Per il più grande produttore americano di olio d'oliva, California Olive Ranch (COR), è tutta una questione di crescita: non le olive, ma la quota di mercato.

Invece di slugging it out con concorrenti minori per la fornitura limitata di costosi frutti nostrani, la società con sede a Chico guidata dal CEO Gregg Kelley sta continuando la sua nascita come un rivenditore di oli di oliva di alta qualità fabbricati in California - e altrove.

COR alzò le sopracciglia qualche anno fa when it acquired il marchio italiano pluripremiato Lucini in un momento in cui si parlava male della qualità degli oli d'oliva importati was practically a sport nel settore locale.

L'acquisizione di Lucini segnalò che il COR aveva il suo obiettivo più sulla crescita delle vendite che sull'enfatizzazione del pedigree americano della sua gamma di prodotti. "Il nostro amore per l'alta qualità extra virgin l'olio d'oliva si estende oltre la California ", afferma la compagnia sul proprio sito web.

Ora, COR, le cui vendite superano di $ 100 milioni, ha annunciato l'uscita in edizione limitata del suo nuovo Americas Blend, realizzato con oli sudamericani che saranno disponibili fino a dicembre in una bottiglia "Chef Size" da 1.4.

Le Americhe Blend derivano dalle partnership di COR con produttori in Sud America - tra cui Argentina, Perù e Cile - e presentano "il cinquanta per cento della California e il cinquanta per cento del Sud America" extra virgin olio d'oliva, "si uniscono per creare un" sapore fruttato leggero con amaro accessibile ", il company said.

"Apprezziamo la condivisione di processi e informazioni tra i produttori al fine di aumentare la qualità di extra virgin olio d'oliva in tutto il mondo ", ha detto il COR, che ha gettato il suo notevole peso dietro una strategia che riconosce che l'olio di oliva di qualità e profitti più elevati non hanno confini.



Altri articoli su: , , , ,