Nuove norme UE sull'etichettatura degli alimenti biologici, incluso l'obbligo di mostrare il nuovo logo biologico dell'UE, sono entrate in vigore su 1 July, 2010. Il cosiddetto "Euro-Leaf" sarà ora obbligatorio sui prodotti alimentari biologici preconfezionati che sono stati prodotti in uno qualsiasi degli Stati membri dell'UE e soddisfano gli standard necessari. Altri marchi privati, regionali o nazionali continueranno ad apparire accanto all'etichetta UE. Il logo rimane opzionale per prodotti biologici non confezionati e importati. Oltre al logo, le nuove regole di etichettatura comprendono anche le indicazioni obbligatorie del luogo di coltivazione degli ingredienti dei prodotti e il numero di codice dell'organismo che era stato responsabile dei controlli. Gli operatori hanno un periodo di transizione di due anni per conformarsi a queste nuove regole di etichettatura. Un altro cambiamento è l'introduzione delle norme UE per l'acquacoltura biologica per la prima volta.

"La nostra speranza è che il nuovo logo UE possa trasformarsi in un simbolo ampiamente riconosciuto della produzione di alimenti biologici in tutta l'UE, garantendo ai consumatori che i prodotti sono interamente conformi alle rigide normative UE sull'agricoltura biologica", secondo il commissario UE per l'agricoltura e lo sviluppo rurale Dacian Cioloş. "Spero che questi cambiamenti possano dare una spinta al settore dell'agricoltura biologica, ma anche migliorare ulteriormente la protezione dei consumatori".

Il design "Euro-leaf" mostra le stelle dell'UE sotto forma di una foglia su uno sfondo verde che trasmette due messaggi chiari per i consumatori: la natura e l'Europa. Il disegno è stato registrato dalla Commissione come marchio collettivo. Progettato dallo studente tedesco Dušan Milenković, il logo è emerso come il chiaro vincitore di un sondaggio on-line, in seguito a un concorso rivolto agli studenti d'arte dell'UE. Il vincitore e i secondi classificati in questa competizione saranno premiati durante una cerimonia ufficiale di premiazione a Bruxelles su 19 July 2010, organizzata in concomitanza con la conferenza 19 / 20 di luglio sul futuro della Politica agricola comune.

Nuove condizioni di acquacoltura biologica

Le nuove regole riguardano anche la produzione di acquacoltura biologica di pesci, molluschi e alghe. Le norme stabiliscono condizioni a livello dell'UE per l'ambiente di produzione acquatica, la separazione delle unità biologiche e non biologiche e specificano le condizioni di benessere degli animali, comprese le densità massime di stoccaggio, un indicatore misurabile per il benessere. Le regole specificano che la biodiversità deve essere rispettata e non consentire l'uso di deposizione spontanea indotta da ormoni artificiali. I mangimi biologici dovrebbero essere utilizzati integrati da mangimi per pesci derivati ​​da attività di pesca gestite in modo sostenibile. Disposizioni speciali sono previste per la produzione di molluschi bivalvi e per le alghe marine.

Commentando le nuove regole, la commissaria per la pesca e gli affari marittimi Maria Damanaki ha dichiarato: "Le norme europee per l'acquacoltura biologica sono diventate una realtà. Offriranno ai consumatori una scelta migliore e favoriranno una produzione sana ed ecologicamente accettabile e una valida alternativa all'approccio intensivo più tradizionale. L'UE è il più grande mercato al mondo per i prodotti ittici ed è giusto che l'Europa svolga un ruolo guida nella definizione di norme esaustive in questo settore. Tra le priorità per il mio mandato figurano la sostenibilità e la coesione sociale per i settori della pesca e dell'acquacoltura. Queste nuove regole per l'acquacoltura biologica sono una pietra miliare integrando queste priorità nell'acquacoltura ".

In 2008 erano in funzione operazioni di acquacoltura biologica certificate 123 in Europa, su un totale di 225 di tali fattorie in tutto il mondo. Questi hanno rappresentato per quasi la metà della produzione mondiale di tonnellate 50,000 in 2008. I cinque principali Stati membri in termini di produzione sono il Regno Unito, l'Irlanda, l'Ungheria, la Grecia e la Francia. La specie principale è il salmone.

Ulteriori dettagli sulle nuove regole sono reperibili e il logo biologico dell'UE può essere scaricato sul sito web dell'agricoltura biologica dell'UE: www.org…anic-farming.europa.eu

Per la conferenza sul futuro della politica agricola comune vedi ec.europa.eu/agriculture/cap-post-2013/conference/index_en.htm…


Commenti

Altri articoli su: , , ,