Un nuovo studio ha rilevato che l'aggiunta di estratti di buccia di pomodoro all'olio di oliva raffinato aumenta la durata di conservazione del prodotto.

I ricercatori dell'università di Sfax e Ayachi Group Industry in Tunisia hanno confrontato gli effetti stabilizzanti dell'aggiunta di oleoresina e antiossidanti sintetici agli oli.

Gli estratti dai sottoprodotti industriali del pomodoro possono essere utilizzati come uno stabilizzatore efficace contro le reazioni di ossidazione durante il lungo stoccaggio.- Noureddine Allouche, ricercatore

Quando si raffina l'olio, alcuni dei suoi antiossidanti naturali vengono parzialmente eliminati e quindi devono essere completati per evitare che l'olio si rovini. L'olio d'oliva deve essere raffinato quando la qualità è troppo bassa per essere consumato in sicurezza. Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, viene raffinato oltre il 50 per cento dell'olio d'oliva prodotto nella regione mediterranea.

Il gruppo di ricercatori ha scoperto che l'oleoresina aveva proprietà antiossidanti competitive senza i rischi per la salute associati agli antiossidanti sintetici.

L'oleoresina è un estratto ricco di licopene da bucce di pomodoro. Fino a un certo punto, il composto protegge l'olio d'oliva dall'ossidazione, un processo che rovina l'olio. Lo studio ha rilevato che 250 μg / g (microgrammi di oleoresina per grammo di olio) è il rapporto ottimale.

"L'effetto protettivo dell'oleoresina della buccia di pomodoro (TPO) contro l'ossidazione primaria di questi oli raffinati era significativamente correlata al loro contenuto di licopene," Noureddine Allouche, uno dei ricercatori coinvolti nello studio ha scritto nel rapporto. "Quindi, si può concludere che il licopene ricco-TPO è dotato di una capacità di scavenging dei radicali liberi competitiva con quella degli antiossidanti sintetici".

Gli antiossidanti sintetici butilati idrossianisolo (BHA) e butilato idrossitoluene (BHT) sono stati confrontati con TPO nello studio. Entrambi questi antiossidanti sintetici sono stati etichettati come cancerogeni per l'uomo. Il BHA è vietato in diversi paesi dell'Unione europea (UE), in Giappone e in California, mentre le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti e di diversi paesi europei consentono piccole quantità di BHT nei prodotti alimentari.

Il TPO è un antiossidante naturale che cattura i radicali liberi e aiuta a prevenire l'ossidazione dei lipidi nell'olio d'oliva, mentre viene trasportato e immagazzinato.

Tuttavia, in concentrazioni superiori a 1000 μg / g, l'efficacia dell'estratto inizia a calare dopo la 11 della settimana.

Il TPO e altri antiossidanti naturali hanno mostrato proprietà proossidanti ad alte concentrazioni e sotto alta tensione di ossigeno negli alimenti e nelle emulsioni.

Lo studio ha anche scoperto che l'efficacia del TPO a tutte le concentrazioni diminuisce, ma non svanisce del tutto dopo la settimana 19.

"I componenti del TPO e principalmente i carotenoidi, ad esempio il licopene, dovevano agire come potenti antiossidanti che impedivano le reazioni ossidative che si verificano all'interno di [oli di oliva raffinati]." Ha scritto Allouche. "Tuttavia, per lunghi periodi di conservazione, i carotenoidi possono aver agito come agenti proossidanti."

Nonostante ciò, lo studio ha concluso che l'utilizzo di TPO come conservante è ancora preferibile alle alternative antiossidanti sintetiche.

"Gli estratti di TPO dai sottoprodotti industriali del pomodoro possono essere usati come un efficace stabilizzatore dietetico di [olio di oliva raffinato] al posto dei conservanti sintetici, contro le reazioni di ossidazione durante il lungo stoccaggio", ha scritto Allouche.

Lo studio, che è stato finanziato dall'UE, arriva in un momento di crescente popolarità per le oleoresine nel continente. Secondo il Centro olandese per la promozione delle importazioni (CBI), la domanda di oleoresina è aumentata in molti paesi dell'Unione Europea ed europea di libero scambio.

Uno dei motivi dell'aumento citato dal CBI è la sostituzione degli ingredienti naturali per quelli sintetici che sta avvenendo in tutta Europa.

Sempre più i consumatori attenti alla salute cercano alimenti conservati naturalmente negli Stati Uniti, che è già il secondo importatore di olio d'oliva.

"Più consumatori americani stanno saltando sul 'libero da' e alla ricerca di cibi più naturali o meno elaborati", ha detto Judie Bizzozero, redattore capo della rivista Natural Products Insider.

"È interessante notare che la percentuale di 71 di consumatori" liberi da "è alla ricerca di affermazioni prive di conservanti sull'etichetta di alimenti e bevande, che apre la porta all'innovazione nell'area degli antiossidanti naturali come conservanti alimentari".




Altri articoli su: ,