`Conferenza dell'Andalusia sul futuro della produzione tradizionale di olio d'oliva

Produzione

Conferenza dell'Andalusia sul futuro della produzione tradizionale di olio d'oliva

Aprile 4, 2011
Charlie Higgins

Notizie recenti

Rappresentanti dalla Spagna Ministero dell'ambiente rurale e marino (MARM) si è riunito a Jaén questa settimana per discutere delle numerose sfide che deve affrontare l'industria tradizionale dell'olio di oliva del paese. Membri del consiglio di amministrazione dell'Andalusia e del Agenzia dell'olio d'oliva erano presenti anche a questa conferenza pubblica tenutasi nel Auditorio Guadalquivir de Ifeja.

L'evento, intitolato "Coltivazione tradizionale della conversione delle olive: sfide e strategie future per l'attuale contesto finanziario e il contesto futuro degli aiuti ridotti ”è stato ospitato dalla Fiera e dal Congresso provinciali dell'Andalusia. Altre organizzazioni coinvolte nella pianificazione dell'evento includevano il Centro per lo sviluppo e il concorso dell'olio d'oliva per il separatore GEA Westfalia Ibérica, CBH Agro e Caja Rural de Jaén. Anche le agrobusiness spagnole Bioibérica, Mañez e Lozano e Guillermo Garcia hanno prestato il loro sostegno.

L'obiettivo principale della conferenza era fornire informazioni preziose e aggiornate agli agricoltori che lavorano in questo settore vulnerabile. Negli ultimi anni, i produttori di olio d'oliva tradizionali hanno lottato per competere a causa dello squilibrio tra l'offerta e la domanda di olio d'oliva. Attraverso una serie di tavole rotonde e simposi, i partecipanti hanno sviluppato piani d'azione per aiutare la redditività del settore e mantenere la sua vitalità in futuro.

Tra i partecipanti degni di nota alla conferenza vi furono Leocadio Marín, presidente della Fondazione comune per l'olivicoltura; Agustín Rodríguez, segretario generale di UPA-Andalucía; Francisco Molina della Fondazione rurale di Jaén; Rafael Civantos, segretario generale di COAG-Jaén; e José Antonio García, direttore di IFAPA Venta del Llano.

pubblicità

Una delle principali tavole rotonde, intitolata "Il futuro della produzione di olive tradizionali o estese: possibilità e alternative per la ristrutturazione ", ha sottolineato l'oratore Luis Carlos Valero, direttore di ASAJA-Jaén; Il professor Luis Rallo dell'Università di Cordoba; José Humanes di Cotecnisur; e Juan Francisco Hermoso, di IRTA-Tarragona. Máximo Cañete Baquerizo, CEO di CBH Agro, ha condiviso il suo piano per la ristrutturazione del settore. L'evento si è concluso con un intervento di Roque Lara Carmona, delegato del Board of Agriculture and Fisheries dell'Andalusia.

MARM Director condivide i dati di produzione più recenti

Durante il suo intervento, il direttore generale della MARM Isabel Bombal ha analizzato la situazione attuale del settore in Spagna e all'estero, sottolineando che la Spagna è leader nella produzione, commercializzazione, esportazione e internazionalizzazione dell'olio d'oliva. E mentre l'attuale situazione dei prezzi non è coerente con quella realtà, è necessario trovare una diagnosi comune e raggiungere soluzioni comuni.

Bombal ha indicato che la quantità totale di olio d'oliva prodotta finora per la campagna 2010/2011, è di 1,325,700 tonnellate, con un aumento del 22 percento rispetto alla stagione precedente e del 26 percento rispetto alla media delle ultime quattro stagioni.

Secondo Bombal, secondo i rapporti iniziali per il mese di febbraio, le esportazioni sono ammontate a 328,200 tonnellate, in crescita del 20 percento rispetto allo scorso anno e del 27 percento rispetto alla media delle quattro.

Inoltre, Bombal ha indicato che la quantità totale di olio d'oliva scambiato (domestico ed export) ha raggiunto 570,900 tonnellate, con un aumento del 18 percento rispetto allo scorso anno e del 16 percento rispetto alla media delle ultime quattro, principalmente a causa dell'elevato volume di esportazioni.

Infine, il regista ha sottolineato che, alla fine del 2010, il consumo di olio d'oliva nelle famiglie spagnole era di 446,326,000 litri, rimanendo stabile rispetto all'anno precedente.

La sola provincia dell'Andalusia rappresenta attualmente un terzo dell'intera industria olivicola europea e fornisce il 40% delle olive da tavola del mondo e il 40% del suo olio d'oliva.

Fonte: El Ministerio de Medio Ambiente e Medio Rural y Marino

Related News