Il ruolo di Culinary Institute of America (CIA), in collaborazione con il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), hanno published a white paper definire una serie di strategie per promuovere il consumo di olio d'oliva e plant-forward diets tutto il mondo.

Il documento è stato presentato in una conferenza all'inizio dell'estate e Greg Drescher, vicepresidente per le iniziative strategiche e la leadership del settore presso la CIA, ha detto Olive Oil Times che è stato ben accolto da altri professionisti del settore.

Dobbiamo essere in grado di articolare meglio ciò che l'olio d'oliva e la dieta mediterranea hanno da offrire.- Greg Drescher, Culinary Institute of America

"Avevo la sensazione che si tratti di un contributo significativo per migliorare la nostra comprensione delle opportunità che la cucina a base di olio d'oliva presenta all'interno dell'attuale serie di concerns around health e the environment e la necessità di spostarsi verso più prodotti dietetici a base vegetale ", ha detto.

Secondo la CIA, i due obiettivi principali della cucina vegetale sono migliorare la sostenibilità ambientale lungo la catena alimentare e favorire abitudini alimentari più sane.

Guarda anche: Mediterranean Diet News

"Oltre all'energia pulita, le diete dirette alle piante saranno essenziali per affrontare le nostre sfide climatiche", ha affermato Drescher.

Il ruolo di Mediterranean diet - che sottolinea il consumo di frutta e verdura, cereali integrali, legumi, noci e semi e olio d'oliva - è un ottimo esempio di una dieta vegetale che ha funzionato per secoli.

"Non è necessario inventare necessariamente nuovi cibi o nuovi schemi dietetici", ha dichiarato Drescher. "Possiamo essere ispirati da ciò che esiste già radicato nelle culture".

La CIA e il CIO lo ritengono in aumento olive oil consumption è un obiettivo complementare per promuovere un passaggio verso la cottura in avanti delle piante. Le due organizzazioni hanno affrontato le strategie con cui farlo all'interno del white paper.

"Molte persone capiscono il concetto generale senza necessariamente comprendere molti dei dettagli alla base dei concetti della dieta mediterranea, che è davvero radicata nella cucina dell'olio d'oliva", ha detto Drescher. "Dobbiamo essere in grado di articolare meglio ciò che l'olio d'oliva e la dieta mediterranea hanno da offrire."

"Il white paper approfondisce molto la strategia culinaria e le aree di sviluppo specifico all'interno della cucina mediterranea e della cucina a olio d'oliva che saranno utili agli esperti di salute pubblica e clima in quanto raccomandano modelli basati sulla cultura per un'alimentazione sostenibile", ha aggiunto.

Tra queste strategie culinarie vi è l'uso più ampio degli aromatici per aromatizzare il cibo, invece di basarsi esclusivamente sulla carne. Sfruttare porzioni più piccole di proteine ​​di origine animale, che viene spesso utilizzato nella cucina mediterranea, è un'altra strategia. Drescher ritiene che l'olio d'oliva svolga un ruolo importante in entrambe queste strategie.

Un esempio pratico che cita sta passando dalle salse a base di carne a quelle a base di noci e olio d'oliva.

"Molti chef di diverse culture in tutto il mondo hanno difficoltà a immaginare salse che non sono a base di carne", ha detto. "La cucina mediterranea di olio d'oliva ha una grande varietà di salse alle noci che sono una combinazione di olio d'oliva, noci, erbe, spezie, aglio e altri aromatici. Questi si estendono da Spain al Middle East and North Africa e sono assolutamente deliziosi. "

Nel United States, che consuma più cibo pro capite di quasi tutti gli altri paesi secondo data from Oxford University, le salse a base vegetale, come l'hummus, stanno crescendo in popolarità.

Drescher attribuisce questo alla crescente disponibilità di hummus nei supermercati e nei ristoranti. Ritiene che aumentare l'accesso dei consumatori a questi tipi di prodotti contribuirà notevolmente a promuovere le diete dirette alle piante.

"Non è solo che dobbiamo avere una più ampia comprensione del consumatore, ma dobbiamo avere una più ampia accessibilità per i consumatori, in modo che spetti a chef, ristoratori e rivenditori per rendere disponibili più di quegli alimenti", ha detto.

In generale, gli Stati Uniti sembrano essere un terreno fertile per l'espansione delle diete a favore delle piante. Secondo un recente Nielsen Homescan study, 39 percento degli americani ha dichiarato di provare attivamente a mangiare più alimenti a base vegetale.

La CIA e il CIO ritengono che la promozione della cucina vegetale possa aiutare a rafforzare questa cifra e spingere i programmi alimentari incentrati sulle piante, come la dieta mediterranea, più all'avanguardia della cultura culinaria americana.

Drescher crede che saper usare e cucinare extra virgin L'olio d'oliva è la chiave per raggiungere questi obiettivi. Per illustrare questo punto, cita qualcosa che gli ha detto una volta Antonia Trichopoulou, una professoressa di biochimica all'Università di Atene.

"Non è che a noi greci piacciano necessariamente le verdure più di quanto non facciate voi americani", ha detto. "La differenza sta nel modo in cui vengono preparate le nostre verdure: con olio d'oliva".



Commenti

Altri articoli su: , , , , ,