Un pomeriggio con il campione della potatura

In una bella giornata di primavera, lasciammo Roma e guidammo fino al territorio che si estende tra le colline pedemontane dei Colli Albani e il margine delle paludi pontine.

Aprile 24, 2017
Di Riccardo De Luca e Ylenia Granitto

Notizie recenti

Abbiamo incontrato per la prima volta Riccardo Macari dopo la sua vittoria al 14th campionato nazionale di potatura degli ulivi.

Incoraggiamo la produzione di rami vegetativi nella parte inferiore della chioma, facilitando nel contempo la raccolta e l'implementazione di tutte le altre pratiche agronomiche durante l'anno.- Riccardo Macari, potatore di ulivo

Il nostro potatore professionista gestisce diversi oliveti nel Lazio e Stefano Riccio lo ha contattato per ripristinare un vecchio boschetto a La Serenella, un bed and breakfast di recente apertura a Velletri.

In una bella giornata primaverile, siamo partiti da Roma e ci siamo diretti verso il territorio che si estende tra le propaggini dei Colli Albani e il margine delle Paludi Pontine. A La Serenella l'oliveto è fiancheggiato da alberi da frutto e nelle ore tranquille si sentiva il ronzio delle api che ronzano tra i ciliegi in fiore.






La Serenella acquisì dei terreni vicini dove da otto anni non venivano curati diversi ulivi; in particolare, due impianti di 80 anni non erano in buone condizioni. Raggiunsero un'altezza di 8 metri (26.2 piedi), erano coperti da piante rampicanti e abbondanti ventose crescevano dai rami e intorno alla base.

Si notava uno squilibrio tra una scarsa produzione di rami nella parte inferiore e un maggior sviluppo vegetativo nella parte superiore della chioma; se un olivo non viene trattato, i rami si sviluppano in direzione della sommità, inseguendo la luce.

Macari ha lavorato prima su un Frantoio, poi si è occupato di una varietà chiamata informalmente Ritornella che è stato quasi dimenticato fino a quando non è stato recentemente riscoperto da un gruppo di agricoltori, e ora attende di ricevere il riconoscimento formale da parte degli organi competenti.

Il suo nome deriva dalla parola Ritorno (ritorno) perché i piccoli frutti a maturazione tardiva e difficili da staccare di questa cultivar costringono gli agricoltori a tornare di nuovo nel bosco per raccogliere.

Il nostro potatore ha eseguito la potatura di riforma applicando il sistema di allevamento a vaso policonico per consentire agli alberi di raggiungere la piena produzione in un paio di anni.

"Con questo approccio, incoraggiamo la produzione di rami vegetativi nella parte inferiore della chioma, facilitando nel contempo la raccolta e l'implementazione di tutte le altre pratiche agronomiche durante l'anno ”, ha spiegato Macari. "Rispettiamo l'equilibrio e lo sviluppo della pianta ", ha sottolineato, promuovendo lo sviluppo di rami fruttati, piuttosto che polloni e germogli d'acqua.

La potatura è stata eseguita da terra con attrezzatura telescopica per poter lavorare in sicurezza, per avere una migliore visuale d'insieme sull'olivo e per ridurre i tempi di esecuzione. In primo luogo, è stato necessario utilizzare una motosega ad asta per tagliare grossolanamente la calotta, quindi una sega per perfezionare il lavoro.

"Ho iniziato definendo la parte superiore della chioma, poi ho sistemato la stessa distanza dei rami ", ha spiegato Macari. "In questo modo, ho creato la struttura primaria. "

Macari ha quindi eliminato le dicotomie (tratti caratteristici del vaso tradizionale) e ridotto al minimo la struttura legnosa dell'olivo con l'obiettivo di minimizzare l'alternanza di produzione.

Le dicotomie e i rami secondari che hanno raggiunto lo stesso diametro del ramo primario devono essere tagliati per facilitare la radiazione solare del baldacchino.

"Una buona potatura, infatti, migliora gli aspetti fitosanitari perché aiuta a ridurre l'umidità all'interno del baldacchino ", ha aggiunto. "Facilita l'eliminazione di varie malattie, come la scala nera o la Saissetia oleae, e riduce gli effetti delle malattie fungine come la macchia di pavone o la Spilocaea oleaginea. "

Quando il nostro potatore spense la motosega e finì il lavoro, potemmo ancora ascoltare il concerto di api che ronzavano imperturbati tra i fiori.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti