Da sinistra a destra: Dan Flynn, Filio Myrtsidou, Prokopios Magiatis, Eleni Melliou, Aris Kefalogiannis, Kostas Peimanidis, George Oikonomou

L'olio d'oliva greco al Winter Fancy Food Show è stato realizzato quest'anno in un seminario intitolato "The Great Olive Oil Odyssey". L'evento è stato organizzato da SEVITEL, l'associazione greca dei trasformatori di olio d'oliva e industrie correlate.

Il seminario è stato presentato da Aris Kefalogiannis, CEO della società di alimenti mediterranei Gaea e Filio Myrtsidou, un consulente di marketing.

Myrtsidou è un energico sostenitore del marchio di olio di oliva greco che è stato una delle tre donne partecipanti al Routes of the Olive Tree in 2008 - un viaggio in motocicletta 52-day, 23,000 km dall'antica Messinia nel Peloponneso lungo la Via della Seta per portare una simbolica "fiamma di pace" e una corona d'ulivo 4,000 ai paesi 14, arrivando in Cina per le Olimpiadi 2008 .

Il primo oratore, Dan Flynn direttore del UC Davis Olive Center, ha fatto una presentazione ispirata dal titolo "Oltre Extra Virgin"Spiegando perché non tutti extra virgins sono gli stessi, e perché i test chimici da soli non sono la misura finale dell'eccellenza di EVOO.

UC Davis ha costantemente ampliato i propri programmi di educazione e formazione organolettica. Flynn ha spiegato perché alcuni EVOO possono passare analisi chimiche "a pieni voti" ed essere giudicati difettosi da esperti organolettici.

Un difetto può verificarsi durante uno dei molti stadi di extra virgin olive oil production e imbottigliamento. Flynn ha detto che prima devi iniziare con una buona varietà di frutta, raccolta in modo adeguato, al momento giusto e macinata nello stesso giorno. Quindi viene memorizzato, imbottigliato, imballato, trasportato e, infine, consegnato al cliente - il tutto in condizioni ottimali.

Il tipo di mulino gioca anche un ruolo nella qualità di EVOO così come la temperatura durante il malaxation palcoscenico. Se l'acqua viene utilizzata nel processo di estrazione, deve essere inferiore a 27ºC e mantenuta al minimo per mantenere l'intera gamma di caratteristiche aromatiche e di gusto.

Flynn ci ha ricordato che l'oliva è un frutto ed EVOO è il succo dell'oliva. A differenza degli oli estratti chimicamente da noci o semi, l'olio EVOO è estremamente sensibile alla luce, al calore e all'ossigeno e può deteriorarsi molto rapidamente. Un esperto organolettico ben addestrato può identificare i difetti in qualsiasi fase della produzione. Alcuni difetti non possono essere rilevati solo dall'analisi chimica. Dopo un'accurata analisi chimica, il gusto è davvero l'arbitro finale di eccellenza per EVOO.

Flynn ha espresso il suo sostegno per il Nuclear Magnetic Resonance (NMR) metodo e ha affermato una collaborazione con la scuola American Farm di Salonicco che è modellata sul modello dell'Uc Davis Olive Center in California. È stato creato un gruppo accademico multidisciplinare che ha il compito di collegarsi con i funzionari dell'industria olearia per esaminare la coltivazione di ulivo e i processi di produzione dell'olio d'oliva in Grecia.

Molti produttori greci di EVOO non hanno capito l'importanza di presentare i loro EVOO a olive oil competitions. Flynn crede che stiano diventando più importanti che mai. Un'analisi chimica approfondita abbinata a un concorso o un'analisi organolettica condotta da un noto esperto, è un modo eccellente per ottenere la fiducia del cliente, ha spiegato Flynn, e un biglietto da visita efficace quando si entra in un nuovo territorio, in particolare per gli Stati Uniti. mercato.

Il prossimo è stato Prokopios Magiatis ed Eleni Melliou, la squadra che ha inventato il metodo NMR per misurare l'individuo phenolic compounds in extra virgin olive oil. Continuano a scoprire nuovi metodi di prova e composti fenolici in EVOO e sottolineano come l'emergere del metodo NMR abbia contribuito a diffondere la consapevolezza dell'alta qualità dell'olio d'oliva greco e dei modi migliori per migliorare ulteriormente la qualità.

In tutta la Grecia piccoli produttori indipendenti stanno ottenendo successo commerciale e creando marchi producendo EVO fenolici combinati con eccellenti caratteristiche organolettiche.

Il team ha presentato il suo nuovo metodo colorimetrico di misurazione manuale oleocanthal and oleacein in una provetta.

L'ultima conferenza è stata presentata da Kostas Peimanidis, che è un sistema di accreditamento e un consulente di certificazione DOP. Ha lanciato un appello all'azione per l'industria olearia greca identificando i progressi compiuti negli ultimi anni e anche il lavoro che deve ancora essere fatto.

Oggi, le importazioni di olio d'oliva greco rappresentano il 1.7 per cento del mercato statunitense, sminuito dagli oli d'oliva spagnoli e italiani che godono di una percentuale combinata di 87 di quota di mercato. Peimanidis ha detto che uno su venti greci ha una relazione familiare diretta con un uliveto.

L'analisi sensoriale è un must che ha accettato, e anche se il sigillo DOP è una garanzia di autenticità e tracciabilità, il gusto e l'olfatto sono ciò che fa la differenza. L'istituto di educazione tecnologica di Kalamata accreditato all'ISO 17025 per organoleptic assessment of virgin olive oil è un significativo "strumento" scientifico per selezionare il miglior EVOO, ha aggiunto.

Peimanidis ha anche attirato l'attenzione del funzionario State Seal of California, che contiene l'immagine di Atena che secondo la mitologia greca donò l'ulivo ad Atene. Include anche la parola greca Eureka ("L'ho scoperto"). Eureka è la parola che l'antico studioso Archimede emise quando scoprì quello che è noto in fisica come il principio di galleggiabilità di Archimede mentre faceva il bagno (287 BC- 212 BC).

La "Grande Odissea dell'Olio d'Oliva" è stata quindi ridefinita da Peimanidis come "l'Odissea dell'Olio d'Oliva Greco". L'Odissea è una metafora del lungo viaggio che l'olio di oliva greco ha per aumentare la sua presenza negli Stati Uniti.

Peimanidis, nel suo tentativo di ispirare nuovi sforzi per commercializzare l'olio d'oliva greco negli Stati Uniti, propose anche che Atene e la città di Davis, in California, potessero formare una sorta di relazione di fratellanza per evidenziare il loro stretto rapporto. Atene rappresenta la mitica origine dell'olivo, e la California e la UC Davis sono la loro continua ricerca dell'eccellenza - αἰὲν ἀριστεύειν (sempre per eccellere) derivata dal sesto libro dell'Iliade di Omero e dal loro amore condiviso per l'eccellente EVOO.

Ho anche incontrato Alkiviadis Kalabokis, amministratore delegato della Great Exhibitions company, che organizza eventi educativi e promozionali per i prodotti greci. Voleva trasmettere una prospettiva più positiva sullo stato del Greek olive oil industrye in particolare per Creta. "Creta è leader nelle esportazioni di EVOO di marca ed è passata dall'esportazione di 95 per cento del suo EVOO alla rinfusa fino ad ora esportando meno del 70 per cento", ha affermato. "I loro sforzi stanno dando i loro frutti", ha detto con enfasi.

In effetti negli ultimi articoli mi sono concentrato maggiormente sui problemi che l'industria olearia greca deve concentrarsi e tuttavia ho visitato molti olivicoltori indipendenti in tutta la Grecia e sono rimasto sbalordito dalla loro volontà di continuare a lavorare negli uliveti con pochissime risorse finanziarie ritorno.

Molti hanno perso denaro ora per il secondo anno consecutivo, sia per cattiva gestione del problema della mosca della frutta, sia per i costi sempre crescenti del fare affari. Non solo hanno perso profitti ma hanno dovuto svendere i beni per pagare i debiti. Alcuni non avevano altra scelta se non quella di vendere EVOO di alta qualità sfuso a prezzi stracciati. La loro continua volontà di continuare è fonte di grande ispirazione.

Nel frattempo, coloro che sono riusciti a mantenere la loro produzione di EVOO vengono ricompensati. I prezzi alla rinfusa di EVOO in tutta la Grecia sono rimasti fermi al di sopra di € 3 al chilo e sta diventando difficile trovare qualcuno disposto a vendere a questi prezzi.

I prezzi dovrebbero salire rapidamente da qui. I recenti venti forti, la neve e la pioggia in tutta la Grecia hanno causato gravi perdite alla produzione rimanente del raccolto e le perdite non si sono ancora riflesse negli ultimi prezzi per l'EVOO greco alla rinfusa. La verità è che se gli agricoltori avessero più sostegno da parte delle banche per finanziare i costi di raccolta, nessuno di loro avrebbe venduto a prezzi bassi così presto per coprire le loro spese immediate.


Altri articoli su: , , , , ,