Di Daniel Williams
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

Cinque compagnie spagnole di olio d'oliva si stanno imbarcando in una missione di marketing a Dubai che è prevista per il mese di giugno 11. Questo sforzo internazionale fa parte di un piano più ampio approvato dalla Camera di commercio di Jaén (Spagna) che sta guidando gli sforzi per l'introduzione di prodotti olivicoli spagnoli nei mercati esteri emergenti. Oltre a intraprendere una campagna pubblicitaria negli Emirati Arabi Uniti, le aziende spagnole e i giornalisti parteciperanno anche a scambi commerciali con la Repubblica ceca e la Polonia e ospiteranno rappresentanti dell'India e della Corea del Sud nel prossimo futuro.

Le cinque società che parteciperanno a questa missione cooperativa sono alcuni dei produttori più importanti della Spagna: Olivar de Segura (Puente de Génave), Aceites del Sur-Coosur SA (Vilches), Blocerba SL (de Bailén), Derprosa Film SL, (Alcalá la Real) y Alfareros de Arjonilla SL, (Arjonilla). Insieme ai rappresentanti delle suddette società, saranno presenti i funzionari della Camera di commercio di Jaén. L'obiettivo dichiarato del viaggio a Dubai è quello di impegnarsi in uno scambio commerciale interculturale con aziende che la pensano allo stesso modo di svilupparsi negli Emirati Arabi e nel grande Medio Oriente. Tutto ciò è stato possibile grazie agli sforzi organizzativi degli uffici esteri di ACC1Ó e del Consorzio del commercio catalano.

Al termine di questa missione di marketing internazionale, la Delegazione provinciale di Jaén e la Camera di commercio, in collaborazione con l'Istituto spagnolo del commercio estero (ICEX), hanno in programma di proseguire gli sforzi per internazionalizzare l'olio d'oliva spagnolo. Il mese prossimo, le aziende spagnole si uniranno ai giornalisti dell'agricoltura e della gastronomia della Repubblica Ceca e della Polonia e, a novembre, le aziende spagnole incontreranno i buyer e gli esperti dell'India e della Corea del Sud nella provincia spagnola di Jaén. Tutto questo fa parte di uno sforzo reciproco per mantenere l'impegno commerciale tra i potenziali mercati orientali e i produttori spagnoli di olio d'oliva che hanno bisogno di internazionalizzarsi.


Altri articoli su: , , ,