Texas Farm Bureau

"Non stiamo cercando di reinventare la ruota", ha detto Cathy Bernell con una risata. "Stiamo cercando di salire sul carro."

Bernell è un membro del consiglio di amministrazione di Texas Association of Olive Oil (TXAOO) e un produttore di olio e olio nel Texas orientale, che sta cercando di stabilire e far rispettare olive oil quality standards nello stato.

Stiamo praticamente cercando di diventare un fornitore nazionale di olive e extra virgin olio d'oliva ad un livello sostanziale.- Cathy Bernell, Texas Association of Olive Oil

La scorsa settimana, è salita alla collina di Austin e ha partecipato a un'audizione presso la Commissione per l'agricoltura e il bestiame della Camera dei rappresentanti dello stato. I membri del TXAOO hanno fatto il loro caso per diventare un comitato consultivo.

"[L'udienza] è andato oltre le aspettative. È stato fantastico ", ha detto Bernell Olive Oil Times. "Siamo stati estremamente bene accolti dai membri legislativi. E abbiamo fatto vedere membri del nostro settore. "

Crede fermamente che il settore dell'olio d'oliva del Texas potrebbe trarre beneficio solo dalla formazione di un comitato consultivo.

Tali benefici potrebbero venire sotto forma di sovvenzioni dal Dipartimento dell'Agricoltura del Texas (TDA) e dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA); l'attuazione e l'applicazione degli standard di qualità per vergine e extra virgin olio d'oliva; e finanziamenti per programmi educativi specifici per le olive nelle università, affini all'Università della California, Davis Olive Center

"Lo scopo di questo è fondamentalmente avere [il legislatore] riconoscere la nostra industria in modo tale che quando i fondi federali, i fondi statali, la legislazione, ognuno di quelli arrivano, che siamo una considerazione", ha detto Bernell. "Non penseranno solo alle noci e alle pesche ora, penseranno anche alle olive."

Per diventare ufficialmente un comitato consultivo, il TXAOO deve inviare una petizione al TDA. Poi spetterà al commissario, Sid Miller, approvare la petizione o no.

L'incontro della scorsa settimana presso la Camera dei rappresentanti del Texas è stato il primo passo verso la presentazione e la presentazione della petizione. Bernell ha detto che Dan Hunter, l'assistente commissario, ha dato tutto il suo sostegno al TXAOO, lasciando l'impressione che una petizione sarebbe stata approvata una volta presentata.

"Ho capito dal commissario che non è un problema", ha detto Bernell. "Non voglio definirlo uno schianto perché niente lo è mai, ma penso che stiamo facendo un percorso molto positivo."

Mark Loeffler, un portavoce del TDA, ha detto che il dipartimento non ha ancora ricevuto una petizione ufficiale dal TXAOO e non ha commentato la probabilità della sua approvazione immediata. Tuttavia, ha detto Olive Oil Times che l'TDA è pienamente favorevole al settore e ritiene che abbia un grande potenziale.

"L'industria petrolifera del Texas ha un potenziale illimitato di crescita in quanto offre opportunità a livello di vendita al dettaglio e di ristorazione, e l'agriturismo", ha affermato. "Il Commissario Miller ha lavorato duramente per garantire che TDA abbia il ruolo guida nella promozione dei prodotti coltivati ​​in Texas, a casa e in tutto il mondo."

Tra i modi in cui il TDA già sostiene il settore olivicolo è attraverso l'assegnazione di borse di colture speciali al TXAOO e la fornitura di finanziamenti attraverso il programma di sussidi Young Farmer.

Le sovvenzioni per le colture speciali possono essere richieste dai produttori di frutta e verdura del Texas su base biennale e fornire finanziamenti "per migliorare la competitività delle colture speciali". Secondo il TDA, i fondi possono essere utilizzati per il marketing e lo sviluppo industriale, entrambi di cui Bernell ritiene che siano cruciali per la crescita del settore.

Il Programma di sussidi Young Farmer corrisponde a un dollaro per dollaro qualsiasi investimento nella creazione o espansione di un'azienda agricola del Texas fino a $ 20,000. Tutti i candidati devono avere meno di 46 per poter beneficiare del finanziamento.

Tuttavia, Bernell ritiene che la formazione di un comitato consultivo sarebbe un modo più efficace per fornire finanziamenti per i tre obiettivi principali del TXAOO: ricerca, marketing e standardizzazione.

Christopher Kasmiroski è il proprietario di Texas Angel Oil, che opera nel Texas orientale. Disse Olive Oil Times che mentre non era a conoscenza della spinta per la regolamentazione del TXAOO, crede che l'istituzione di standard stimolerà la crescita nel settore.

"Devo dire che credo ancora da lungo tempo che spero che spero che qualsiasi regolamento incoraggi i nuovi imprenditori a entrare nel settore dell'olio d'oliva", ha affermato.

Attualmente, non ci sono standard per i produttori di olio d'oliva del Texas e il TDA non ha alcuna possibilità di regolamentare l'industria.

"Abbiamo un accordo da gentiluomo che useremo California’s standards", Ha detto Bernell. Una volta che il comitato consultivo è stato istituito e gli standard sono stati stabiliti, spera che il TDA possa quindi iniziare a raccogliere e testare i campioni, agendo come un esecutore.

Spera anche che i fondi più disponibili consentiranno la ricerca per determinare quali olive varieties crescere meglio in diverse parti del Texas e come mitigare gli effetti dei disgeli e dei congelamenti all'inizio della primavera. Quest'ultimo avvenne a gennaio 2017, quando una giornata di 89 si trasformò rapidamente in uno di grado 25, danneggiando alcune colture di olive nello stato.

Secondo Bernell, l'istruzione si accompagna alla ricerca. Lei guarda in California, dove il UC Davis Olive Center ha creato una generazione di accademici oliveti nello stato che è diventato sinonimo di olio d'oliva di produzione americana. Bernell vuole che il Texas sposti questo paradigma.

"Abbiamo bisogno di università accreditate per educare i nostri giovani alle olive proprio come fanno con l'uva", ha detto. "So che il Texas A & M, la Sam Houston State University e il Texas Tech sono tutti d'accordo con l'industria olearia e tutti gradirebbero molto qualcosa sulla linea di un centro olivicolo".

Il problema, ancora una volta, torna ai finanziamenti. Bernell, ancora una volta, torna sull'importanza del comitato consultivo, che è il denominatore comune nell'ottenere questa visione per l'olio d'oliva del Texas da terra.

Una volta stabilito il comitato consultivo, il prossimo passo sarà iniziare il processo legislativo per creare standard e meccanismi di applicazione. La Camera dei rappresentanti del Texas è fuori sessione fino a gennaio 2019.

Fino ad allora, Bernell e altri del TXAOO stanno parlando con i membri dell'associazione, che è composta dalla maggior parte degli olivicoltori dello stato, al fine di determinare quali siano le loro esigenze e necessità. Ha anche arruolato un ex lobbista trasformato in un funzionario della TDA per aiutare a navigare nel processo legislativo.

"Quindi il passo successivo è ottenere la legislazione scritta in collaborazione con i nostri membri per assicurarci che i nostri membri siano a bordo e siano d'accordo con il percorso che stiamo percorrendo", ha detto. "E di nuovo, non stiamo reinventando la ruota, stiamo sicuramente prendendo gli standard e la legislazione di tutti, dalla California all'Australia, e imparando da loro".

Il Texas potrebbe essere un nuovo arrivato nel settore, ma Bernell non conta un aumento meteorico da parte dei produttori dello Stato di Lone Star. Dopo tutto, il Texas genera la seconda più grande quantità di entrate dalla vendita di prodotti agricoli negli Stati Uniti (la California è l'unico stato che genera di più).

"L'infrastruttura in Texas per un settore così giovane è abbastanza buona. Abbiamo un certo numero di mulini, abbiamo un numero di partner affidabili, abbiamo il mulino mobile ", ha detto Bernell. "Stiamo fondamentalmente cercando di diventare un fornitore nazionale di olive e extra virgin olio d'oliva ad un livello sostanziale. "



Altri articoli su: ,