olio d'oliva-qualità-sigilli-prendere-il-tuo-pick-olio d'oliva-qualità-sigilli-take-tuo-Pick

Più consumatori stanno imparando che il gusto e i benefici per la salute dell'olio d'oliva sono strettamente legati alla sua qualità e freschezza, tuttavia c'è ancora poco che l'acquirente medio può fare per assicurarsi che stia acquistando una bottiglia di EVOO che misura.

Assaggiare l'olio prima di acquistarlo potrebbe aiutare, ma studies have shown la maggior parte delle persone sceglie ancora l'olio d'oliva vecchio e rancido nei test del gusto, perché è quello a cui sono abituati. Le date di vendemmia e "prima di" possono indicare la freschezza, ma non garantiscono che l'olio sia privo di difetti e adulterazioni.
Guarda anche: 10 Things You Need to Know About Olive Oil
Una cosa che puoi fare è cercare adesivi per medaglie da una competizione importante, come la New York International Olive Oil Competition, per identificare il pluripremiato di quest'anno extra virgin oli d'oliva.

Si potrebbe anche cercare oli d'oliva che portano a designation of origin (DOP), che indica che è monitorato dalla regione che amministra la DOP e deve rispettare i suoi standard ed esibire determinati requisiti.

Oppure, potresti cercare un sigillo di qualità.

Per aiutare a fornire ai consumatori qualche ulteriore misura di fiducia in un mercato confuso, sono stati sviluppati una serie di programmi di sigilli di qualità che monitorano e certificano la qualità degli oli di oliva che mostrano i loro adesivi.

I programmi di sigilli di qualità sono supportati da test (sensoriali) di gusto e standard chimici e ognuno ha il proprio set di benchmark pass / fail. Un programma, il programma di monitoraggio della qualità dell'USDA, comprende anche visite regolari e senza preavviso e visite di tracciabilità.

La chimica può essere fonte di confusione. Ma l'obiettivo dei programmi di tenuta è monitorare, in assenza di uno standard comune, vari parametri chimici e di gusto, quindi non dobbiamo essere tutti esperti.

Una rassegna dei programmi offerti dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), dalla North American Olive Oil Association, dal California Olive Oil Council e dal nuovo Extra Virgin L'alleanza ha delle somiglianze, ma nessuna è la stessa cosa.

Programma di monitoraggio della qualità USDA

Gli standard USDA sono stati rivisti in 2010 e sono basati su International Olive Council (IOC) standard, ad eccezione delle differenze nei limiti dell'acido linolenico e del campesterolo. Tuttavia, da allora il CIO ha apportato delle revisioni, tra cui l'aggiunta di test per la somma degli esteri di metilico ed etilico e dei fenoli degli acidi grassi. "Gli standard statunitensi non includono questi cambiamenti", ha detto Pamela Stanziani del Servizio di marketing agricolo dell'USDA, anche se ha anche osservato che i documenti standard possono essere rivisti "in collaborazione con i membri del settore ... per riflettere le pratiche commerciali moderne".

In 2012, l'USDA extended its Quality Monitoring Program includere l'olio d'oliva. Come parte del programma, gli ispettori dell'USDA effettuano test chimici e di assaggio, oltre a verifiche periodiche dei sistemi e delle procedure dell'azienda. "Esaminano ogni componente di una miscela, controllano aspetti quali servizi igienico-sanitari, sicurezza, tracciabilità e paesi di origine", ha affermato Luisito Cercaci, vicepresidente di qualità, ricerca e sviluppo di Pompeian, Inc., la prima e unica azienda finora per ottenere l'approvazione QMP. "L'USDA controlla l'intero sistema, acquisendo una conoscenza più approfondita e diventando più rigoroso nel tempo", ha affermato.

Sigillo di qualità della North American Olive Oil Association

Segue la North American Olive Oil Association (NAOOA) IOC standards nei suoi test comprese analisi sensoriali e una serie di test chimici. "Se vuoi essere sicuro del quadro completo di autenticità e qualità, non ci sono scorciatoie. Devi gestirli tutti ", ha detto Eryn Balch, vicepresidente esecutivo della NAOOA.

Il programma di controllo qualità di NAOOA prevede test periodici degli oli dei suoi membri, acquistati dal mercato, utilizzando standard "più severi di quelli dell'USDA", ha affermato Balch. Le differenze principali tra le due serie di standard sono i diversi livelli di passaggio per l'acido linolenico e il campesterolo e la gamma di test di autenticità primari. Alcuni dei test di autenticità eseguiti da NAOOA sono test "secondari" o "Tabella II" sotto i parametri USDA, il che significa che l'USDA li esegue solo se alcuni componenti nel primo round di test falliscono. Balch ha detto che i test dovrebbero essere considerati primari, per monitorare efficacemente l'adulterazione.

Consiglio dell'Olio d'oliva della California

Il California Olive Council (COOC) verifica i campioni di olio presentati dai produttori per extra virgin qualità e autenticità. Il test COOC ha sia elementi sensoriali che chimici, anche se meno analisi chimiche rispetto all'USDA o al NAOOA. Il COOC esaminerà i suoi requisiti questa estate e potrebbe aggiungere i test PPP (pirofeofitina) e DAG (1-2 diacilgliceroli), ha affermato il direttore esecutivo Patricia Darragh. Darragh ha detto questo PPP and DAGs sono "strumenti molto importanti nella valutazione chimica per la classificazione dell'olio" e che è più fattibile fare i test "ora che più laboratori hanno completato i requisiti" per eseguirli.

Extra Virgin alleanza

L' Extra Virgin Alliance (EVA) è un'associazione commerciale senza scopo di lucro lanciata di recente con l'obiettivo di ripristinare la fiducia dei consumatori nel mercato. I produttori di tutto il mondo possono accedere con EVA e far prelevare i campioni dei loro prodotti dagli scaffali dei negozi per i test.

Gli standard di EVA si basano principalmente su Australian Standard for Olive and Olive-Pomace Oils e sulle pratiche commerciali in Europa, piuttosto che sugli standard IOC. "Gli standard di autenticità del CIO per gli steroli e l'acido grasso sono progettati per i climi dell'UE e alcuni oli di alta qualità coltivati ​​in climi diversi possono fallire il test", ha spiegato la co-fondatrice EVA Alexandra Kicenik Devarenne.

I limiti di acido grasso e perossido liberi di EVA sono inferiori rispetto ad altri programmi e sono richiesti i test PPP e DAG. Kicenik Devarenne ha osservato che gli standard di EVA "si evolveranno nel tempo man mano che i dati vengono raccolti dal mercato".


[bos] Tabella rimossa [/ box]


Altri articoli su: , , , , , , , , , ,