` Un campo di battaglia per l'olio d'oliva

Opinioni

Un campo di battaglia per l'olio d'oliva

Settembre 2, 2012
By Curtis Cord

Notizie recenti

An articolo ieri sul Telegraph, ed echeggiato altrove, ha cercato di legare i lettori con il titolo del grido di battaglia "Le compagnie petrolifere dell'Eurozona sono minacciate dall'America ".

"Il crescente mercato dell'olio d'oliva negli Stati Uniti è pronto per essere un 'campo di battaglia "tra gli storici produttori europei e i loro nuovi sfidanti dalla California", avverte l'articolo.

La storia si basa su una relazione da una banca nella Central Valley della California che finanzia l'industria agricola locale.

Il rapporto della banca uscì su un arto prevedendo che i produttori californiani lo avrebbero fatto "probabilmente "guadagnerà il 5 percento della quota di mercato degli Stati Uniti nei prossimi 5 anni - a condizione che gli Stati Uniti stabiliscano "norme più rigorose in materia di etichettatura di qualità e aumento dell'educazione dei consumatori sulla qualità ".

Non è una sorpresa che una banca della California salga sul ring come importatori e produttori americani scovare un ordine di marketing proposto. Ciò che è inquietante è la velocità con cui il suo comunicato stampa è stato trasformato in una campagna pubblicitaria più fuorviante.

Gli stessi esperti della California hanno previsto che l'industria nazionale potrebbe un giorno essere in grado di soddisfare il 5% delle esigenze del Paese - massimo. Arrivare in cinque anni è impensabile.

pubblicità

Il telegrafo avverte i produttori europei "soprattutto la Spagna " "vulnerabile. "Non sembrerebbe così: la Spagna ha raddoppiato le sue esportazioni di olio d'oliva negli ultimi dieci anni e le vendite negli Stati Uniti sono aumentate niente di meno che impennata.

Per non parlare del fatto che le grandi aziende europee stanno aprendo negozi in molti mercati del Nuovo Mondo. Anche California Olive Ranch - di gran lunga il più grande produttore negli Stati Uniti - è di proprietà di investitori spagnoli.

Anche se i produttori americani riusciranno a catturare il 5 percento del mercato in cinque anni, il mercato sarà complessivamente più grande del 30 percento. Quasi uno scenario da giorno del giudizio universale per la Spagna. Lanciati in nuovi mercati in forte espansione come il Brasile e grandi prospettive come l'India e la Cina, e all'improvviso Stock Deoleo inizia a sembrare piuttosto buono.

I produttori del Nuovo Mondo non guadagneranno quote di mercato dipingendo gli oli di oliva europei come inferiori o con richieste di nazionalismo.

Includi il rapporto Rabobank e l'articolo di Telegraph nell'elenco sempre crescente di clamore sensazionale e sforzi sbagliati.

Related News