`Il problema più grande dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Il più grande problema dell'olio d'oliva

Marzo 17, 2013
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti

"Sebbene nessun prodotto rivoluzionario sia ancora pronto per gli scaffali dei supermercati, i dirigenti di queste aziende sono fiduciosi. 'In pochi decenni, probabilmente il 75% del cibo che mangiamo proverrà da colture geneticamente modificate '', afferma Edward T.Shonsey, che gestisce la divisione statunitense dei semi di Novartis AG, una società farmaceutica e chimica svizzera che intende intraprendere un'attività agricola -acquisizione baldoria. "(1)

Era il 1998. Due brevetti fondamentali più tardi (2), e il libero accesso a una campagna di grande successo da parte dei produttori di olio d'oliva per informare il mondo benefici per la salute dell'olio d'oliva, e in particolare dell'acido oleico, la Monsanto è pronta a lanciare un olio di soia che sarà sia più economico dell'olio d'oliva che rispecchierà almeno alcuni dei suoi principali effetti sulla salute.

Sulla base Round-Up-Ready semi di soia (un fatto che probabilmente non verrà utilizzato nelle sue campagne pubblicitarie), questo potrebbe rivelarsi il colpo di stato delle pubbliche relazioni del secolo per la Monsanto, che alla fine potrebbe affermare di produrre qualcosa che fa bene agli umani.

Naturalmente, i sommi sacerdoti dell'olio d'oliva e le loro greggi non saranno influenzati - continueranno comunque a esaltare il sapore amaro degli oli pregiati. Ma per i mercati di massa di nuovi devoti dalla Patagonia a Pechino, molti dei quali sono attratti dai benefici per la salute dell'olio d'oliva piuttosto che dal gusto, e per il già senza olive della regione mediterranea sempre più ricettiva ad altre opzioni per grassi sani, la pece della Monsanto potrebbe benissimo avere un potere appiccicoso.

Per l'industria dell'olio extravergine d'oliva, questo arriva in un brutto momento. I materiali di consumo sono in esaurimento a causa delle condizioni meteorologiche, in particolare in Spagna, il più grande produttore del mondo, e questo significa che i prezzi sono aumentati. Il mondo è ancora impantanato nella recessione e non mostra segni di ripresa nel prossimo futuro. Ciò non è di buon auspicio per l'olio extra vergine di fascia alta e costoso da produrre, che è già stato sostituito da oli di oliva di qualità inferiore, miscele e alternative più economiche.

Come se ciò non fosse già abbastanza grave, l'industria è impegnata in lotte intestine distruttive, con i produttori del Nuovo Mondo intenti a mettere in cattiva luce gli oli europei e nordafricani per conquistare quote di mercato in patria e in nuovi mercati all'estero. Questo nonostante il fatto che negli ultimi anni abbiamo assistito a una raffica di nuove leggi dell'UE volte alla garanzia della qualità e alla protezione dell'ambiente e dei consumatori.

Questo non è per sminuire i problemi con gli oli europei in passato, ma con Rapporto USITC sulla concorrenza dell'olio d'oliva che uscirà ad agosto (come menzionato in articoli precedenti - questo non è mai per niente), e il probabile fango che sarà gettato in seguito al Bill Farm degli Stati Uniti contro la nuova politica agricola comune dell'UE (nonostante i tagli votati la scorsa settimana) le prospettive sembrano purtroppo carenti per l'industria extra vergine mondiale che si unisce e riconosce il vero pericolo dell'olio di semi di soia a buon mercato vestito per sembrare sano.

Dov'è il Consiglio oleicolo internazionale in tutto questo? L'organizzazione intergovernativa è così intrappolata nei vecchi modi di fare affari che non potrebbe nemmeno raggiungere il quorum per superare il proprio budget, lasciandolo in uno stato di paralisi. Si è tenuto fuori una riunione critica del Codex e il suo direttore, Jean-Louis Barjol, ha rifiutato un invito dagli organizzatori del mese prossimo Concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York per rivolgersi a un pubblico riunito per il primo grande evento dell'olio d'oliva nel più grande mercato del mondo, un posto e un momento apparentemente buoni per riparare le recinzioni.

Se qualcuno pensa che la Monsanto potrebbe non essere in grado di farcela, riponi gli occhi su di loro successo l'anno scorso nel convincere i californiani (i californiani!) quelli che non vogliono sapere cosa c'è nel loro cibo, e inoltrano al probabile passaggio la prossima settimana di quello che è diventato chiamato Monsanto Protection Act (3) al Congresso degli Stati Uniti. Dall'altra parte dello stagno, l'UE (a livello della Commissione e dell'ufficio brevetti europeo) sembra inspiegabilmente (se si ignora l'esercito crescente di lobbisti) disposta favorevolmente anche verso la Monsanto e il suo genere (4).

Non è troppo tardi. Questo potrebbe essere il breve momento in cui un'industria dell'olio d'oliva unita potrebbe lavorare insieme per affrontare quello che potrebbe essere il suo più grande rivale, che non ha nulla a che fare con i confini oi paesi di origine.

Hai un'opinione che vorresti condividere in un articolo? Vedi il nostro modulo di presentazione e linee guida qui.



Related News

Feedback / suggerimenti