Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) announced Tuesday che ha ampliato la sua base tariffaria Quality Monitoring Program includere i prodotti dell'olio d'oliva.

Il servizio, che è stato avviato in 2008, monitora attualmente i prodotti 90 per produttori e fornitori di frutta e verdura fresca e surgelata.

Pompeian, Inc., l'importatore privato di olio d'oliva con sede nel Maryland, è la prima azienda a partecipare al programma.

Randy Macon, direttore facente funzione della Divisione Prodotti trasformati dell'USDA, ha descritto il programma di monitoraggio come un rigoroso controllo delle buone pratiche basato su particolari esigenze del settore.

Il processo a due fasi inizia con un dettagliato questionario sul controllo della qualità, un audit in fabbrica e un campionamento del prodotto per preselezionare le pratiche consolidate di controllo della qualità dell'azienda.

Durante la valutazione iniziale, due lotti vengono campionati e classificati utilizzando una batteria di test chimici e analisi del pannello di sapore. Entrambi i lotti devono superare con esito positivo la valutazione iniziale affinché l'azienda possa entrare ufficialmente nel programma e firmare un contratto di monitoraggio.

Nella seconda fase, ha detto Macon, il monitoraggio mensile, comprese le visite senza preavviso, verifica con una checklist di audit che l'azienda sta "seguendo le procedure e svolgendo tali funzioni".

I campioni vengono raccolti per essere sottoposti a analisi chimiche e sensoriali presso USDA Blakely Laboratory per verificare che soddisfino la revisione recente Standards for Grades of Olive Oil and Olive-Pomace Oil.

I due principali azionisti di Pompeian sono una società marocchina, l'Aïcha, e la spagnola Moreno SA (una società posseduta per metà dal gigante dell'olio d'oliva Hojiblanca).

L'amministratore delegato Pompeian David Bensadoun ha dichiarato che la sua azienda si è inizialmente rivolta all'USDA per certificare i suoi prodotti come U.S. Extra Virgin sotto il nuovo programma di valutazione dello standard. "L'USDA è tornato e ha detto che ci sono due modi per farlo", ha detto Bensadoun Olive Oil Times.

La certificazione secondo il programma di valutazione era "molto costosa", secondo Bensadoun, il quale sospettava che l'alto costo fosse una ragione per cui nessuna società è stata ancora certificata e, ha aggiunto, quando Pompeian chiese all'USDA "non sembrava abbastanza pronto per la" pratica aspetti "di quel programma.

Chere L. Shorter, direttore del programma frutta e verdura dell'USDA e autore principale del USDA Grade Standards for Olive Oil ha detto che il programma di valutazione degli Stati Uniti avrebbe infatti "tirato molti più campioni" al fine di ottenere una "percentuale di 95 di fiducia per ciascun lotto", un'analisi molto più completa rispetto ai controlli a campione nell'ambito del servizio di monitoraggio.

Né Bensadoun né i rappresentanti dell'USDA vollero rivelare il costo del programma di monitoraggio di Pompeian, tuttavia la visita iniziale dell'impianto e la valutazione in loco, che l'USDA ha detto richiedeva fino a 5 giorni a una tariffa oraria di $ 85, e il laboratorio ricorrente i costi probabilmente metterebbero il programma fuori dalla portata di molti piccoli produttori.

L'USDA in genere firma accordi di un anno con partecipanti che contengono clausole di back-out qualora il produttore ritenga che il servizio non soddisfi le sue esigenze, ha detto Macon.

Alla domanda su initiative by California producers per redigere un ordine federale di marketing, Macon ha detto di esserne a conoscenza, ma l'ha definita una "azione totalmente separata" gestita da un altro ufficio dell'USDA.

Da parte sua, Bensadoun ha affermato che partecipare al servizio di monitoraggio della qualità è stato il modo in cui la sua azienda "si è messa in piedi dietro lo standard volontario dell'USDA" che spera diventerà obbligatorio.

"L'USDA ha adattato lo standard internazionale prevalente per essere più accettabile per la California", ha detto Bensadoun, "quindi perché non lavorare con quello che abbiamo?"

"Vogliamo raggiungere i nostri amici californiani che hanno fatto un enorme lavoro promuovendo la qualità", ha detto Bensadoun, che ha aggiunto che Pompeian ha acquisito boschi e terreni in California per produrre anche l'olio d'oliva.

"Lavoriamo insieme", ha detto Bensadoun, "per evitare confusione, per il bene dei consumatori, dei produttori e dei rivenditori".


Commenti

Altri articoli su: , , ,