Quando e come l'aumento dei prezzi all'ingrosso per l'olio d'oliva spagnolo avrà un impatto sui consumatori, le domande continuano a scottarsi mentre la salita continua.

Pubblicazioni importanti, tra cui The Economist e il quotidiano britannico Observer, hanno trattato il problema nell'ultima settimana. Quest'ultimo ha riferito che il più grande fornitore di olio d'oliva del Regno Unito, Filippo Berio, che ha dichiarato che è stato difficile buy olive oil perché i produttori erano in attesa di ulteriori aumenti - aveva avvertito che sarebbe stato costretto a trasferire l'aumento ai consumatori, ma forse non fino a dopo Natale.

In Spagna, un importante marchio avrebbe detto ai rivenditori che, a partire da ottobre 1, il prezzo di una bottiglia da un litro 1 del suo olio raffinato - attualmente venduto nei supermercati a meno di € 3.00 - salirà a € 3.99, ma così non sono stati confermati tali aumenti.

Nel frattempo, all'ingrosso olive oil prices continua verso l'alto mentre la sete della Spagna finisce una delle sue estati più calde mai registrate. Secondo il sistema di informazione sul prezzo dell'olio d'oliva della Spagna, POOLred, il prezzo medio alla rinfusa per l'olio di oliva vergine per la settimana odierna equivale a € 2.58 / kg - fino 91c da € 1.67 / kg all'inizio di luglio quando i prezzi iniziano a decollare, € 2.63 per extra virgin e € 2.52 per lampante.

Due anni di deprimenti raccolti avanti?

Manuel León, presidente del Olive Oil Futures Market (MFAO), ha detto che se non pioverà presto, la produzione della Spagna potrebbe essere inferiore a 800,000 tonnellate di olio d'oliva questo raccolto - la metà del precedente, un record 1.6 milioni di tonnellate.

Il direttore delle vendite di Innoliva, Eduardo Hitos Fuentes, ha detto Olive Oil Times che mentre le condizioni meteorologiche avverse - le terribili gelate e la siccità persistente - avevano già gravemente ridotto le prospettive di questo raccolto, anche il seguente sarebbe stato negativo se non fosse piovuto questo autunno.

Hitos Fuentes ha affermato che la semplice domanda e l'equazione dell'offerta hanno visto un aumento dei prezzi all'ingrosso, ma ora si verificano anche speculazioni. Un altro driver è stata la produzione relativamente bassa di lampante la scorsa stagione, quando la mancanza di pioggia ha reso la raccolta più veloce e ha visto una maggiore produzione di olio d'oliva vergine. Ci sono attualmente molti aspiranti acquirenti di lampante e non venditori, ha detto. Europa Press ha riferito in agosto che la percentuale 85 del prezzo di vendita dell'olio d'oliva era stimata in base al prezzo all'ingrosso del lampante.

Valencia Fruits ha detto che alcuni esperti prevedono che i prezzi all'ingrosso potrebbero continuare a salire per qualche altra settimana e raggiungere un massimo di € 3 / kg, ma rischiano di ridiscendere a metà ottobre, quando la raccolta delle olive inizia nel vicino Portogallo.

E ha riferito che il direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale Jean-Louis Barjol, nei commenti dello scorso venerdì a EFEAgro, ha riconosciuto che mentre il raccolto in arrivo in Spagna sarebbe molto più basso, è rimasto da vedere come i prezzi si evolveranno.

Barjol richiede equilibrio

Barjol ha sottolineato che prima di giungere a qualsiasi conclusione doveva esserci un'analisi delle consistenti scorte di olio d'oliva ancora a disposizione (circa tonnellate 600,000) - come ad esempio quali erano le loro condizioni di conservazione e in quale categoria potevano essere vendute - e anche di previsioni del raccolto per altri paesi.

Per quanto riguarda i prezzi elevati, Barjol ha dichiarato che sarebbe stato utile trovare un livello che consentisse agli agricoltori di realizzare un profitto - dopo prezzi molto bassi negli ultimi anni - ma non così alto da danneggiare il mercato riducendo il consumo vendite in un momento di crisi.

Il CIO ha istituito un olive oil price observatory, chiamato Economy Watch, che terrà il suo primo incontro a settembre 25 a Madrid.

Si prevede un ulteriore furto di olive

Ci sono timori che l'aumento dei prezzi potrebbe innescare un aumento del furto di olive, attrezzature agricole e olio d'oliva, riferisce il quotidiano spagnolo ABC.

La polizia ha iniziato a stabilire quali saranno i punti di identificazione 1,500 nella provincia di Córdoba, dove per cinque mesi saranno alla ricerca di attività sospette.

Ignacio Fernández de Mesa, presidente dell'unione agricola Asaja, ha affermato che è probabile un furto perché "un chilo di olive vale molto più dello scorso anno - 50 per cento in più".

Olive da tavola

La raccolta delle olive da tavola è in corso in alcune parti dell'Andalusia ma, secondo Olimerca, quel mercato ha i suoi problemi e molti produttori prevedono di dedicare una parte consistente della loro produzione quest'anno alla produzione di olio d'oliva, visti i buoni prezzi.



Altri articoli su: