`Il rapporto della Commissione per il commercio non prende in considerazione le ultime misure dell'UE - Olive Oil Times

Il rapporto della commissione commerciale non tiene conto delle ultime misure dell'UE

Settembre 30, 2013
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti

rapporto-commissione-commercio-opinione-non-considera-le-ultime-misure-ue-olio-d'oliva-rapporto-commissione-bandiera-non-considera-ultime-misure-ue2

I Rapporto USITC sulla concorrenza tra Stati Uniti e 'Le principali industrie straniere dei fornitori, "in particolare l'UE, forniscono una grande quantità di informazioni, sebbene per i ricercatori seri sarebbe stato più utile se la stragrande maggioranza di queste informazioni non fosse stata ricavata da telefonate ed e-mail con interlocutori anonimi". Allo stesso modo, prende poca nota sia dei principali cambiamenti legislativi nell'UE che avranno pieno effetto entro la fine del 2014, sia dell'ascesa di quello che potrebbe rivelarsi un importante fornitore del mercato mondiale, vale a dire l'India, che, con il aiuto degli investimenti e della tecnologia israeliani e bassi costi di manodopera è previsto mettere il suo olio sul mercato per la prima volta nella prossima stagione.

Come spesso accade con i rapporti del governo, una mano non presta attenzione a ciò che sta facendo l'altra. Questa relazione deve essere letta sullo sfondo dei negoziati in corso tra gli Stati Uniti e l'UE, che riprenderanno per una seconda sessione la prossima settimana, verso un partenariato transatlantico su commercio e investimenti.

Chiede l'aiuto del governo dopo un investimento sbagliato e altamente speculativo

Gli obiettivi centrali di questi negoziati negli Stati Uniti sono: diffusa deregolamentazione; istituzionalizzazione di azioni legali societarie contro Stati che intraprendono azioni legislative che hanno la possibilità di ridurre i profitti degli investitori stranieri e minimizzare gli effetti del sistema UE di protezione delle denominazioni di origine registrate (DOP).

Proposte legislative labirintiche come quelle suggerite nel Rapporto (che alcuni vedono come grida di aiuto del governo dopo un investimento sbagliato e altamente speculativo) esporranno solo un'ipocrisia che non può che indebolire la posizione degli Stati Uniti in quei negoziati. In effetti, a relazione su crescita e occupazione pubblicato congiuntamente dall'UE e dagli Stati Uniti all'inizio di quest'anno, parla specificamente della riduzione "requisiti di collaudo e certificazione ridondanti e onerosi. "

Ciò che chiarisce il rapporto USITC è la differenza fondamentale tra i produttori californiani, che secondo quanto riferito hanno preso in prestito ingenti somme di denaro al fine di rendere redditizio ciò che è essenzialmente gentiluomo da agricoltura emettendo grida lamentose per l'iconico "parità di condizioni "e tradizionali produttori europei - da parte di grandi piccoli proprietari terrieri ai quali spesso non sono disponibili prestiti bancari e che producono spesso da generazioni. Come molti settori agricoli in tutta Europa, questi agricoltori fanno affidamento sui fondi dell'UE per mantenere il proprio sostentamento, sostenere lo sviluppo rurale, garantire la sicurezza alimentare e proteggere la terra dall'erosione. Questi non sono obiettivi che l'UE abbandonerà o potrà abbandonare.

Notevoli per la sua assenza nella relazione sono le ampie misure legislative che l'UE ha adottato negli ultimi tre anni per garantire la qualità, la purezza e la tracciabilità dei suoi oli d'oliva. Queste misure saranno applicate a livello nazionale e i loro principali beneficiari saranno i produttori di olio di alta qualità. I consumatori verranno informati attraverso un'etichettatura di rilievo "Imbottigliato in Italia "non è un'indicazione del contenuto italiano in quanto ora devono essere indicate tutte le fonti geografiche. Queste misure hanno già consentito ai produttori extra vergini in Grecia e Spagna - per la prima volta - e in Italia (i cui produttori di fascia alta hanno sofferto degli effetti dei bassi prezzi del petrolio miscelato) di commercializzare i loro olii direttamente sui mercati locali ed emergenti invece di alimentare surrettiziamente nell'industria dell'imbottigliamento del mercato di massa italiano (e americano).

Inoltre, basandosi sul "Il modello australiano ”e le sue richieste di ulteriori test e regolamenti, non serviranno bene ai produttori californiani. Poiché mentre il rapporto indica che le importazioni sono diminuite con l'aumento delle campagne di acquisto locali australiane, non riesce a notare che, secondo i dati USDA del 2013, il tasso di crescita del consumo complessivo in quel paese è diminuito costantemente dal 2009 (quando è balzato da zero in 2008 al 10 per cento, dopo aver avuto un tasso di crescita negativo del 7 per cento nel 2007). Allo stesso modo, è stato riferito che gli australiani si stanno stancando di locali costosi "boutique "olii e stanno tornando ai marchi dei supermercati. Il "comprare movimento locale "non è privo di controversie e le mode alimentari sono reali.

Il rapporto si basa sul bromuro che attraversa gran parte di ciò che costituisce un discorso nazionale in questi giorni: il nemico è straniero. Suggerisce fortemente che la California potrebbe conquistare quella che è certamente una base di consumatori della East Coast se solo la concorrenza straniera operasse sotto "principi di libero mercato ". Come l'ex segretario al lavoro statunitense Robert Reich ha riassunto di recente nel suo blog: "Se alcune persone [ad esempio i coltivatori europei] non sono pagate abbastanza per vivere, il mercato ha stabilito che non valgono abbastanza ".) In effetti, un obiettivo molto più realistico per l'industria dell'olio d'oliva di alto mercato sano sarebbe condimenti per insalata preparati a base di sostanze chimiche (di produzione nazionale). Invece di sforzarsi di educare il consumatore sulla chimica del petrolio e sulla fisiologia umana (nb, non accadrà), il semplice slogan di "Leggi le etichette e poi decidi "potrebbe fare miracoli.

Hai un'opinione che vorresti condividere in un articolo? Vedi il nostro modulo di presentazione e linee guida qui.
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti