Un nuovo studio pubblicato da un team di ricercatori provenienti da Regno Unito, Arabia Saudita ed Egitto suggerisce che consumano extra virgin l'olio d'oliva può ridurre il danno al DNA causato dall'assunzione di prodotti di soia geneticamente modificati.

Lo studio ha rivelato che i roditori a cui veniva somministrato olio d'oliva e soia geneticamente modificata mostravano un danno al DNA ridotto nella milza rispetto ai roditori che consumavano solo soia GM. La soia GM e i prodotti a base di mais GM sono stati collegati a problemi di salute come il cancro, l'infertilità e la morte prematura.

Altri benefici del consumo di EVOO sono stati identificati nello studio, inclusa la normalizzazione degli eritrociti normocromatici alterati dalla soia GM. È stato suggerito che gli antiossidanti nell'olio d'oliva sono stati almeno in parte responsabili di questi effetti protettivi.

"Possiamo concludere che l'aggiunta di olio EV alla dieta dei ratti sembra efficace nell'inibire il danno ossidativo e può agire da agente protettivo contro le malattie croniche come la fibrosi epatica, l'iperlipidemia e il diabete", hanno concluso i ricercatori.

"Inoltre, l'olio di oliva EV può anche avere una funzione protettiva contro i processi cancerogeni. Sono quindi necessari ulteriori studi clinici per determinare se le osservazioni osservate nel nostro studio si traducono in condizioni e malattie umane ", hanno aggiunto.

Lo studio è stato finanziato dal Deanship of Scientific Research (DSR) presso l'Università King Abdulaziz.



Altri articoli su: , ,