Uno dei vincitori del Gold Award annunciato lo scorso mese al New York International Olive Oil Competition (NYIOOC) era una Šoltanka robusta, prodotta da una varietà di olive autoctone conosciuta come Levantinka che cresce sull'isola croata di Solta. Questo vincitore del premio è risultato essere una voce comune al concorso presentato da un'associazione di produttori di olio d'oliva di quest'isola rocciosa dell'Adriatico situata nell'arcipelago della Dalmazia centrale.

Ho avuto la sensazione che dovrei guardare il live stream. Ho pensato che stavo sognando quando a mezzanotte ho sentito, e sapevo che questo potrebbe essere qualcosa di molto importante per la nostra isola.- Zlatko Burić, presidente di Zlatna Šoltanka

Un'iscrizione congiunta di un'associazione di produttori è stata un'iniziativa unica. Zlatko Burić, il presidente di Zlatna Šoltanka (Golden Šoltanka), il nome ufficiale dell'associazione, ha detto Olive Oil Times sulla logica alla base della sua creazione:

"Gli olivicoltori di Šolta sono piccole fattorie familiari che non hanno abbastanza olio d'oliva o la capacità finanziaria di entrare nel mercato su larga scala. Ma insieme, siamo in grado di coprire un mercato più ampio ", ha osservato Burić. Prende il nome dalla sua varietà autoctona, Zlatna Šoltanka è stata creata in 2011 e oggi ha membri 20, tutti piccoli produttori familiari che coltivano olive e producono olio sull'isola.
Guarda anche: This year's best olive oils from Croatia
In ottobre 2016, olio d'oliva da Šolta received Protected Designation of Origin (DOP) a livello di Unione europea con l'appellativo "Šoltansko maslinovo ulje" (olio d'oliva di Solta), grazie al duro lavoro di Zlatna Šoltanka che ha preparato la domanda e l'ha presentata alla Commissione europea. Lo status di DOP afferma che l'olio è stato prodotto, lavorato e preparato in una specifica area geografica in base a determinati requisiti di qualità.

Zlatna Šoltanka, tuttavia, sta facendo un passo avanti con l'attenzione dell'associazione ora sulla produzione di un olio di oliva di qualità superiore che va ben oltre il "extra virgin denominazione "olio d'oliva".

"Uno degli obiettivi attuali dell'associazione è quello di garantire che più olivicoltori sull'isola passino alla produzione biologica e che la produzione di olio d'oliva qui sia della più alta qualità possibile", ha spiegato Burić.

"Era sul Olive Oil Times sito web che abbiamo appreso degli sforzi di un gruppo di esperti e olivicoltori che hanno fondato l'internazionale Association 3E. Siamo d'accordo con la loro opinione che la categoria 'extra virgin'è spesso compromesso e ampiamente abusato. Golden Šoltanka punta a immettere sul mercato solo oli di oliva 'super premium'. Per questo motivo ci collegheremo con altre regioni della Croazia e con altre associazioni e produttori di tutto il mondo per unire i nostri sforzi nell'introduzione di questa classe superiore di olio d'oliva ".

Con standard così elevati, non sorprende che Šoltanka sia stato premiato con l'oro. Almeno 50 per cento di questo organico extra virgin l'olio d'oliva è prodotto con olive Šoltanka e un'altra varietà autoctona dalmata chiamata Oblica. In linea con le tecniche tradizionali, gli olivicoltori di Šolta raccolgono i frutti che vengono poi trasformati in olio e imbottigliati sull'isola per garantire autenticità e un olio uniforme di alta qualità.

Ogni appassionato di olio d'oliva sa che, come il buon vino, il terroir è parte integrante della produzione di un olio di qualità. Il calcare roccioso dell'isola, il suolo ricco di minerali e la flora locale contribuiscono al carattere dell'olio, al clima di estati calde e secche, all'esposizione al vento della Bora settentrionale e alle scarse precipitazioni.

Secondo Burić, gli ingredienti segreti dell'olio di alta qualità sono anche un lavoro meticoloso e minuzioso e una buona dose di TLC: "Gli abitanti di Solta sono innamorati delle loro olive. Hanno una lunga tradizione nella coltivazione degli ulivi e nella produzione di olio d'oliva. Gli ulivi su Šolta crescono su terreni rocciosi con poco terreno fertile e l'uso della meccanizzazione è impossibile, quindi tutto, dalla coltivazione alla raccolta, viene fatto con piccoli attrezzi manuali ".

"Solo in questo modo ogni albero è una 'personalità'", ha aggiunto Burić. "L'olivicoltore parla e sa esattamente quando ha bisogno di aiuto e cosa manca. Lo stesso vale per il raccolto. Ogni frutto passa attraverso le mani dei coltivatori più volte: quando viene raccolto dall'albero, raccolto nel secchio e mentre si rimuovono foglie e rami secchi. I frutti danneggiati o marci vengono immediatamente scartati e rimangono solo frutti sani e succosi. L'olio derivato da tali frutti non assomiglia agli oli venduti dalle catene di supermercati e non può essere venduto con lo stesso nome. Sfortunatamente, solo un piccolo numero di consumatori conosce la differenza tra i due e la maggioranza consuma petrolio a buon mercato dal supermercato ".

Le cose si sono mosse velocemente dal loro primo premio internazionale a NYIOOC, con il riconoscimento proveniente da tutti i quartieri. "Dal momento che il nostro olio d'oliva è stato riconosciuto come uno dei the best olive oils nel mondo, abbiamo ricevuto telefonate quotidiane da altri olivicoltori che vogliono unirsi alla nostra associazione ", ha rivelato Burić.

"Anche se ero esausto dopo una giornata intensa, ho avuto la sensazione che dovrei guardare la diretta streaming dei vincitori della competizione a New York. Pensavo di sognare quando a mezzanotte ho sentito: "Associazione Golden Šoltanka: Gold Award!" Ho urlato di gioia! Sapevo che questo potrebbe essere qualcosa di molto importante per la nostra isola. Dieci minuti più tardi arrivò una e-mail dalla Germania: un importatore di cibo gourmet e un distributore mondiale vogliono lavorare con noi. Il giorno dopo una famiglia dello Utah ordinò bottiglie 12. E abbiamo ricevuto telefonate ed e-mail dagli ospiti che si sono recati a Solta quest'estate che vogliono prenotare il nostro olio perché temono giustamente che si esaurisca prima del loro arrivo ".

Grazie alla loro grande vittoria a New York, il futuro di Golden Šoltanka sembra certamente d'oro, e Burić è convinto che il successo dell'associazione incoraggerà la competizione tra i produttori locali per migliorare la qualità e la quantità del loro petrolio. Questo esempio di cooperazione di successo può anche ispirare altri piccoli produttori a unire le forze e lavorare insieme per creare e promuovere una categoria superiore di olio d'oliva.



Altri articoli su: , , ,