Ricercatori provenienti da Regno Unito, Australia e Spagna hanno esplorato il legame tra il rischio di depressione e seguire una dieta di alta qualità ricca di alimenti vegetali come il Mediterranean diet (MedDiet). Hanno trovato aderenza stretta al piano alimentare in grado di ridurre sostanzialmente la probabilità di sviluppare la malattia mentale.

Esistono prove convincenti per dimostrare che esiste una relazione tra la qualità della dieta e la salute mentale.- Camille Lassale, University College London

I Centers for Disease Control and Prevention riportano che il 8.1 percentuale di adulti americani ha sofferto di depressione in un dato periodo di due settimane da 2013 a 2016. I sintomi includono il sonno e l'appetito poveri, così come il basso umore e la perdita di interesse nella vita. Poiché i farmaci sono efficaci solo in un terzo dei casi, i ricercatori ritengono che modificare i fattori di rischio, come la dieta, abbia un valore.
Guarda anche: Olive Oil Health Benefits

"Esistono prove convincenti per dimostrare che esiste una relazione tra la qualità della dieta e la salute mentale. Questa relazione va oltre l'effetto della dieta sulle dimensioni del tuo corpo o su altri aspetti della salute che possono a loro volta influenzare il tuo umore ", ha detto l'autore principale Camille Lassale dell'University College London Epidemiology and Public Health.

"Abbiamo aggregato i risultati di un gran numero di studi e c'è un chiaro schema che seguendo una dieta più sana, ricca di piante e anti-infiammatoria può aiutare nella prevenzione della depressione".

L' research era una recensione degli studi 41. Di questi, quattro hanno coinvolto una valutazione dell'associazione tra aderenza al MedDiet e depressione negli adulti 36,556. Mostrarono che le persone che seguivano da vicino il piano alimentare erano un terzo meno probabilità di sviluppare la malattia mentale rispetto a coloro che la seguivano meno. Inoltre, il consumo di una dieta pro-infiammatoria con grandi quantità di zucchero, alimenti trasformati e grassi saturi era legato a un rischio di depressione maggiore.

Secondo i ricercatori, seguendo una dieta che evita cibi pro-infiammatori mentre favorisce cibi anti-infiammatori abbondanti in vitamine, minerali, polifenoli e fibre protegge contro la depressione. Tale piano alimentare include frutta, verdura, cereali integrali, olio d'oliva, legumi, noci e pesce.

"Una dieta pro-infiammatoria può indurre un'infiammazione sistemica e questo può aumentare direttamente il rischio di depressione. Ci sono anche prove emergenti che dimostrano che la relazione tra l'intestino e il cervello gioca un ruolo chiave nella salute mentale e che questo asse è modulato dai batteri gastrointestinali, che possono essere modificati dalla nostra dieta ", ha spiegato Lassale.

In un'intervista con Olive Oil Times, Eugene Charles, chiropratico di New York, ha applicato il kinesiologo e autore di antidoti per le indiscrezioni, elaborato su come gli aspetti della dieta hanno un effetto sulla depressione.

"Il MedDiet è ricco di fibre, che è un prebiotico che nutre i batteri intestinali benefici, promuovendone così la crescita. Questi batteri svolgono un ruolo nella produzione del corpo di neurotrasmettitori, in particolare la serotonina e l'acido gamma-amminobutirrico, che innalzano entrambi l'umore ", ha osservato Charles.

"Oltre alla salute dell'intestino, la dieta contribuisce in altri modi a prevenire la depressione. Uno è che il cervello è prevalentemente grasso; pertanto, il grasso sano derivante dall'olio d'oliva e dal pesce grasso migliora la funzione cerebrale. Per anni ho insegnato ai miei pazienti a usare l'olio d'oliva nel loro caffè per renderlo una bevanda più salutare, un ascensore dell'umore e un eccezionale "rimedio naturale" per la depressione. "

Sebbene sia stata stabilita la connessione tra alimenti nutrienti e un rischio di depressione inferiore, esiste la necessità di ulteriori studi di intervento che valutino in che modo migliorare la dieta può giovare alla salute mentale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry.




Altri articoli su: ,