Il settore agricolo è sulla buona strada verso una terza rivoluzione e la tecnologia è la forza trainante.

Abbiamo confermato i risultati e la resa del nostro olio d'oliva è aumentata del 4-6%. Abbiamo anche un aumento significativo dei polifenoli, tra 100 e 150 ppm.- Emilio Conti, Frantoio Conti

Simon Blackmore, un ingegnere della Harper Adams University nel Regno Unito, ha dichiarato al giornale Natureche tutti i tipi di tecnologie diverse aumentano le capacità produttive dei piccoli agricoltori e riducono i costi.

"Possiamo rendere la produzione agricola significativamente più efficiente e più sostenibile", ha affermato.

OliveCEPT, una macchina che fornisce un ulteriore passo nel processo di estrazione dell'olio di oliva, è tra queste nuove tecnologie che molti nel settore sperano porteranno a rendimenti più elevati di olio d'oliva a costi inferiori per i produttori su piccola scala e su larga scala.

Secondo Johan Möllerström, CEO di the Swedish company che ha progettato e lanciato OliveCEPT, la nuova tecnologia che aiuta i produttori a massimizzare i loro raccolti aggiungendo un altro passo alla linea di produzione di olio di oliva standard.

"Il tradizionale processo di estrazione non trarrà tutto l'olio dalla pasta di olive", ha detto Möllerström Olive Oil Times. "Stiamo aumentando l'efficienza del processo".

OliveCEPT è una macchina simile ad un grande rettangolo bianco posto su un'estremità, con il logo blu dell'Aroma Aroma dipinto sul lato e quattro ruote girevoli nella parte inferiore. La tecnologia è attualmente testata da dieci produttori in Grecia, Italia, Marocco e Spagna.

"Siamo molto fiduciosi che stiamo fornendo vantaggi al cliente", ha affermato Möllerström.

La macchina, che sollecita per la sua efficienza energetica, funziona giorno e notte durante la raccolta e viene inserita tra le fasi di estrazione e di estrazione. La pasta di olive dal palmo entra in un lato del OliveCEPT, che abbatte le pareti cellulari della carne olivastra, rilasciando più olio che poi fluisce nell'estrattore.

"Lo stiamo facendo con la tecnologia dei campi elettrici a impulsi", ha affermato Möllerström. "Ciò significa che stiamo creando un campo di tensione ed elettrico nella camera. Quando lo facciamo, attiriamo particelle in un sedimento di grano e abbattiamo le pareti cellulari, il che massimizza la resa in olio ".

Möllerström sostiene che la tecnologia aumenta i rendimenti petroliferi ovunque tra il 5 e il 15 per cento e, finora, i risultati hanno portato la sua richiesta.

Maurizio Servili, professore presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell'Università della Puglia, ha lavorato al progetto con Möllerström sin dall'inizio. Ha detto che nei test condotti dall'università, OliveCEPT ha aumentato i rendimenti del 5%.

"L'impatto della tecnologia a campi elettrici pulsati applicata al processo di estrazione meccanica dell'olio di oliva ha avuto un impatto significativo extra virgin resa di olio d'oliva ", ha detto. "L'aumento di resa è stato determinato ad almeno il cinque percento rispetto all'estrazione di riferimento in cui la tecnologia a campi elettrici pulsati non è stata applicata."

Emilio Conti, il responsabile della qualità di Frantoio Conti, ha elogiato la tecnologia in un video di YouTube, evidenziando sia l'aumento della quantità e della qualità della sua resa, in termini di profilo aromatico, contenuto di polifenoli ed estetica.

"Abbiamo confermato i risultati e la resa del nostro olio d'oliva è aumentata del 4-6%", ha affermato. "Una qualità migliore del nostro olio viene estratta in quanto aumenta il colore dell'olio, quindi se abbiamo un verde, è verde più intenso. Se abbiamo un giallo è giallo più intenso. "

"Per quanto riguarda il fruttato, aumenta di circa un punto", ha aggiunto. "Abbiamo anche un aumento significativo dei polifenoli, tra 100 e 150 ppm."

Möllerström ha affermato che l'aumento dei conteggi di polifenoli non era esattamente ciò che l'OliveCEPT intendeva fare, ma è un positivo effetto collaterale del processo.

"Questo è un effetto collaterale positivo del trattamento di ottenere più olio d'oliva fuori dal processo", ha detto. "Abbiamo pensato che avremmo avuto questo. Non si sa mai, ma siamo contenti di aver avuto questo tipo di effetto collaterale. "

Mentre OliveCEPT viene utilizzato solo in modo limitato nei quattro paesi sopra citati, Arc Aroma ha anche testato il prodotto nell'emisfero australe, con prove in corso sia in Argentina che in Cile.

Dopo quattro anni di perfezionamento del prodotto, Möllerström ha dichiarato di ricevere un feedback positivo e continuerà a cercare clienti, sia grandi che piccoli.

"Penso che stiamo creando un grande valore per i clienti dell'estrazione di olio d'oliva", ha affermato. "È un investimento piuttosto basso e un breve periodo di ammortamento per la tecnologia".

Arc Aroma utilizza anche tecnologie simili nella produzione di vino, birra e succhi.





Altri articoli su: ,