` La mancanza di lavoratori agricoli in Argentina indebolisce l'industria dell'olio d'oliva vulnerabile - Olive Oil Times

La mancanza di lavoratori agricoli in Argentina indebolisce l'industria dell'olio d'oliva vulnerabile

Aprile 17, 2011
Charlie Higgins

Notizie recenti

La regione argentina di Cuyo, che comprende le province di Mendoza, San Luis, La Rioja e San Juan, è caratterizzata da estati calde e secche e inverni miti; condizioni di crescita ideali per gli ulivi. Cuyo potrebbe produrre olive alla pari con alcune delle regioni agricole più prolifiche d'Europa, ma alcuni problemi organizzativi, tra cui una recente assenza di lavoratori capaci, stanno ostacolando il potenziale della regione.

In 2011 si prevede che la coltivazione dell'olivo a Cuyo crescerà in modo sorprendente del 40 percento, ma quasi la metà di questo oro verde non riuscirà mai a conservare gli scaffali. Semplicemente non ci sono abbastanza lavoratori per raccogliere le olive, che devono essere raccolte e raccolte a mano individualmente. Questa scarsità di lavoratori, unita al basso prezzo internazionale dell'olio d'oliva, sta rendendo impossibile per l'Argentina competere con i migliori produttori di paesi come la Spagna e l'Italia, che ricevono anche forti sussidi governativi.

La stragrande maggioranza dei braccianti agricoli migranti nella regione sono boliviani, le cui lunghe giornate sono trascorse a raccogliere uva, tabacco, zucchero, pomodori, olive e altre colture in diverse piantagioni in tutta l'Argentina. Mendoza è la patria della seconda più grande popolazione di boliviani argentini, la maggior parte dei quali lavora nelle fattorie di olive e uva nella vicina Maipu.

I leader del settore affermano di non aver mai visto una tale scarsità di manodopera sia nel settore dell'olivo che in quello dell'uva, nonostante un decreto presidenziale del 2010 che fornisce ai lavoratori migranti assegni familiari universali e altri benefici. In generale i lavoratori boliviani, non gli argentini nativi, sono quelli che si affidano a questi servizi, ma raramente vi accedono a causa dell'enorme tempo e impegno necessari per entrare nel libro paga dell'assistenza sociale.

Tuttavia, molti lavoratori ricevono le dispense del governo, ma non riferiscono di lavorare. Rodolfo Vargas Arizu, presidente del comitato per le olive di Mendoza, ritiene che questa sia una delle principali cause del problema. "Dovremmo lavorare insieme per trovare una soluzione creativa al problema di come premiare il duro lavoro invece di sovvenzionare il tempo libero ", ha detto Arizu Clarin giornale.

I boliviani sono lavoratori superiori, secondo Arizu, il quale afferma che un tipico boliviano può produrre 14 sacchi di olive al giorno mentre il lavoratore argentino medio ne porta solo otto. I pochi raccoglitori di olive argentini a Cuyo tendono ad essere persone anziane che raccolgono olive ogni anno per rimanere attivi ma non perché hanno bisogno di soldi. I lavoratori boliviani, d'altra parte, viaggiano in tutto il paese in cerca di lavoro mentre cercano di guadagnarsi da vivere con salari bassi. Per ogni borsa da 44 libbre che riempiono di olive ricevono tra $ 2.46 e $ 3.45.

L'industria dell'olio d'oliva di Cuyo continuerà ad affrontare la peggiore crisi che ha visto in trent'anni, secondo Arizu, fino a quando non troverà un modo per combattere il problema del lavoro e trasformare le olive in un'industria di esportazione redditizia come il vino.



Related News

Feedback / suggerimenti