La scansione aerea può identificare e salvare gli ulivi infetti

La nuova tecnologia che coinvolge le telecamere volanti offre speranza nella lotta contro una minaccia patogena agli ulivi.

Giu. 5, 2018
Di Mary West

Notizie recenti

La ricerca rileva che un tipo remoto di metodo di imaging può scansionare i frutteti e individuare gli ulivi infetti da un batterio pericoloso prima che compaiano i sintomi. La scansione, che viene inserita in un drone o in un aereo, ha telecamere speciali che identificano sottili cambiamenti nel colore delle foglie che non sono rilevabili ad occhio nudo. Potrebbe essere un aiuto significativo per arginare la diffusione dell'infezione e salvare alberi iconici nell'Europa meridionale.

Gli effetti dell'infezione batterica possono essere rilevati a distanza prima che compaiano sintomi visibili, consentendo una mappatura rapida e accurata degli ulivi infetti da Xylella attraverso i frutteti bersaglio.- Peter North, autore principale

La Xylella fastidiosa (Xf) è un batterio pericoloso che può causare malattie in più di 350 piante. Il patogeno ha infettato olmo, quercia, sicomoro, mandorlo e agrumi, ma gli ulivi sono particolarmente sensibili. I segni negli ulivi infetti includono foglie che sembrano bruciate, insieme a rami e ramoscelli appassiti.

Mentre Xf ha afflitto a lungo le Americhe, negli ultimi anni si è diffuso in Asia e nei paesi europei che si affacciano sul Mar Mediterraneo. È responsabile della distruzione di molti oliveti in Puglia.

Il patogeno non ha cura. L'abbattimento degli alberi infetti è l'unico modo per fermare la diffusione su alberi sani. Il problema è che una volta che gli alberi sono stati infettati, potrebbero non mostrare sintomi fino a un anno, durante il quale gli insetti comuni che si nutrono di linfa potrebbero trasmettere l'infezione. Pertanto, la diagnosi precoce è di vitale importanza per la sua eradicazione.

Nello studio, Pablo Zarco-Tejada della Commissione europea ha lavorato con esperti della Swansea University e di altre istituzioni europee. Hanno messo le telecamere a bordo di un piccolo aereo per scattare foto di frutteti e successivamente hanno testato gli ulivi per l'infezione da Xf.

"Il nostro studio ha scoperto che gli effetti dell'infezione batterica possono essere rilevati da remoto prima che compaiano eventuali sintomi visibili, consentendo una mappatura rapida e accurata degli ulivi infetti da Xylella attraverso i frutteti bersaglio ”, ha affermato il coautore Peter North.

"Si prevede che la diffusione delle malattie delle piante diventerà un problema crescente con i cambiamenti climatici, anche per il Regno Unito. La cooperazione internazionale è essenziale per la diagnosi precoce, per controllare i danni e prevenire la diffusione. Questo studio dimostra la possibilità di rilevare i sintomi in una fase precoce e può essere adattato a droni e aerei per un uso diffuso ", ha affermato il coautore Rocio Hernandez-Clemente.

Poiché la scansione aerea ha identificato ulivi infetti con una precisione superiore all'80%, promette di essere un valido aiuto per aiutare altre piante colpite da Xf. Poiché l'agente patogeno è visto come una profonda minaccia per le piante di tutto il mondo, la scoperta della nuova tecnica è una notizia molto gradita per gli olivicoltori e altri segmenti dell'industria agricola. Sono in preparazione i piani per provare presto la scansione sui mandorleti in Spagna e sui vigneti a Maiorca.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Plants.





Related News

Feedback / suggerimenti