La famiglia Rakovac, produttori del premiato olio d'oliva Salvela Buza

I produttori croati di olio d'oliva hanno avuto un anno di successo senza precedenti presso l'2018 NYIOOC Concorso internazionale mondiale per l'olio d'oliva (NYIOOC), ricevendo un premio 40 per le voci 45, tra cui due Best in Class.

Il loro tasso di successo del percento 89 era il più alto di qualsiasi paese che ha presentato almeno gli oli 10 nell'edizione 2018 della competizione. I produttori croati hanno anche stabilito record per i premi Gold e Silver ricevuti.
Guarda anche: The Best Olive Oils from Croatia

"La produzione di olio d'oliva è una sfida costante il cui obiettivo finale è raggiungere la massima qualità", ha detto Marija Buršić, dell'OPG Buršić. Olive Oil Times. Quest'anno Buršić ha ottenuto proprio questo, receiving a Best in Class for her De Kleva miscela.

"De Kleva è una combinazione di cinque tipi di olive: la bjelica istriana, Buža, Frantoio, Leccino e Pendolino", ha detto. "È ricco di polifenoli e antiossidanti che fanno bene alla nostra salute".

De Kleva di Buršić aveva già vinto un oro al concorso e ha intenzione di presentarlo di nuovo l'anno prossimo. Ha attribuito il successo del petrolio sia alle tecniche di coltivazione della sua famiglia sia alla posizione unica dei suoi uliveti, un tema familiare tra i produttori croati.

"La natura è un partner molto importante nella produzione", ha detto Buršić. "Nova Vas, con le sue colline ondulate e soleggiate che virano verso il fiume, è sempre stata, a suo modo speciale, l'ideale per la produzione di olive. Le condizioni sono eccezionali: oliveti naturalmente diversi, un terreno ideale e un microclima ottimale. "

Vendemmia a Salvela

Mentre Buršić non ha detto come quest'anno la sua raccolta andrà a confronto con quelle precedenti, molti altri produttori che hanno portato a casa alcuni dei massimi riconoscimenti della competizione sono ottimisti sul fatto che quest'anno sarà buono come l'ultimo.

"Quest'anno sembra fantastico per noi", ha detto Vedrana Rakovac, il proprietario dell'OPG Rakovac Olive Oil Times. Rakovac ha portato a casa a Gold award for her Bilini blend. Il suo Gold era uno degli 27 assegnati ai produttori croati all'2018 NYIOOC.

"Il frutto è sano e abbondante. È stato un anno eccezionale per la cultivar istriana, Buža, che è molto promettente dato che Buža fornisce olio di straordinaria qualità ", ha detto. "Questo potrebbe essere un anno fantastico per il nostro Bilini extra virgin olio d'oliva."

Quest'anno è stata la prima volta di Rakovac ad entrare nel mondo NYIOOC. Il suo Bilini aveva già vinto premi in diverse competizioni olivicole croate e sentiva di entrare in una competizione internazionale con il pedigree del NYIOOC è stato il prossimo passo logico per il suo marchio.

Vedrana Rakovac e famiglia

L'anno prossimo Rakovac prevede di partecipare alla competizione e, proprio come quest'anno, presenterà la sua Bilini. È sicura che il suo olio vincerà di nuovo a causa della combinazione di posizione, varietà e tecniche di produzione.

"Crediamo che il nostro Bilini extra virgin "L'ingrediente segreto" dell'olio d'oliva è la micro-ubicazione dei nostri uliveti, così come la quota di singole cultivar che danno un sapore unico alla nostra miscela ", ha detto Rakovac. "Per quanto riguarda la posizione, i nostri uliveti sono posizionati ai margini dell'habitat naturale dell'olivo, che tende ad estrarre il meglio da essi."

Edi Družetić è anche fiducioso per il prossimo anno del raccolto. È un produttore di olio d'oliva a Agroprodukt, che ha presentato il suo Salvela Buža extra virgin olio d'oliva negli ultimi sei anni e ha vinto l'oro per l'olio in ciascuno degli ultimi tre.

"Mi aspetto che il raccolto di quest'anno sia abbastanza buono, proprio come negli ultimi anni", ha detto Olive Oil Times. Družetić attribuisce anche il microclima unico nella regione dell'Istria al successo degli oli di Agroprodukt.

Agroprodukt

"L'importante differenza rispetto al nostro Salvela Buža rispetto ad altri oli è la varietà, che cresce solo nel sud dell'Istria e ha valori aromatici particolarmente naturali", ha affermato.

Družetić ha dichiarato che Agroprodukt prevede di entrare nella competizione anche l'anno prossimo e spera di vincere altri premi con i suoi Salvela Buža e Torcol, che non hanno ricevuto alcun premio all'2018 NYIOOC.

"Saremo certamente presenti per la competizione del prossimo anno, per confermare lo stato dei nostri oli", ha detto.

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, Croatia produced 5,000 tons of olive oil l'anno scorso, rendendo il piccolo paese dell'Europa orientale il diciottesimo più grande produttore a livello mondiale. Tuttavia, questa stagione del raccolto è fuori stagione e, finora, il rendimento stimato è di tonnellate 2,600. Nonostante la sua produzione relativamente piccola, la qualità degli oli d'oliva croati continua ad essere rinomata in tutto il mondo.

La maggior parte dei produttori si concentra sulla qualità rispetto alla quantità. I prossimi mesi sono, quindi, la chiave per i produttori che sperano di continuare il loro impressionante track record all'2019 NYIOOC.

"Il raccolto di ogni anno è diverso a causa dell'influenza del tempo e quindi stimolante", Vedran Lupić di OPG Lupić, Ha detto Olive Oil Times.

Lupić e suo marito hanno vinto l'altra Croazia Best in Class award for their Bembo Buža extra virgin olio d'oliva. Ha detto che produrre olio premiato è il culmine di un'attenta raccolta e di alta qualità e buona fortuna con il tempo meteorologico, che la Croazia ha in gran parte avuto quest'estate.

"Per garantire un prodotto di alta qualità, seguiamo l'appalto annuale e i moderni metodi agro-tecnici, con particolare attenzione alla raccolta manuale a metà ottobre, eliminando e riducendo i danni al frutto", ha affermato.

"Per dimostrare a noi stessi che abbiamo fatto un buon lavoro, dobbiamo partecipare a questa competizione ogni anno", ha aggiunto.



Altri articoli su: , , ,