Il consumo italiano è sceso ai livelli più bassi in un quarto di secolo.

L'ITALIA È STATA LUNGO IL PIÙ VERO consumatore di olio d'oliva in Europa, ma non più, secondo il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), che colloca il paese in un legame statistico con la Spagna nel loro latest report. Dopo aver raggiunto il picco in 2006, il consumo italiano ha iniziato una lunga scivolata ai livelli più bassi in un quarto di secolo.

Gli europei nel loro insieme hanno consumato 400,000 tonnellate di olio d'oliva in meno quest'anno rispetto a 1990 - ammontando a un calo percentuale di 20. Fortunatamente per i produttori mondiali di olio d'oliva, metà di quello slack è stato assorbito dagli Stati Uniti, dove nello stesso periodo gli americani hanno messo a disposizione un ulteriore quantitativo di 200,000, replacing margarine per una cosa.

Ma prima di accusare gli Europei di lanciare al mondo ciò che loro stessi sembrano allontanarsi, considera che l'italiano medio consumi ancora più di 8.4 litri di olio di oliva ogni anno - più di 10 volte il tipico americano. In Spagna, il consumo pro capite si mantiene a 9.5 litri l'anno, e i greci, nonostante la crisi, continuano a innaffiare i loro cibi in 14.9 litri di olio d'oliva in media, secondo i dati del CIO.

Negli Stati Uniti il ​​consumo medio è raddoppiato da un semplice 0.4 litri a 0.8 litri negli ultimi 25 anni (uso della margarina durante lo stesso periodo fell l'equivalente di oltre 3 litri a persona). Ma prima che il CIO compia un giro di vittoria, dovrebbe considerare che il consumo è più che raddoppiato per tutti gli oli commestibili nello stesso periodo. Nonostante un flusso infinito di dati su molti health benefits del suo uso, l'olio d'oliva sembra essersi appena affermato nel più grande mercato del mondo.

Nel frattempo, secondo il CIO, i prezzi per l'olio d'oliva italiano hanno raggiunto € 6.03 / kg, o circa $ 5.98 per litro, alla fine di febbraio - un risultato del poor harvest season ciò comporterà ulteriori pressioni sulle decisioni di acquisto sugli scaffali dei negozi.



Altri articoli su: , , ,