale e gastronomica unica.

Il maestro pizzaiolo Enzo Coccia che gestisce una accademia di pizza di fama mondiale e due ristoranti di pizza a Napoli ha raccontato Olive Oil Times, "È una cosa importante, perché l'arte di Pizzaiuolo rappresenta l'identità delle persone, la nostra tradizione e il territorio. È un premio per tutte le persone che in questi anni hanno fatto qualcosa per questo lavoro e per il mondo della Pizza Napoletana.

Spero che questo premio possa essere un modo o una fonte per sviluppare un'economia importante non solo per le pizzerie, ma per tutte le persone grazie al turismo, che protegge l'ambiente. Questo premio non è solo per il popolo napoletano, ma è per tutti i pizzaioli di tutto il mondo che producono la pizza napoletana. "


Maurizio Martina, ministro italiano per l'agricoltura e la silvicoltura, ha twittato: "La vittoria, un altro passo verso la tutela del patrimonio enogastronomico italiano".

In 2006 Elizabeth Gilbert ha divorato la delicatezza napoletana nel suo memoriale bestseller, Eat, Pray, Love e dichiarò: "Adoro la mia pizza così tanto, infatti, che sono arrivato a credere nel mio delirio che la mia pizza potrebbe davvero amarmi, in cambio. Sto avendo una relazione con questa pizza, quasi una relazione. "

Nella versione del film 2010 di Eat, Pray, Love, Julia Roberts ha trasformato i riflettori di Hollywood sulla pizza napoletana "L'Antica Pizzeria Da Michele" esortando, "Per favore, vai in questa pizzeria. Ordina la pizza margherita con doppia mozzarella. Se non mangi questa pizza quando sei a Napoli, ti prego di mentirmi e dimmi che l'hai fatto. "

In 2010 la pizza napoletana ha ottenuto anche lo status di "specialità tradizionale garantita" dell'UE.

Ci sono solo due versioni classiche della tradizionale pizza napoletana; la Margherita che è condita con pomodoro, mozzarella, olio e basilico, e la Marinara, condita con pomodoro, aglio, origano e olio d'oliva.

Trentatre altre tradizioni hanno anche combattuto per la quotazione all'UNESCO alla dodicesima sessione tenutasi a Jeju Island, in Corea del Sud, a dicembre. La lista del patrimonio immateriale è stata creata in 2003 e comprende oltre le tradizioni e i prodotti alimentari 350. In 2013 the Mediterranean Diet was added alla lista dell'UNESCO che include anche Turkish olive oil wrestling.

L'obiettivo principale dell'elenco dell'UNESCO è quello di aumentare la consapevolezza delle tradizioni di tutto il mondo, anche se in alcuni casi viene fornito un sostegno finanziario e di altro genere per le tradizioni in via di estinzione.




Commenti

Altri articoli su: