` Rapporto della Commissione per il commercio una buona lettura per i produttori del nuovo mondo - Olive Oil Times

La Commissione commerciale ha letto una buona lettura per i nuovi produttori del mondo

Settembre 17, 2013
Curtis Cord

Notizie recenti

Un rapporto lungo un libro di testo della Commissione commerciale internazionale degli Stati Uniti, Olio d'oliva: condizioni di concorrenza tra gli Stati Uniti e le principali industrie dei fornitori stranieri, creato per un'interessante lettura del fine settimana per molti in tutto il mondo i cui mezzi di sussistenza sono sincronizzati dai raccolti di olive e potrebbero essere influenzati in parte dalle azioni che il rapporto potrebbe stimolare.

La documento, che è stato preparato su richiesta del US Ways and Means Committee, esamina la complessa industria globale dell'olio d'oliva e le condizioni che devono affrontare i produttori di olio d'oliva americani che sono relativamente nuovi arrivati ​​in un commercio antico con grandi quote.

I principali risultati dell'indagine erano familiari a quelli del settore dell'olio d'oliva e ai lettori di questa pubblicazione: "olio extra vergine di oliva spesso no; l'applicazione delle norme attuali è inesistente; standard più rigidi aiuterebbero i produttori di qualità; I sussidi UE sopprimono i prezzi; la maggior parte dei consumatori non sa nulla dell'olio d'oliva.

A sostenerli c'è un'indagine USITC, che è costata in media $ 2 milioni, per gentile concessione dei contribuenti americani, e forse la contabilità più completa del commercio globale di olio d'oliva mai in un unico posto. Rispondendo alla richiesta del Congresso di fornire dati concreti, il rapporto è un tesoro di fatti e cifre che saranno citati come prove in denunce formali e azioni commerciali che secondo alcuni esperti potrebbero arrivare dopo.

Il rapporto documenta e sostiene le denunce trasmesse dai produttori del Nuovo Mondo in quattro continenti stanchi di competere con le importazioni su un campo sbilenco. E mentre la situazione è stata segnalata per anni in tutto il mondo, questa volta ha l'attenzione del Congresso degli Stati Uniti.

Le reazioni immediate al rapporto nell'industria dell'olio d'oliva sono state messe a tacere mentre molti si facevano strada attraverso il documento della pagina 282 e non erano ancora pronti a commentare, mentre altri si strinsero nelle spalle alle realtà di lunga data del commercio internazionale messe a nudo dagli investigatori e non lo fecero trovare molto da aggiungere.

Dopotutto, sarebbe difficile contestare l'effetto dei sussidi europei sui prezzi globali, o che gran parte dell'olio d'oliva venduto al dettaglio è etichettato erroneamente al punto di acquisto. Nessuno si sta intensificando oggi per sostenere, ad esempio, che l'applicazione delle norme è stata adeguata o che non esistono test migliori per l'autenticità delle attuali norme internazionali.

"Sembra che il rapporto confermi ampiamente l'opinione degli Stati Uniti su ciò che sta accadendo ", ha dichiarato Gregg Kelley, CEO di California Olive Ranch, venerdì. "Speriamo che questo serva da impulso all'azione ".

La recente associazione americana dei produttori di olio d'oliva ha atteso il rapporto la scorsa settimana con il dito sul "invia "pulsante di un giro di vittoria comunicato stampa che ha trovato molto nel documento di suo gradimento. Sulla costa orientale, la North American Olive Oil Association, che rappresenta i maggiori importatori, ha trovato un modo per concludere "le richieste del rapporto di far rispettare gli standard del settore e di educare i consumatori sono coerenti con la missione di lunga data della NAOOA ".

Il Consiglio oleicolo internazionale non ha ancora fatto commenti sul rapporto, che fa riferimento all'organizzazione con sede a Madrid quasi 300 volte.

Paul Miller, che ha guidato la spinta positiva verso l'adozione di nuovi standard in Australia come presidente della Australian Olive Association, ha dichiarato di essere grato per l'analisi completa. "Per me la relazione sottolinea la natura globale dei problemi che l'industria deve affrontare e fornisce il contesto per quello che deve essere uno sforzo globale per superarli. Si spera che sia giunto il momento di una cooperazione efficace ".

Alexandra Devarenne, consulente del settore in California, è stata lieta che gli investigatori lo abbiano riconosciuto "segmenti differenziati "nel mercato dell'olio d'oliva. "Dimostra che la ricerca della qualità e dell'unicità è una strategia importante ed è una buona notizia per tutti i produttori di qualità che i consumatori più esigenti si stanno concentrando su sapore, origine e altre caratteristiche differenzianti ", ha affermato Devarenne.

Era chiaro a tutti che ci sarebbero stati cambiamenti in arrivo nella fornitura di oli di oliva per i consumatori sempre più attenti alla salute e alla qualità nel più grande mercato del mondo.

Related News

Feedback / suggerimenti