Godfrey Bezzina (a sinistra), direttore di BSS Ltd., spiega il processo al ministro dell'agricoltura maltese, Roderick Galdes

Il piccolo paese mediterraneo è una destinazione perfetta per le vacanze, ma sulla sua terra crescono anche alberi da frutto fertili.

Situato nel Mar Mediterraneo tra la Sicilia e l'Africa settentrionale, l'isola di Malta - in realtà un arcipelago composto da tre isole abitate più grandi, Malta, Gozo e Comino e molte isole minori - è una destinazione turistica popolare con il suo clima caldo, spiagge sabbiose e monumenti storici.

Ma Malta, le cui origini della civiltà risalgono all'età della pietra, è anche un terreno fertile per vigneti e uliveti.

L'olivicoltura è stata introdotta nelle isole maltesi in tempi antichi: alcuni ulivi qui rinvenuti risalgono a più di 1,000 anni fa. Il clima subtropicale mediterraneo e il suolo alcalino sono entrambi ideali per la coltivazione dell'olivo, che un tempo fioriva su queste isole sotto i Fenici e i Romani, come testimoniano molti dei toponimi locali. Successivamente, fu sostituito prima con la produzione di cotone da parte degli arabi, poi con l'allevamento di pecore da parte dei sovrani britannici e infine con aranci e mandorli, dato che molti abitanti abbandonarono l'agricoltura per attività turistiche più redditizie.

Di recente, però, agricoltori e imprenditori locali hanno deciso di far rivivere l'antica tradizione olivicola maltese e la peculiare varietà locale chiamata bidni - una parola che significa "gobbo" a causa della forma della sua pietra - che era molto comune.

Oggi MEPA (Malta Environment & Planning Authority) sta contribuendo a sostenere le comunità basate sugli ulivi attraverso la designazione di aree speciali di conservazione: gli oliveti sono protetti dalla legislazione nazionale e sono necessari permessi per potare, abbattere o sradicare tali alberi.

"Negli ultimi anni c'è stato un rinnovato e rinnovato interesse, sia dalla comunità agricola che da un settore della popolazione maltese nella coltivazione degli ulivi e nella spremitura delle olive, con migliaia di ulivi piantati ogni anno", ha detto Denis Bezzina di BSS Ltd. Forniture agricole. "Naturalmente, ora questi alberi stanno maturando e portando frutto, e oggigiorno intorno a 28 tonnellate di olio d'oliva vengono compresse ogni anno, tra i mulini 9 registrati a Malta".

BSS è una società a conduzione familiare fondata 17 anni fa per fornire prodotti agricoli alla comunità agricola di Malta. Ora l'azienda importa e distribuisce anche migliaia di alberi di ulivo su base annuale e il nome del villaggio in cui si trova il punto di vendita principale, Żebbug (che significa "oliva" "sembra essere stato predittivo.

In 2002 BSS investito in un piccolo frantoio tradizionale con una capacità di soli chili 200 (circa 440 sterline) di olive all'ora. "Questa è stata la seconda stampa importata a Malta", spiega Bezzina, "con la prima stampa che ha una capacità di soli chili 80 (circa 176 sterline) di olive all'ora. A quel tempo, queste due macchine erano sufficienti per soddisfare la domanda locale di spremitura delle olive ".

Dato che il settore è cresciuto in modo esponenziale in pochi anni e si prevede che continuerà a crescere a questo ritmo almeno per alcuni anni a venire, è necessario istituire più frantoi sull'isola. Alla BSS hanno deciso di migliorare le loro attrezzature e investire in un mulino più grande acquistando un frantoio da Pieralisi con una capacità di lavorazione dei chili 1,500 (circa 3,307 sterline) per partita.

La nuova struttura è stata inaugurata il 15th October 2013 dal ministro dell'agricoltura maltese, Roderick Galdes e il direttore generale della BSS, Godfrey Bezzina. Dopo l'inaugurazione, ospiti e giornalisti hanno potuto assaggiare l'olio fresco dell'azienda e altri cibi maltesi tradizionali preparati con lo stesso olio.

"Chiaramente, la dimensione delle nostre isole non consente di competere con paesi produttori di olio d'oliva molto più grandi, quando si tratta di quantità", ha ammesso Denis Bezzina. "Tuttavia possiamo umilmente, ma con sicurezza, affermare che data la nostra posizione geografica e il clima locale, insieme a buone condizioni del terreno, i nostri prodotti sono di altissima qualità e hanno un gusto unico."


Altri articoli su: , ,