`Politiche di promozione dell'olio d'oliva dell'UE `` ingiuste '' - Olive Oil Times

Politiche di promozione dell'olio d'oliva dell'UE "ingiuste"

Ottobre 19, 2012
Giusy Pascucci

Notizie recenti

Quella che segue è un'opinione presentata da un lettore non modificata do olive oil Times staff editoriale. Hai un'opinione che vorresti condividere? Vedi il nostro modulo di presentazione e linee guida qui.

"L'Europa chiede a gran voce che i paesi giochino come una squadra, ma fila nella direzione opposta, sostenendo alcuni paesi a scapito di altri, a causa della mancanza di coordinamento delle sue politiche di promozione ".

Questa è stata la dichiarazione rilasciata da CEQ, il Consorzio dell'Olio Extra Vergine di Oliva, durante la conferenza stampa del "Promozione europea: concorrenza sleale? ”Tenutasi a Roma.

Il CEQ ha mostrato prove inequivocabili che dimostrano come l'Europa stia incoraggiando la distorsione della concorrenza contro tutti i principi stabiliti dal Trattato di Roma.

CEQ ha fornito prove delle proprie verifiche nell'ambito delle sue attività di promozione in India, Cina e Russia, dove, grazie al sostegno finanziario dell'UE, si stanno svolgendo varie campagne di promozione identiche, con vincoli diversi.

L'Italia, che applica le norme stabilite dalla DG Agricoltura, è ampiamente autorizzata a promuovere gli oli extra vergini di oliva europei, mentre la Spagna, che applica le norme stabilite dalla DG Regionale, è autorizzata a promuovere esclusivamente prodotti spagnoli. Il risultato è che le campagne di promozione spagnole presentano vantaggi rispetto alla campagna italiana a causa dell'effetto moltiplicatore e tutto ciò viene fatto a scapito dell'Italia.

"Defacto, i soldi dei produttori e i contribuenti italiani stanno sostenendo le campagne spagnole in India, Cina e Russia ”, dichiara Fiorillo, Presidente CEQ. "È un paradosso, ma è esattamente la conseguenza tangibile di una mancanza di coordinamento tra le due direzioni dell'UE. Non ci interessa addebitare o incolpare qualcuno. Siamo semplicemente interessati a una giustizia fatta e sappiamo che il ministro dell'Agricoltura italiano, Mario Catania, sta combattendo una buona battaglia a Bruxelles per riparare i danni arrecati ai produttori italiani a causa delle politiche dell'Unione ".

Durante l'incontro, il sig. Mauro Meloni, direttore del CEQ, ha mostrato diapositive contenenti immagini della campagna spagnola in India, Cina e Russia, dove, attraverso fondi comunitari, la Spagna sta cercando di deviare l'acquisto dei consumatori dai marchi italiani a quelli spagnoli.

"Più di sei mesi fa CEQ ha portato a Bruxelles e alle autorità italiane l'attenzione sui problemi di concorrenza dovuti alla concomitante realizzazione di due programmi promozionali. Anche con l'AGEA e il sostegno del Ministero dell'agricoltura italiano, gli uffici dell'UE non hanno risolto la questione ”ha dichiarato Meloni. "Il caso della campagna spagnola 'L'olio d'oliva spagnolo, sostenuto finanziariamente dall'UE, è solo un esempio, ma potrebbe essere ripetuto per altri prodotti e in altri paesi europei, sempre più interessati ai vantaggi offerti dai fondi FESR. "

"Il ministero italiano ha chiesto la sospensione dei programmi in corso al fine di minimizzare i danni a produttori e cittadini italiani, costretti a sostenere un programma controproducente per l'economia italiana ”, dichiara Fiorillo. Non vorremmo che i funzionari della DG Agricoltura, ignari di ciò che stavano facendo i funzionari della DG Regio, fossero troppo impegnati per lottare reciprocamente sulle loro competenze, dimenticando i problemi dei contribuenti ".

"Contiamo sulla sensibilità politica del Sig. Cioloş al quale il paradosso non può passare inosservato. Non possono esistere due regole europee contrastanti perché darebbero origine a spaccature all'interno dei produttori europei, spaccature che deteriorerebbero il comune sentimento europeo ”


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti