Frescobaldi

"La compagnia Frescobaldi ha settecento anni di storia", ha affermato Matteo Frescobaldi, il membro più giovane della trentesima generazione di produttori toscani, mentre raggiungevamo un punto di vista idilliaco su dolci pendii ricoperti di viti e ulivi. "Questa è la più antica fattoria di proprietà familiare, e la nostra storia è iniziata qui in 1300, strettamente intrecciata con quella del territorio."

Alla Tenuta Castiglioni, 30 ettari di (74 acri) di oliveti, composti principalmente da piante di Frantoio, sono intervallati da seminativi come grano e mais e viti per la produzione del Chianti.

“Negli 1990 ne abbiamo piantati alcuni experimental varieties e, nell'ultimo decennio, abbiamo aggiunto un appezzamento dedicato alla ricerca e allo sviluppo ", ha dichiarato il direttore responsabile dell'attività di olio d'oliva della famiglia da 2017.
Guarda anche: The Best Olive Oils from Tuscany

Quest'anno, grazie a un'esposizione favorevole, i frutteti situati nella parte occidentale della proprietà hanno dato frutti sani. Tuttavia, il diverso posizionamento dei loro terreni agricoli con suoli e microclimi variegati e altitudini che vanno dai metri 150 a 500 (piedi da 493 a 1,640) consente loro di avere una produttività abbastanza costante ogni anno. "Secondo la stagione, facciamo una selezione dei migliori frutti raccolti nei nostri uliveti e li usiamo nel nostro Laudemio", ha spiegato Frescobaldi.

Mentre camminavamo attraverso le piante fiorenti radicate in un terreno soffice e argilloso, ha sottolineato che quest'anno, nonostante un maggio piovoso e un ritardo nella fioritura che ha portato a piccole gocce sui boschi più alti, hanno ottenuto volumi sostanziali complessivi e il start of the harvest a metà ottobre hanno trovato molti alberi e frutti lussureggianti in ottima forma.

Mentre ci dirigevamo verso est, verso la Tenuta di Rèmole, il contadino toscano spiegò come queste terre si sono evolute nel corso dei secoli e, durante gli 1950 e gli 60, attraversò un processo di modernizzazione.

"Vittorio Frescobaldi e i suoi due fratelli più piccoli, Leonardo e Ferdinando, che è mio padre, hanno avviato una riorganizzazione che ha portato all'attuale allestimento delle proprietà", ha spiegato. "Se gli 1970 sono stati caratterizzati da un crescente interesse per il vino, e questo ha portato la nostra azienda a migliorare questo settore, gli 80 di metà sono stati il ​​punto di svolta per il extra virgin olio d'oliva."

Pertanto, insieme al desiderio di migliorare la qualità della produzione, un nuovo continuous cycle mill è diventato operativo in 1984. Poco dopo, tuttavia, il grande congelamento di 1985 danneggiò pesantemente molti dei loro boschi. A quel punto, molti agricoltori, qui nelle zone interne della Toscana, si trovarono di fronte alla scelta tra concentrarsi solo sul vino o riavviare la produzione di olio d'oliva, per competere di nuovo con i leader industriali del settore, ha rivelato Frescobaldi.

Matteo Frescobaldi

"Abbiamo preso una decisione e applicato all'olio d'oliva la stessa filosofia che avevamo implementato nel vino per decenni - migliorando la produzione attraverso il concetto di territorio", ha spiegato. "Penso che sia stata l'alba del qualitative concept of the extra virgin olive oil, che diventerebbe un prodotto identificato dall'origine e da specifici metodi di produzione come lo è oggi ".

Quindi, dopo il congelamento, in alcune aree, gli ulivi danneggiati sono stati recuperati o riprodotti attraverso i germogli, mentre in altri appezzamenti ne hanno piantati di nuovi seguendo schemi più efficienti. Il desiderio di realizzare un prodotto di qualità legato al territorio è stato il fattore decisivo per la nascita di Laudemio.

Vittorio Frescobaldi è stato il promotore del progetto e il fondatore del gruppo di ventuno produttori che attualmente compongono il Consorzio Laudemio. "Il nome si riferisce alla nostra regione e alle linee guida di produzione che soddisfano i più alti standard, tra cui a tasting panel ciò garantisce l'alta qualità del prodotto ", ha sottolineato il brand manager. "Il nostro primo Laudemio è stato realizzato in 1989."

"Siamo agricoltori e tutto ciò che facciamo proviene dalle terre della Toscana, un magnifico territorio dalle mille sfaccettature", ha continuato, sottolineando che le molte forme e sfumature della regione sono espresse nel loro motto, Coltivare la diversità della Toscana.

“Ognuna delle nostre terre produce frutti unici che esprimono ricchezza biodiversity", Ha considerato. "Rispettare e proteggere il territorio è il nostro obiettivo principale e va di pari passo con la produzione e la promozione di prodotti di alta qualità che rappresentano questa terra inestimabile".

Vostro environmentally friendly approach agli oliveti si unisce alla gestione sostenibile degli ettari 2,000 (4,942 acri) dei boschi e ottengono energia dagli impianti di biomassa. "Produciamo più energia di quella che consumiamo, grazie alla energia verde ottenuta dal legno e da altri sottoprodotti come la vinaccia", ha precisato Frescobaldi, aggiungendo che tutte le strutture sono dotate di pannelli solari.

Raggiungiamo il frantoio aziendale situato nella Tenuta di Nipozzano, che confina con un uliveto di 80-ettaro (189-acro). I frutti di tutte le terre coltivate vengono consegnati qui entro poche ore dalla raccolta e dal extra virgin l'olio d'oliva ottenuto viene selezionato e filtrato due volte prima di diventare Laudemio. “Desideriamo che il nostro extra virgin l'olio d'oliva è speziato, luminoso e fresco per tutta la sua conservabilità ", ha sottolineato.

La scorsa stagione, le condizioni meteorologiche ideali hanno portato a un ottimo prodotto: aromi erbacei, carciofo e rucola e armonia che è illuminata da un accenno speziato che persiste in modo rinfrescante. La 30th edizione di Frescobaldi Laudemio ha vinto un Gold Award all'2019 NYIOOC World Olive Oil Competition.

“Siamo stati in grado di ottenere quell'ambito equilibrio che cerchiamo sempre nel nostro extra virgin olio d'oliva grazie al duro lavoro dei nostri tecnici e collaboratori, che anche nei momenti più complessi e difficili hanno creato le migliori condizioni possibili per i nostri ulivi ”, ha sottolineato Frescobaldi.

"L'anno scorso sono state registrate temperature molto basse tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo mentre i nostri ulivi erano ancora in riposo vegetativo", ha aggiunto. “Ha nevicato molto e abbiamo avuto una fioritura da record when the snow melted".

"D'altra parte, quest'anno, le buone condizioni meteorologiche in primavera hanno favorito una buona raccolta dei frutti e i rami, già a settembre, erano carichi di drupe sane", ha osservato Frescobaldi, aggiungendo che, grazie alla raccolta tempestiva, hanno evitato il problema del olive fruit fly. Dopo la raccolta, coltivano il terreno e, al fine di fornirgli elementi utili, seminano leguminose, come le fave, che crescono accanto alle piante selvatiche.

Guardando oltre le file di ulivi, l'occhio abbraccia una vista magnifica, una miscela armoniosa di forme e sfumature, dove strade bianche e limpide e file di cipressi verde scuro servono come bordi netti e delicati tra i toni striati dei vigneti e le tonalità argentee dei boschi, che sono ancora più iridescenti alla luce del tramonto.

"Non abbiamo potuto fare tutto questo senza prenderci cura della bellezza della nostra terra", ha concluso Frescobaldi. "Credo che i buoni prodotti provengano da posti meravigliosi e che i posti belli diano buoni prodotti".



Commenti