Per quelli sul Mediterranean diet che sono alla ricerca di alcuni nuovi piatti o vogliono provare qualcosa di completamente diverso, guardano a nord - a nord - verso la Scandinavia e la sua dieta nordica.

"Le diete mediterranee e nordiche si basano sull'adozione di uno stile di vita sano piuttosto che seguire un" piano "dietetico restrittivo e ruotano attorno a cibi stagionali, sostenibili e di provenienza locale delle rispettive regioni", ha affermato Layne Lieberman, dietista e autore di Beyond the Dieta mediterranea: segreti europei del super-sano. "Entrambi sono a base vegetale, focalizzati sul pescatore e sottolineano una varietà di scelte alimentari salutari e salutari".

Abbiamo molte più ricerche sui benefici per la salute di extra virgin olio d'oliva rispetto alla colza e la sua produzione è più semplice.- Cynthia Sass, nutrizionista performante

La dieta nordica è stata creata da un gruppo di chef orientati alla salute e alla sostenibilità in 2004, con un occhio al consumo di cibi integrali di provenienza locale, sostenendo così i corpi sani e the environment. La dieta enfatizza "cereali integrali abbondanti e densi, legumi, verdure e frutta stagionali, biologiche e foraggiate, pesce di oceani e laghi, quantità moderate di carne di qualità, latticini e uova a basso contenuto di grassi e cibi meno elaborati e zuccherati", ha detto Lieberman .

Le bacche, i pesci grassi omega-3, le lenticchie e altri cibi ricchi di fibre, e i cereali come avena, segale e orzo sono fortemente presenti nella dieta nordica.

Guarda anche: Olive Oil Health News

Tuttavia, c'è un fastidioso olio nella dieta nordica: canola oil. Prospera nei climi più freddi, motivo per cui è l'olio predefinito per i Nords incentrati sulla località. Ma cambiare l'olio d'oliva per scopi crudi e di cottura può aiutare a migliorare la dieta health benefits, secondo Cynthia Sass, una nutrizionista performante con sede a Los Angeles.

"Abbiamo molte più ricerche sui benefici per la salute di extra virgin olio d'oliva rispetto alla colza e la sua produzione è più semplice ", ha detto Sass.

Lieberman ha affermato che entrambi gli oli sono ricchi di grassi monoinsaturi salutari per il cuore, ma che l'olio di canola può essere altamente trattato.

Oltre ai benefici per la salute, lo scambio di olio d'oliva con olio di canola nei pasti con dieta nordica può anche aumentare il sapore.

"Fresco [extra virgin] L'olio d'oliva è più saporito dell'olio di canola. Adoro usarlo con parsimonia su insalate, pasta cotta, verdure al vapore e frutti di mare ", ha detto Lieberman.

Ha aggiunto che l'olio d'oliva può essere usato come marinata o come sostituto del burro, indipendentemente dalla dieta, nei prodotti da forno.

Sass ha fatto eco al sentimento che l'olio d'oliva può essere un buon sostituto durante la cottura di cibi nordici, aggiungendo che è un buon grasso per arrostire gli ortaggi a radice o cucinare il cavolo rosso.

Rispetto alla dieta mediterranea, che ha subito ricerche approfondite dalla sua divulgazione a metà del X secolo X, ci sono meno studi sulla dieta nordica. Tuttavia, l'Organizzazione mondiale della sanità ha scoperto in un recente sondaggio sulle diete a base di località a cui è stato dimostrato il regime “ promote cardiovascular health"E" produrre perdita di peso "nelle persone classificate come obese.

Come ultimo punto, Lieberman ha affermato che qualsiasi dieta, che sia mediterranea, nordica o qualcos'altro, deve essere seguita in concerto con uno stile di vita attivo. Detto questo, i praticanti della dieta nordica al di fuori della Scandinavia possono prendere alcuni spunti dalla popolazione lì.

"Uno stile di vita attivo è essenziale per il successo delle diete sia mediterranee che nordiche", ha affermato. "Le persone della regione nordica vanno in bicicletta come mezzo di trasporto, anche durante i freddi mesi invernali, usano i mezzi pubblici, camminano ovunque (anche sotto la pioggia) e godono lo sci e altri sport."

Poiché la dieta nordica è talmente focalizzata sull'approvvigionamento di cibi locali, sia per i loro benefici per la salute che per l'ambiente, Lieberman ha affermato che le persone che vivono in climi più freddi potrebbero avere un accesso più facile agli alimenti presenti nella dieta: ortaggi a radice, cavoli e crauti. Per quelli nei climi più caldi, vale la pena sperimentare una miscela di cibi dietetici nordici e mediterranei.




Altri articoli su: , , ,